16°

Arte-Cultura

Bellano, miti sardi lungo il lago

Bellano, miti sardi lungo il lago
0

 di Francesco Mannoni
L'esistenza della mamma del sole è una delle scoperte che ho fatto andando per la prima volta in Sardegna con mio figlio per farlo conoscere alla lunga fila di zie e zii che mia moglie, sarda, conserva là. Questa leggenda mi ha incuriosito molto, perché mentre da noi usiamo metafore nere, buie, non dico per spaventare i bambini, ma per convincerli all’ubbidienza, in Sardegna, grazie alla natura solare, la mamma del sole è diventata l’alter ego di queste nostre figure scure». Andrea Vitali, il romanziere di Bellano, giustifica così il titolo del suo diciottesimo romanzo «La mamma del sole» (Garzanti, pagine 288, euro 18,60), e la sua incursione nel mondo dei miti sardi dove il fantastico spesso sposa l’orrido e aizza la balentia dei giovani alle sfide supreme.
«Mi piaceva la sua immagine di luce immensa, quasi cattiva - spiega ancora Vitali finalista con questo romanzo al Premio Pen Club -, contrapposta invece al buio, alle ombre e alle atmosfere con cui venni condizionato da bambino. Questa mamma del sole mi ha talmente suggestionato che non sono riuscito più a dimenticarla». 
A evocare ''la mamma del sole'' è il brigadiere sardo Mannu, in servizio a Bellano. In un flash all’inizio del romanzo, in un luglio umido e caldo, rammenta i suoi spauracchi di ragazzo, come se anche in Lombardia, sul lago, fosse arrivata la luminosa figura a picchiare duramente sulle teste. Personaggio già noto ai lettori di Vitali come l’appuntato siciliano Misfatti, il maresciallo Maccadò e il carabiniere Milagra, Mannu è impegnato a seguire un caso molto ingarbugliato: la scomparsa nel nulla della sessantottenne Maria Domenici, che aveva lasciato il Pio Albergo San Generoso di Gravedona il giorno della festa della benefattrice dell’Istituto, e s'era imbarcata sulla motonave Nibbio sulle tracce del figlio Aurelio, attorno al quale s'infittisce un mistero di cui un sacerdote conosce la verità, ma è indeciso se dirla o meno. Ma per Maria, scoprire che gli «ossicini del figlio non sono nella bara come aveva creduto per cinquant'anni, equivale ad uno shock tremendo, tanto da morirne». Indagando su Maria, Mannu si ritroverà anche ad assumere informazioni su Velia Berilli, donna nota in tutto il circondario per aver partorito 14 figli tra legittimi e illegittimi. E saranno altri misteri. Anche in questo romanzo che si svolge nel 1933, Vitali riporta parecchi richiami all’era fascista sfondo della vicenda, a cominciare dalla motonave «Patria»  che sta facendo l’ultimo viaggio sul Lago di Como, le imprese di Italo Balbo, una flotta di idrovolanti che sta attraversando l’Oceano Atlantico e altri avvenimenti che a Bellano vedono coinvolte autorità politiche ed ecclesiastiche. 
Vitali, c'è una ragione particolare per cui ha chiamato Maria la protagonista del romanzo?
«Il nome questa volta è volutamente canonico. Maria è il riassunto del mio mondo che sta scomparendo. Non vorrei dire una cosa troppo intellettuale o troppo malinconica, ma con il passare degli anni i miei personaggi di riferimento purtroppo, se ne stanno andando, il mondo stesso sta cambiando a una velocità esagerata e questo mi mette un po' di malinconia. Maria Domenici, non solo va alla ricerca di un figlio che ha avuto e che non ha mai conosciuto, ma è come se andasse a ricreare un mondo che non esiste assolutamente più».
 Il mistero che aleggia intorno alle due donne, Maria e Velia, dà alla storia un andante giallo, ma visto il procedere del romanzo, non mi sembra che la sua intenzione fosse di scrivere un noir, e il libro ha fini ben più alti e profondi.
«La mia intenzione non è mai stata quella di scrivere un giallo classico o un noir: non è nelle mie corde e non ci tengo neanche. Mi piaceva molto di più l’idea di rendere l’impressione del mondo che pian piano va componendosi e omologandosi. Non più quello a cui finora ho fatto riferimento, e spero di continuare a farlo negli scritti futuri, ma il mondo della mia infanzia, della mia gioventù. Un mondo un pochino più chiuso, ma più compiuto, autosufficiente». 
Come possiamo valutare una pena immensa come quella di Maria? 
«La pena delle madri non è valutabile, e Maria ne muore, delusa della vita, straziata dal dolore. Ma questo fa parte anche della mia realtà, perché dopo quasi trent'anni di professione medica, ho visto tanta gente morire delusa. E’ un discorso che ho meditato a lungo perché nei romanzi precedenti preferivo dare spazio più al divertimento e al grottesco, ma di fronte alla figura di Maria non me la sono sentita, perché rappresenta l’addio alla vita senza averla compresa del tutto».
Che cosa differenzia questo suo romanzo dai precedenti?
«La differenza è che qui ho affrontato il tema della sofferenza e del dolore nella vita, e confesso che chiuso ''La mamma del sole'', sono entrato in un blocco di scrittura e non riesco a rientrare nella dimensione ludica che ha caratterizzato altri miei libri».

La mamma del sole - Garzanti, pag. 288,  18,60

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling