-7°

Arte-Cultura

Luigi Battei: da garibaldino a editore famoso

Luigi Battei: da garibaldino a editore famoso
0

 In occasione dei 150 anni della spedizione dei Mille, partita da Quarto la sera del 5 maggio del 1860, è interessante ricordare la figura d’un illustre parmigiano che, in giovane età, prese parte a quella storica e leggendaria avventura: Luigi Battei (Parma, 21 giugno 1847 – 29 novembre 1917). 

Fervente patriota, animato da una sincera fede nei valori socialisti e riformisti, Luigi Battei diviene poi librario, tipografo ed editore sagace e ingegnoso, al servizio della cultura, del sapere e del progresso civile. Un uomo che ha il merito d’aver garantito, tra i primi in Italia, un netto miglioramento delle condizioni economiche e sociali dei suoi dipendenti. 
Primogenito di cinque figli, Luigi nasce a Parma, nel 1847, nel popolare Oltretorrente, al civico n. 6 di borgo Taschieri (l’attuale borgo Cocconi n. 4). Fin da piccolo, dalla famiglia, eredita la passione per la carta stampata: il nonno Giovanni esercita la professione di rilegatore e bibliotecario presso la Corte della Duchessa Maria Luigia, confezionando eleganti rilegature (ancor oggi conservate alla Palatina) e fornendo, per la biblioteca privata della nobile regnante, preziose edizioni bodoniane; mentre il padre Antonio svolge la professione di stampatore. 
Dopo aver frequentato le scuole elementari e tecniche, s’iscrive alla Reale Accademia di Belle Arti, e viene poi assunto presso la libreria del professor Giovanni Adorni. Accanto alla passione per il libro, coltiva anche un fervente amor patrio. Così nel 1866, a soli 19 anni, Luigi Battei si unisce al 9° Reggimento Volontari Italiani di Garibaldi, comandato dal figlio dello stesso Garibaldi, Menotti Garibaldi, primogenito di Giuseppe e Anita. A fianco, dunque, di Garibaldi e Menotti, Luigi Battei partecipa alla sanguinosa battaglia di Bezzecca, meritandosi una medaglia d’argento al Valor Militare: la battaglia, combattuta il 21 luglio 1866, è vinta dal Corpo Volontari Italiani di Garibaldi che fermano il tentativo del comandante austriaco, generale von Kuhn, di ricacciarli verso il Lago d’Idro. Al ritorno dall’avventura garibaldina, Luigi ritorna a lavorare presso la libreria Adorni e nel 1868 assume nelle sue mani l’intera gestione dell’attività. Il 12 settembre 1872 apre una nuova libreria in strada Santa Lucia, ora strada Cavour: l’attuale libreria Battei che tutti conosciamo. Ben presto affianca, all’attività della libreria, un grande stabilimento tipo-litografico ed editoriale, mentre la bottega diviene, anno dopo anno, un frequentato salotto letterario, luogo d’incontro dell’élite intellettuale della Parma di quel tempo. Si narra che Battei dedicasse alla sua attività fino a 17 ore al giorno, raggiungendo una crescita sbalorditiva: dapprima, apre una tipografia in borgo Serena; nel 1882, rileva una litografia, con annesso gabinetto fotografico (sarà il primo a fotografare, al Teatro Regio, il sipario del Borghesi con lampi di luce dando fuoco alle polveri di magnesio) e, nel 1889, sposta il laboratorio litografico nei locali della litografia Dall’Olio. Infine, nel 1897, l’intero stabilimento tipografico, litografico e fotografico trova la sua definitiva sede in strada Melloni, ovvero nel grande fabbricato addossato all’antico Monastero di San Paolo.
Successivamente amplia ancora l’attività, moltiplicando la sua presenza in borgo Schizzati, in via Saffi e in borgo del Correggio, dove trova sede la legatoria, mentre la libreria di strada Cavour acquista sempre maggior prestigio. Nel 1908 si conta un numero sbalorditivo di macchine tipografiche, più di ottanta, mentre i dipendenti, tra operai, apprendisti, tecnici, impiegati e addetti alla libreria, sono ben 135. Dotato d’una particolare sensibilità verso le problematiche sociali, Luigi è tra i primi imprenditori italiani ad introdurre una serie di significativi benefici nella vita lavorativa dei suoi dipendenti, assicurandoli a proprie spese contro gli infortuni e la malattia, riducendo l’orario di lavoro e istituendo un servizio di mensa gratuito: mensa aperta anche ai giovani ospiti dell’Orfanotrofio della città. 
È poi uno dei primi soci che aderiscono alla benemerita Assistenza Pubblica di Parma. I suoi meriti nel campo editoriale sono noti: specializzato in editoria scientifica e universitaria, esporta i suoi libri in tutto il Regno con l’approvazione dell’allora Ministero della Pubblica Istruzione. La sua fede nel valore dell’istruzione e del sapere come strumenti per il progresso umano e civile è ricordata da Angelo Ciavarella (direttore della Biblioteca Palatina e fondatore del Museo Bodoniano di Parma) nella biografia su Luigi Battei pubblicata nel 1975 dal pronipote Antonio, l’attuale editore. Oltre al prestigioso “Manuale tipografico di Luigi Battei” del 1888, secondo solo a quello del Bodoni, lo stampatore fonda il settimanale “Le campane d’Italia” e, per oltre cinque anni, pubblica il quotidiano “Il Corriere di Parma”, d’ispirazione liberal-progressista,  che stampa dal 1898 al 1901. 
Il 12 agosto 1896, Luigi è insignito, dal Governo italiano, del titolo di Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia per il suo alto impegno professionale e per il forte sviluppo impresso all’arte tipografica, con iniziative editoriali che caratterizzano tutto il fine secolo letterario italiano e che gli valsero  riconoscimenti nelle più importanti esposizioni d’arte della stampa in Italia e all’estero: Parigi, Londra, Bruxelles. Muore la mattina del 29 novembre 1917, a settant’anni, mentre si reca al suo stabilimento. Alla sua memoria, la Giunta comunale di Parma gli intitola la strada che da via Torelli conduce a strada Zarotto. 
LAURA CASTELLI
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

29commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Gazzareporter

Pulire la Parma con temperature sotto zero...

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

6commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

L'Fmi taglia il pil dell'Italia: +0,7% nel 2017, +0,8% nel 2018

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video