12°

Arte-Cultura

La città alle soglie del Medioevo

La città alle soglie del Medioevo
Ricevi gratis le news
0

Alessia Morigi

Se proviamo a leggere i segni del passato nella città odierna, ci accorgiamo subito del fatto che Parma ha grandi potenzialità. L’archeologia urbana si dispiega, infatti, in numerosi indizi, sparsi nel centro storico con maggiore o minore evidenza. Come spesso accade negli insediamenti dove la vita non si è mai interrotta, la città moderna e contemporanea copre fisicamente quella antica. Sono quindi pochi i resti che, come il ponte romano, sopravvivono concretamente nella loro veste monumentale.
Le tracce più importanti della città antica e medievale sono, di solito, meno grandiose e più deperibili, siccome riguardano la sua forma e quella delle sue strade e piazze. Ciò significa che Parma non appare automaticamente per come era ma che servono professionalità e strumenti adatti a far parlare i segni del passato. Per chi sa leggerlo, il piano regolatore ha lasciato un’impronta molto chiara e, se l'occhio è allenato, si può addirittura arrivare a comprendere la sua evoluzione attraverso i secoli. In età romana la forma della città è geometrica e disegna una scacchiera perfetta: possiamo individuarla facilmente nelle vie che si incrociano ad angolo retto, nella coincidenza tra la piazza attuale e il foro, e, soprattutto, nella possibilità di riconoscere nel catasto di oggi il quadrilatero delle mura antiche. Spingendoci oltre nel tempo, possiamo vedere come mura e porte d’ingresso si modificano attraverso i secoli, seguirne lo spostamento nello spazio e, a volte, verificare se mutano forma edimensioni. Tutto questo ci consente di capire come la città cambia, e, di conseguenza, come si trasformano nel tempo le esigenze di chi la abita. Per farlo, ci basiamo, ad esempio, sulle riprese aeree del centro storico: ad una visione dall’alto a volo d’uccello, il quadrilatero delle mura risulta, infatti, meglio visibile che da terra, siccome vi si sono impostate sopra le case moderne, che disegnano una spina che corre esattamente lungo borgo Riccio, borgo Garimberti, borgo San Silvestro, borgo del Canale. Dopo la fine dell’antichità, questa cinta muraria resta in uso fino al dodicesimo secolo, quando Parma vede la costruzione di altre mura, allargate a comprendere i nuovi quartieri sorti dopo il Mille. Allo stesso modo, si leggono bene le maggiori strade romane, il cardine e il decumano, che corrispondono alle arterie urbane attuali via Farini-Cavour e via Repubblica-Mazzini e costituiscono l’ossatura stradale del centro storico odierno. Nel punto in cui le vie più importanti incrociavano la cinta muraria si aprivano le porte, dalle quali partivano anche le maggiori strade dirette al territorio, visibili dall’alto siccome spesso coincidenti con quelle attuali, 2come avviene, ad esempio, per la via Emilia, la via per Vicofertile, moderna via Imbriani, la strada per Brescello, ovvero borgo del Parmigianino, la via per Luni, ora via Bixio. Mura e strade correvano spesso vicine a canali e il fenomeno diede luogo, nel tempo, alla costruzione di portici, per facilitare le attività artigianali che richiedevano l’uso dell’acqua. Un primo portico si trovava lungo la strada al ponte Caprazzucca, in corrispondenza del tracciato delle mura, a sinistra dell’antica porta. Un secondo portico sorgeva sul lato ovest di un viottolo chiuso tra borgo del Canale e via Nazario Sauro, lungo il lato orientale delle mura, lambite ad est dal Canale Maggiore. Per capire come Parma cambia nel tempo, determinanti sono anche le carte raccolte negli archivi, che tramandano una quantità straordinaria di nomi di luoghi e monumenti, che altrimenti avremmo perduto: sempre in merito alle porte della città, sappiamo, ad esempio, dell’esistenza della chiesa di San Michele de Arcu, sorta nei pressi di un arco romano, che scavalcava la via Emilia all’ingresso orientale di Parma. A sud, in via Farini, ricordata con il nome di via di porta Nova, poi corretto in via dei Genovesi, si apriva una porta detta Peduculosa, localizzata tra le chiese di San Tommaso e San Salvatore.
Un primo documento parla di una Porta Peduculosa, che, in seguito, diventa Pediculosa, Pidoclosa e Pidoliosa. Il significato del nome non è chiaro. Alcuni hanno pensato al pedis, ovvero dall’unità militare bizantina, stanziata presso la vicina chiesa di San Tommaso, oppure al pedes, ovvero un passaggio pedonale, oppure ancora a clausa, cioè chiusa ai pedoni. Altri, facendo riferimento apediculus e ai suoi sinonimi colliculus e monticulus, hanno immaginato una porta proiettata verso i colli. Dalla parte opposta della città, dove le mura correvano, come hanno dimostrato scavi recenti, lungo il lato nord dell’attuale Cattedrale, sorgeva la porta Benedetta, vicino al borgo del Padulo, cioè una zona impaludata. Lungo lo stesso lato nord delle mura si apriva, secondo la tradizione erudita, anche la porta Flumentana. L’ingresso della città da est è testimoniato dalla notizia di una porta situata sotto la Cappella di Santa Cristina. Nel decimo secolo, la cappella era ubicata supra portam civitatis e aveva presumibilmente la fronte rivolta ad est, verso la campagna, mentre l’attuale chiesa barocca si affaccia su via della Repubblica. Infine, si entrava in città da ovest seguendo la strada che scavalcava il torrente all’altezza del ponte romano, che resta in uso fino all’alluvione del 1177, per essere poi sostituito dal nuovo pons Salariorum, o Mocum, costruito poco più a monte. Nel quattordicesimo secolo un sigillo circolare mostra ancora il ponte antico sormontato da edifici della corporazione dei merciai parmigiani.

*Alessia Morigi è responsabile degli insegnamenti di Topografia antica, Metodologia della ricerca archeologica, Topografia dell’Italia antica e Urbanistica del mondo classico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma. Tra i suoi maggiori interessi, la definizione della forma e dell’organizzazione della città e del territorio nella loro evoluzione diacronica e nelle loro multiformi espressioni monumentali, dall’età arcaica alla tarda antichità. E’ uno degli autori di «Parma romana» (Mup Editore 2009) e ha curato il capitolo «La città dentro la città. Le trasformazioni di Parma antica».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Carabinieri Colorno: Arresto di due persone per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di marijuana.

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

1commento

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

1commento

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

3commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

GENOVA

Omicidio a Sestri Levante: ucciso un artigiano

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

INTERVISTA

Rugby, Giovanbattista Venditti: "Il Sud Africa punta su fisicità e aggressività" Video

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Vercelli

Maltrattamenti in un asilo, arrestate tre maestre Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery