-4°

Arte-Cultura

Ispirò grandi architetti

Ispirò grandi architetti
0

 Ricorre quest’anno il 550° anniversario della nascita di Francesco Mario Grapaldo, umanista parmigiano molto importante, anche se poco noto al vasto pubblico. La sua opera principale, «De partibus aedium» è però da sempre apprezzata dagli studiosi, in quanto, descrivendol'abitazione rurale del Quattrocento, offre un panorama anche dei costumi e dell’economia agricola del tempo; inoltre ha ispirato architetti rinascimentali come il Sangallo il giovane, il Bramante, dando origine alla tipologia delle ville venete, tanto da essere citato nel Settecento da Guarino Guarini.    

Ci soffermeremo più avanti su questa importante opera (della quale peraltro abbiamo già parlato in altri interventi); ora illustriamo la vita del Grapaldo, forse meno conosciuta dei suoi scritti, che si svolse interamente, tranne qualche breve periodo dovuto a incarichi pubblici, nella nostra città.Nacque, secondo quanto scrive lo storico U. Benassi, nel 1460 da Catellano, filosofo e giureconsulto, e da Beatrice Ravacaldo; rimasto orfano di entrambi i genitori nella peste del 1468, fu accolto dallo zio materno Niccolò Ravacaldo arciprete di Fornovo, che lo educò e lo avviò agli studi, indirizzandolo poi al dotto Filippo Beroaldo, sotto la cui guida il giovane si specializzò negli studi umanistici.
 La sua prima uscita pubblica , in giovanissima età, fu l’epistola del 1477 in lode del podestà di Parma Iacopo Bonarello. Venuto a mancare lo zio benefattore, Francesco Mario dovette cercarsi un’occupazione, per cui si iscrisse alla Matricola dei Notai e si offrì al Comune per l’insegnamento delle umane lettere, venendo accolto. Nel frattempo si era sposato con Amabilia Garimberti, da lui molto amata, come risulta dai suoi scritti. L’insegnamento fu la sua attività principale, anche se fu aggregato agli Anziani del Comune e iscritto all’Arte della Lana; nel frattempo si dedicava alla scrittura, dando alle stampe nel 1494 il «De partibus aedium», che lo rese famoso, essendo ristampata più e più volte in Italia, Olanda, Svizzera, Francia. Continuò con successo anche la sua attività di pubblico amministratore: Cancelliere del Comune espletò vari incarichi sia pratici, sia come oratore. Parma in questo periodo attraversa alterne vicende, prima caduta sotto i Francesi, poi sotto lo Stato Pontificio; il Grapaldo comunque prosegue il suoi studi, come il «De verborum explicatione» riferito al «De partibus aedium» per illustrarne i termini più astrusi o il commento alle Commedie di Plauto scritto assieme a Taddeo Ugoleto. Parma, dopo la cacciata del Francesi nel 1511, inviò al papa Giulio II un’ambascieria, guidata dal nostro Francesco Mario, che eccelleva per la capacità oratoria e la prestanza fisica («prestanti facondia et insigni corporis proceritate», come scrisse il Giovio). La sua arringa piacque talmente al papa, che lo incoronò con la laurea poetica di propria mano in Vaticano e ciò suscitò non poche invidie, di cui lo stesso fa cenno in alcune sue invettive contro i parmigiani. Morto Giulio II salì al soglio pontificio Leone X, per cui fu inviata una nuova ambasceria sempre guidata dal Grapaldo, alla quale ne seguì un’altra al cardinale Ippolito Dè Medici.Questi viaggi faticosi indebolirono il Grapaldo (che già aveva sofferto di reumatismi curati presso i bagni di Lesignano), che si aggravò e morì nel 1515 pronunciando parole di fede, tra le braccia del figlio e dei suoi più stretti amici. Fu sepolto nella Chiesa di San Giovanni, presso la terza colonna a sinistra, sulla quale un epitaffio, dettato da suo figlio, lo ricorda così: «Fr. Hic Marius Grapaldus/ hic vates vatum reconditorum acutus interpres/ qui tot struendis et dies vigit trivit/ verbisque dedit obcuribus lucem/ longis quiescit iam laboribus fessus».
Ci è giunto di lui anche un sommario ritratto, in un’incisione posta all’inizio del «De verborum explicatione», nell’edizione parmense del 1516: sul capo, coperto da un cappello ad ampia falda, cinge la corona d’alloro; seduto davanti a una scrivania, tiene dinnanzi un libro aperto, su cui poggia con una mano una penna d’oca, simbolo della poesia, con l’altra una specie di bulino, che potrebbe simboleggiare l’architettura, richiamando la sua opera più nota. 
Un cenno merita anche il suo rapporto con Parma, che risulta ambivalente, in quanto si alternano grandi lodi, come nel discorso per Giulio II o all’inizio del «De partibus aedium», a aspre invettive contro di lei, perché «suos pellit, externos suscipit» facendo grandi accoglienze a «scurrae» (buffoni volgari) e «scoenabates» (ballerini e acrobati). Tuttavia vi passò la maggior parte della sua vita, trovandovi numerosi amici che piansero la sua morte. Oltre ai già citati «De partibus...» e «De verborum...», ha lasciato anche varie pubblicazioni: «Tranquillus Molossus» (Parma, 1501); «Libellum Psalmorum Poenitentialium» (Parma, 1505); «Silva in Deditionem Parmae   Julio II» (1512); commento alle «Comoediae viginti di Plauto» (Parma, 1510); inoltre vari carmi latini e volgari dispersi.
ANNA CERUTI BURGIO
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

bello figo

bufera

Bello Figo tra minacce e 4 concerti annullati in un mese Video: live a Torino

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 23 gennaio

VELLUTO ROSSO

Una settimana a teatro: classico, contemporaneo e...

Lealtrenotizie

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

DELITTO DI NATALE

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

2commenti

Poltica

Pizzarotti con il centrosinistra? Pd, scintille tra Parma e Bologna

Merola: "Lo coinvolgerei". Serpagli: "Nell'Ulivo il gioco è di squadra". Pizzarotti: "Parma ben amministrare, il Pd locale dovrebbe essere contento e non zittire"

1commento

il fatto del giorno

Quando la burocrazia può davvero prevenire le tragedie Video

carabinieri

70 cellulari e 15,200 euro in casa, arrestato spacciatore albanese Video

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

2commenti

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

lirica

Festival Verdi '17, Meo: "Artisti e produzioni di alto livello" Video

Dedicato a Toscanini nel 150° anniversario dalla nascita. Per lo Stiffelio, al Teatro Farnese, pubblico in piedi

SCUOLA

Notte dei licei: il Classico Maria Luigia Gallery

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

SONDAGGIO

Evacuo è ancora utile alla "causa" Parma?

ITALIA/MONDO

incidente

Elicottero del 118 precipita nell'aquilano: tutti morti i sei a bordo

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

1commento

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

2commenti

SPORT

COPPA ITALIA

Il Napoli batte la Fiorentina e vola in semifinale

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

FOOD

IL VINO

Nasce ad ottobre il Pignoletto "Bosco" manifesto dei Bortolotti

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure