Arte-Cultura

Colosseo, gigante malato

Colosseo, gigante malato
0

di Maria Pia Forte

 

Considerato eterno ma assediato da traffico e smog, l’Anfiteatro Flavio si sbriciola: il piano di un grandioso restauro per il quale si cercano sponsor nazionali ed esteri dovrebbe restituirlo a nuovi fasti; purché non si esageri: con i suoi resti aggrediti dall’incuria e dai saccheggi il monumento più visitato d’Italia ha saputo «parlare» della grandezza di Roma ad artisti e scrittori, da Michelangelo ad Andersen. 
Massiccio che più massiccio non si può, innervato di fasti e nefandezze, arioso sotto i cieli spazzati dalla tramontana e torvo sotto le nuvole, il Colosseo o Anfiteatro Flavio sta lì, ombelico di Roma e forse del mondo intero, dall’80 d.C., quando fu inaugurato dall’imperatore Tito. Per erigere con i rudimentali mezzi di quei tempi una tale massa di travertino (100.000 metri cubi trasportati da Tivoli), tufo, mattoni e marmi, oltre a un contorno di caserme («ludi»), palestre, magazzini per le armi, uno spogliatoio e un «ambulatorio» per i gladiatori feriti, si impiegarono solo otto anni: merito, certo, degli schiavi spremuti come macchine.   L’enorme anfiteatro, il più grande dell’antica Roma - per 50.000 spettatori, ma c'è chi dice 75.000, - servì a Vespasiano, che lo avviò nel 72 d.C., per cancellare lo stagno creato dall’esecrato Nerone per la propria reggia, la Domus Aurea. Sopravvissuto a devastanti terremoti, all’occupazione di tombe e poi di nobili e poveracci che a turno ne fecero la propria dimora, ai saccheggi dei barbari e ai furti di materiali durati fino al Settecento per la ricostruzione dell’Urbe, divenuto in quel secolo una chiesa in memoria dei martiri cristiani e oggi dichiarato Patrimonio dell’umanità, sembra proprio che esso debba essere eterno; per lo meno è quello che tutti sperano, dato che stando ad una profezia medievale il suo crollo coinciderebbe con la fine di Roma e del mondo.  Eppure il Colosseo si sbriciola. Ridotto a spartitraffico al centro di un flusso di duemila automobili e autobus all’ora che producono distruttive vibrazioni e un rumore assordante, aggredito dall’inquinamento, visitato da quasi sei milioni di persone all’anno, qua e là puntellato, ha bisogno di urgenti cure. Recenti scosse di terremoto hanno provocato piccoli crolli. Questa «carcassa di mammut (...), che meglio di tutti i libri testimonia della grandezza scomparsa di Roma», come lo definì Hans Christian Andersen, per il sindaco Alemanno è diventata una «inquietudine quotidiana», benché essa sia di competenza del ministero per i Beni e le Attività culturali. Incisivi restauri sono già in corso e hanno riportato in vita alcuni spazi finora inaccessibili. Ma se ne preannunciano ben altri: un piano grandioso di resurrezione che costerà 25 milioni di euro (la ricerca di sponsor italiani e stranieri è cominciata) e che renderà il Colosseo non solo più solido ma anche più visitabile, più pulito, meglio recintato e illuminato, più protetto dal traffico, più moderno negli impianti come biglietteria, book shop e bagni, in poche parole un gioiello da visitare con percorsi guidati.   Qualcuno, nel ginepraio di sovrintendenze capitoline e ministeriali che si dividono le antichità della Città Eterna, favoleggia anche di allestirvi spettacoli di gladiatori, animazioni virtuali e video-installazioni, non carnevalate ma iniziative condotte con criterio, e magari di ripristinare in una piccola porzione rivestimenti e statue: è il concetto sempre più diffuso che i monumenti antichi debbano essere meno «sacri» e più «quotidiani», parlare alla gente. Ma c'è davvero bisogno di tutto questo per sentir «parlare» il monumento più visitato d’Italia? Con la sua forma ellittica riprodotta in milioni di souvenirs, col cinema che ne ha fatto un’attrazione di cartapesta, con i rustici giovanotti che mascherati con mantellina rossa e gladio volteggiano intorno ai turisti estasiati di farsi fotografare con antichi gladiatori, un po' Disneyland, suo malgrado, il Colosseo lo è già. Bisogna evitare che lo diventi ancora di più. In settembre inizieranno le visite guidate alla parte restaurata (circa un terzo) degli ipogei, i sotterranei dove si ammassavano leoni e altri animali feroci e gli atleti, per lo più schiavi, si preparavano allo spettacolo, che poteva anche concludersi con la loro morte, da inscenare nell’arena davanti all’imperatore e al popolo: un labirinto da cui grandi montacarichi issavano alla luce del sole gli animali e che immaginiamo maleodorante e vociante nei bagliori guizzanti delle torce. Dopo la conquista della Dacia, nel 106 d.C., Traiano indisse quattro mesi di festeggiamenti, nel corso di quali - racconta Rossella Rea, direttrice del Colosseo - furono uccise 16.000 belve. Come fa a non parlarci un luogo del genere?   I secoli non hanno cancellato i fiumi di sangue di bestie e uomini corsi fra i marmi un tempo bianchi del Colosseo: un’aura drammatica serpeggia fra le ossa del mammut scavate dal tempo, tra le arcate cieche e sbocconcellate, tra gli anfratti densi di ombre della cavea. Piranesi ben la ritrasse nelle sue cupe incisioni. Una drammaticità che, sotto forma di malaria, uccide Daisy Miller, la giovane americana protagonista dell’omonimo romanzo di Henry James, che in una imprudente visita notturna al Colosseo contrae la «febbre perniciosa». Ma il dramma sconfina nel sublime: così appariva l’anfiteatro a Stendhal, così era apparso a Michelangelo. Così lo vide, ancora, Andersen, che in una notte di luna piena lo paragonò a «una tragedia di pietra»: «Le pietre - scrisse - intorno a noi hanno voci. (...) In un ambiente grande l’anima si sente grande, il Colosseo predica la vita del mondo, la grandezza e l’impotenza della stirpe umana». Queste voci non le sentiamo più? 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video