Arte-Cultura

Clientelismo e regresso

Clientelismo e regresso
0

di Francesco Mannoni

"Siamo stati ingannati da molti decenni di clientelismo". Non ha peli sulla lingua il sociologo Luca Ricolfi, docente di analisi dei dati all’Università di Torino, entrando nel vivo della discussione del suo libro  «Il sacco del Nord» (Guerini e Associati, pag. 271, euro 23,50) che ha suscitato parecchie polemiche. L'opera, finalista al premio Pen Club che verrà assegnato a Compiano sabato 4 settembre, introduce l’analisi di «una contabilità nazionale liberale» in alternativa a quella ufficiale. 
Come verrebbe attuato il sacco del Nord?
Esiste in Italia una retorica degli svantaggiati che beneficiano di interventi particolari. Succede con le false pensioni di invalidità, per le quali lo Stato spende 8 miliardi l’anno, ma gli invalidi uno su due sono falsi, e lo sanno perfettamente, però sono entrati nel gruppo degli svantaggiati e così sussistono in un tasso di parassitismo altissimo.  Così è successo per i meridionali che fino ad un certo punto sono stati degli svantaggiati, perché se si prendono le statistiche dell’Unità dell’Italia dal 1861, si apprende che il Mezzogiorno ha avuto molti svantaggi con l’Unità. Però questa inerzia, queste credenze di un mezzogiorno penalizzato sono sopravvissute anche quando le cose sono cambiate dopo il 1951.
Professore, a 150 anni dall’Unità d’Italia, a che punto è la situazione delle regioni meridionali che vivono al di sopra dei propri mezzi?
Adesso siamo in una situazione paradossale perché il tenore di vita come l’ho calcolato io, per le regioni meridionali è più alto di quello del Nord, però continuano a lamentarsi: producono meno di noi, ma non consumano meno di noi. Questa cosa per conformismo nessuna l’aveva mai detta, e io mi sono attirato molto odio perché ho detto una cosa che la gente comune sa, ma viene accusata di leghismo se lo dice. Chi non ha fatto degli studi e fa una osservazione di questo genere, dicendo che nel Sud si vive piuttosto bene e si lavora poco, diventa un qualunquista, razzista, xenofobo eccetera. Però i dati dicono esattamente questo: nel Sud si vive piuttosto bene, a parte qualche sacca di povertà, e si lavora molto di meno. In fondo dico delle cose che si sarebbero dovute dire già da tanto prima.
 E perché non sono state dette?
Si è dovuto aspettare un sociologo per accorgersi che le analisi economiche erano molto distorte, perché basate sul Pil che valuta ciò che si consuma e il reddito della pubblica amministrazione è considerato prodotto, mentre nella mia visione e in quella degli economisti classici, è più simile al consumo che alla produzione. Il divario Nord Sud è solo un divario di produzione, non di consumi e di tenore di vita. Ma lo Stato non può semplicemente chiudere i rubinetti.
I calcoli di quello del presunto saccheggio su che cosa sono basati?
Premetto che tutti i calcoli del sacco del Nord non si riferiscono agli enti regionali come istituzioni, ma alle regioni come territori, e le somme calcolate riguardano i comportamenti di tutti i livelli di governo, compresi lo Stato centrale, le Province e i Comuni. 
I dati sono recenti?
La maggior parte dei dati del libro sono relativi al 2006, perché la disponibilità dei dati risale solo a quel periodo. L’aggiornamento 2007 - 2009 verrà fatto nei prossimi anni, ma penso che difficilmente muterà il quadro generale. Questi dati rivelano che le origini del divario tra Nord e Sud, non stanno nell’insufficienza del reddito disponibile, ma nella sua distribuzione ineguale e nelle inefficienze dei servizi pubblici. Si tratta di due questioni che hanno radici profonde dentro la società meridionale. 
In quale ottica vede in questo momento la situazione generale, la stessa che esamina nel suo nuovo libro «Illusioni Italiche»  (Mondadori)?
La mia analisi di fondo è che noi come Paese stiamo declinando troppo lentamente. Il nostro è un declino morbido, perché partendo da un tenore di vita molto alto, non ci siamo ancora resi conto di aver iniziato la discesa. Paradossalmente avremmo più possibilità di reagire se anziché declinare un metro all’anno avessimo uno scossone che ci bloccasse di colpo. Avremmo bisogno di uno shock esogeno per renderci conto che così non possiamo andare avanti. Ma questo shock esogeno non avviene mai perché noi, partiamo da un ingannevole livello di vita piuttosto alto che però non è quello che le persone hanno veramente, ma è il benessere su cui possono contare in funzione di tre cose.
Quali professore? 
1)  Quanto possono consumare queste persone con il potere d’acquisto reale sia al Nord che al Sud; 2) quali servizi pubblici adoperano; 3) quanto tempo reggeranno. Se teniamo conto di queste tre cose, l’Italia è messa bene, non male. E’ vero che il reddito non è altissimo, però se confrontiamo il nostro potere d’acquisto non con quello degli altri Paesi, ma con la quantità e la qualità di lavoro che svolgiamo sussiste un certo squilibrio. Non riusciamo ad avere un potere d’acquisto più alto perché sono poche le persone che lavorano e di queste una parte lavora anche abbastanza poco; perché l’orario di lavoro non è quello degli altri paesi, e la forza lavoro è estremamente dequalificata. Ancora oggi in Italia il 34% dei ragazzi che ha trent'anni ha come titolo di studio massimo la licenza media. Non c'è nessun paese sviluppato che abbia una percentuale del genere. 
Il sacco del Nord
Guerini e Associati, pag. 271, 23,50
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)