10°

22°

Arte-Cultura

La città alle soglie del Medioevo

La città alle soglie del Medioevo
Ricevi gratis le news
0

Alessia Morigi

Se proviamo a leggere i segni del passato nella città odierna, ci accorgiamo subito del fatto che Parma ha grandi potenzialità. L’archeologia urbana si dispiega, infatti, in numerosi indizi, sparsi nel centro storico con maggiore o minore evidenza. Come spesso accade negli insediamenti dove la vita non si è mai interrotta, la città moderna e contemporanea copre fisicamente quella antica. Sono quindi pochi i resti che, come il ponte romano, sopravvivono concretamente nella loro veste monumentale.
Le tracce più importanti della città antica e medievale sono, di solito, meno grandiose e più deperibili, siccome riguardano la sua forma e quella delle sue strade e piazze. Ciò significa che Parma non appare automaticamente per come era ma che servono professionalità e strumenti adatti a far parlare i segni del passato. Per chi sa leggerlo, il piano regolatore ha lasciato un’impronta molto chiara e, se l'occhio è allenato, si può addirittura arrivare a comprendere la sua evoluzione attraverso i secoli. In età romana la forma della città è geometrica e disegna una scacchiera perfetta: possiamo individuarla facilmente nelle vie che si incrociano ad angolo retto, nella coincidenza tra la piazza attuale e il foro, e, soprattutto, nella possibilità di riconoscere nel catasto di oggi il quadrilatero delle mura antiche. Spingendoci oltre nel tempo, possiamo vedere come mura e porte d’ingresso si modificano attraverso i secoli, seguirne lo spostamento nello spazio e, a volte, verificare se mutano forma edimensioni. Tutto questo ci consente di capire come la città cambia, e, di conseguenza, come si trasformano nel tempo le esigenze di chi la abita. Per farlo, ci basiamo, ad esempio, sulle riprese aeree del centro storico: ad una visione dall’alto a volo d’uccello, il quadrilatero delle mura risulta, infatti, meglio visibile che da terra, siccome vi si sono impostate sopra le case moderne, che disegnano una spina che corre esattamente lungo borgo Riccio, borgo Garimberti, borgo San Silvestro, borgo del Canale. Dopo la fine dell’antichità, questa cinta muraria resta in uso fino al dodicesimo secolo, quando Parma vede la costruzione di altre mura, allargate a comprendere i nuovi quartieri sorti dopo il Mille. Allo stesso modo, si leggono bene le maggiori strade romane, il cardine e il decumano, che corrispondono alle arterie urbane attuali via Farini-Cavour e via Repubblica-Mazzini e costituiscono l’ossatura stradale del centro storico odierno. Nel punto in cui le vie più importanti incrociavano la cinta muraria si aprivano le porte, dalle quali partivano anche le maggiori strade dirette al territorio, visibili dall’alto siccome spesso coincidenti con quelle attuali, 2come avviene, ad esempio, per la via Emilia, la via per Vicofertile, moderna via Imbriani, la strada per Brescello, ovvero borgo del Parmigianino, la via per Luni, ora via Bixio. Mura e strade correvano spesso vicine a canali e il fenomeno diede luogo, nel tempo, alla costruzione di portici, per facilitare le attività artigianali che richiedevano l’uso dell’acqua. Un primo portico si trovava lungo la strada al ponte Caprazzucca, in corrispondenza del tracciato delle mura, a sinistra dell’antica porta. Un secondo portico sorgeva sul lato ovest di un viottolo chiuso tra borgo del Canale e via Nazario Sauro, lungo il lato orientale delle mura, lambite ad est dal Canale Maggiore. Per capire come Parma cambia nel tempo, determinanti sono anche le carte raccolte negli archivi, che tramandano una quantità straordinaria di nomi di luoghi e monumenti, che altrimenti avremmo perduto: sempre in merito alle porte della città, sappiamo, ad esempio, dell’esistenza della chiesa di San Michele de Arcu, sorta nei pressi di un arco romano, che scavalcava la via Emilia all’ingresso orientale di Parma. A sud, in via Farini, ricordata con il nome di via di porta Nova, poi corretto in via dei Genovesi, si apriva una porta detta Peduculosa, localizzata tra le chiese di San Tommaso e San Salvatore.
Un primo documento parla di una Porta Peduculosa, che, in seguito, diventa Pediculosa, Pidoclosa e Pidoliosa. Il significato del nome non è chiaro. Alcuni hanno pensato al pedis, ovvero dall’unità militare bizantina, stanziata presso la vicina chiesa di San Tommaso, oppure al pedes, ovvero un passaggio pedonale, oppure ancora a clausa, cioè chiusa ai pedoni. Altri, facendo riferimento apediculus e ai suoi sinonimi colliculus e monticulus, hanno immaginato una porta proiettata verso i colli. Dalla parte opposta della città, dove le mura correvano, come hanno dimostrato scavi recenti, lungo il lato nord dell’attuale Cattedrale, sorgeva la porta Benedetta, vicino al borgo del Padulo, cioè una zona impaludata. Lungo lo stesso lato nord delle mura si apriva, secondo la tradizione erudita, anche la porta Flumentana. L’ingresso della città da est è testimoniato dalla notizia di una porta situata sotto la Cappella di Santa Cristina. Nel decimo secolo, la cappella era ubicata supra portam civitatis e aveva presumibilmente la fronte rivolta ad est, verso la campagna, mentre l’attuale chiesa barocca si affaccia su via della Repubblica. Infine, si entrava in città da ovest seguendo la strada che scavalcava il torrente all’altezza del ponte romano, che resta in uso fino all’alluvione del 1177, per essere poi sostituito dal nuovo pons Salariorum, o Mocum, costruito poco più a monte. Nel quattordicesimo secolo un sigillo circolare mostra ancora il ponte antico sormontato da edifici della corporazione dei merciai parmigiani.

*Alessia Morigi è responsabile degli insegnamenti di Topografia antica, Metodologia della ricerca archeologica, Topografia dell’Italia antica e Urbanistica del mondo classico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma. Tra i suoi maggiori interessi, la definizione della forma e dell’organizzazione della città e del territorio nella loro evoluzione diacronica e nelle loro multiformi espressioni monumentali, dall’età arcaica alla tarda antichità. E’ uno degli autori di «Parma romana» (Mup Editore 2009) e ha curato il capitolo «La città dentro la città. Le trasformazioni di Parma antica».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luciano Ligabue

Luciano Ligabue

28 settembre

Ligabue, incasso del concerto Reggio Emilia a due onlus

Jovanotti annuncia nuovo tour, album esce 1 dicembre

MUSICA

Jovanotti nuovo album e nuovo tour

Oscar: è A ciambra il candidato italiano

cinema

E' "A ciambra" il candidato italiano agli Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Rogito, la novità è il conto di deposito. Ma è facoltativo

L'ESPERTO

Rogito, la novità è il conto di deposito. Ma è facoltativo

di Arturo Dalla Tana

Lealtrenotizie

Tenta di scipparla fuori dal Maggiore e le fa sbattere la testa

sicurezza

Donna scippata in pieno giorno all'ospedale cade e sbatte la testa Video

il parma

Carra e il futuro: "Puntiamo ai play-off", "Closing entro ottobre"

L'ad del Parma: "Abbiamo sempre mantenuto le promesse: mai detto che vogliamo vincere la B. 4 squadre più attrezzate di noi per la A"

1commento

PARMA

San Leonardo, la Casa delle associazioni nel mirino dei ladri Video

E' intervenuta la polizia

1commento

gazzareporter

Scontro fra bici in via D'Azeglio: vistosa ferita al volto per una donna

anteprima gazzetta

Delitto di Natale, così sono stati uccisi Gabriela e Kelly

gazzareporter

E se capitasse davvero? Asfalto pericoloso a Roccabianca

BARILLA

Il futuro della pasta secondo 19 giovani chef. Video: "The Pasta Opera"

Al via il "Pasta world championship" fra Milano e Parma. Il "campionato" ha una giuria internazionale

municipale

Incidente all'incrocio via Firenze- via Pasubio

1commento

trasporti

"Disservizi sulla Parma-Brescia", Pagliari si rivolge al ministro

bassa

Colorno-Casalmaggiore: l'esercito esclude l'ipotesi di un ponte di barche Video

Curiosità: un ponte di barche in una foto del 1920 dal libro Ricordo di Colorno di Franco Piccoli

2commenti

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investito da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

2commenti

salsomaggiore

Da mercoledì, una stagione da vivere con il Teatro Nuovo. Tutto il programma

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

PARMA

La Comunità nigeriana organizza una marcia contro razzismo, illegalità e violenza

Appuntamento domenica 1° ottobre

4commenti

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

1commento

PARMA

Offerte di lavoro: 20 annunci per chi cerca un impiego

ITALIA/MONDO

Genova

Lo vede scassinare la finestra: "Che fai?". Il ladro: "Rubo". Arrestato

2commenti

Social network

Mosca contro Facebook: "Sposti i server in Russia o sarà fermato come Linkedin"

SPORT

Formula 1

Kvyat silurato dalla Toro Rosso

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

SOCIETA'

dubai

Testato il primo taxi volante (senza pilota ai 100 km/h) Video

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery