12°

23°

Arte-Cultura

Clientelismo e regresso

Clientelismo e regresso
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Mannoni

"Siamo stati ingannati da molti decenni di clientelismo". Non ha peli sulla lingua il sociologo Luca Ricolfi, docente di analisi dei dati all’Università di Torino, entrando nel vivo della discussione del suo libro  «Il sacco del Nord» (Guerini e Associati, pag. 271, euro 23,50) che ha suscitato parecchie polemiche. L'opera, finalista al premio Pen Club che verrà assegnato a Compiano sabato 4 settembre, introduce l’analisi di «una contabilità nazionale liberale» in alternativa a quella ufficiale. 
Come verrebbe attuato il sacco del Nord?
Esiste in Italia una retorica degli svantaggiati che beneficiano di interventi particolari. Succede con le false pensioni di invalidità, per le quali lo Stato spende 8 miliardi l’anno, ma gli invalidi uno su due sono falsi, e lo sanno perfettamente, però sono entrati nel gruppo degli svantaggiati e così sussistono in un tasso di parassitismo altissimo.  Così è successo per i meridionali che fino ad un certo punto sono stati degli svantaggiati, perché se si prendono le statistiche dell’Unità dell’Italia dal 1861, si apprende che il Mezzogiorno ha avuto molti svantaggi con l’Unità. Però questa inerzia, queste credenze di un mezzogiorno penalizzato sono sopravvissute anche quando le cose sono cambiate dopo il 1951.
Professore, a 150 anni dall’Unità d’Italia, a che punto è la situazione delle regioni meridionali che vivono al di sopra dei propri mezzi?
Adesso siamo in una situazione paradossale perché il tenore di vita come l’ho calcolato io, per le regioni meridionali è più alto di quello del Nord, però continuano a lamentarsi: producono meno di noi, ma non consumano meno di noi. Questa cosa per conformismo nessuna l’aveva mai detta, e io mi sono attirato molto odio perché ho detto una cosa che la gente comune sa, ma viene accusata di leghismo se lo dice. Chi non ha fatto degli studi e fa una osservazione di questo genere, dicendo che nel Sud si vive piuttosto bene e si lavora poco, diventa un qualunquista, razzista, xenofobo eccetera. Però i dati dicono esattamente questo: nel Sud si vive piuttosto bene, a parte qualche sacca di povertà, e si lavora molto di meno. In fondo dico delle cose che si sarebbero dovute dire già da tanto prima.
 E perché non sono state dette?
Si è dovuto aspettare un sociologo per accorgersi che le analisi economiche erano molto distorte, perché basate sul Pil che valuta ciò che si consuma e il reddito della pubblica amministrazione è considerato prodotto, mentre nella mia visione e in quella degli economisti classici, è più simile al consumo che alla produzione. Il divario Nord Sud è solo un divario di produzione, non di consumi e di tenore di vita. Ma lo Stato non può semplicemente chiudere i rubinetti.
I calcoli di quello del presunto saccheggio su che cosa sono basati?
Premetto che tutti i calcoli del sacco del Nord non si riferiscono agli enti regionali come istituzioni, ma alle regioni come territori, e le somme calcolate riguardano i comportamenti di tutti i livelli di governo, compresi lo Stato centrale, le Province e i Comuni. 
I dati sono recenti?
La maggior parte dei dati del libro sono relativi al 2006, perché la disponibilità dei dati risale solo a quel periodo. L’aggiornamento 2007 - 2009 verrà fatto nei prossimi anni, ma penso che difficilmente muterà il quadro generale. Questi dati rivelano che le origini del divario tra Nord e Sud, non stanno nell’insufficienza del reddito disponibile, ma nella sua distribuzione ineguale e nelle inefficienze dei servizi pubblici. Si tratta di due questioni che hanno radici profonde dentro la società meridionale. 
In quale ottica vede in questo momento la situazione generale, la stessa che esamina nel suo nuovo libro «Illusioni Italiche»  (Mondadori)?
La mia analisi di fondo è che noi come Paese stiamo declinando troppo lentamente. Il nostro è un declino morbido, perché partendo da un tenore di vita molto alto, non ci siamo ancora resi conto di aver iniziato la discesa. Paradossalmente avremmo più possibilità di reagire se anziché declinare un metro all’anno avessimo uno scossone che ci bloccasse di colpo. Avremmo bisogno di uno shock esogeno per renderci conto che così non possiamo andare avanti. Ma questo shock esogeno non avviene mai perché noi, partiamo da un ingannevole livello di vita piuttosto alto che però non è quello che le persone hanno veramente, ma è il benessere su cui possono contare in funzione di tre cose.
Quali professore? 
1)  Quanto possono consumare queste persone con il potere d’acquisto reale sia al Nord che al Sud; 2) quali servizi pubblici adoperano; 3) quanto tempo reggeranno. Se teniamo conto di queste tre cose, l’Italia è messa bene, non male. E’ vero che il reddito non è altissimo, però se confrontiamo il nostro potere d’acquisto non con quello degli altri Paesi, ma con la quantità e la qualità di lavoro che svolgiamo sussiste un certo squilibrio. Non riusciamo ad avere un potere d’acquisto più alto perché sono poche le persone che lavorano e di queste una parte lavora anche abbastanza poco; perché l’orario di lavoro non è quello degli altri paesi, e la forza lavoro è estremamente dequalificata. Ancora oggi in Italia il 34% dei ragazzi che ha trent'anni ha come titolo di studio massimo la licenza media. Non c'è nessun paese sviluppato che abbia una percentuale del genere. 
Il sacco del Nord
Guerini e Associati, pag. 271, 23,50
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»