12°

23°

Cultura

E' morto Tullio De Mauro

E' stato tra i più grandi studiosi di linguistica italiani. Fu ministro dell'Istruzione. Era presidente della fondazione Bellonci

E' morto Tullio De Mauro

De Mauro con gli alunni di una scuola elementare

Ricevi gratis le news
0

E’ morto a Roma a 84 anni il celebre linguista Tullio De Mauro, docente universitario, già ministro della Pubblica Istruzione e presidente della Fondazione Bellonci, che organizza il premio Strega.

«Il sogno di Cattaneo e Manzoni che l’italiano divenisse lingua nazionale parlata dai più è oggi realtà» amava sottolineare Tullio De Mauro ricordando le profondissime trasformazioni avvenute negli ultimi 70 anni, dal dopoguerra a oggi, nell'uso della lingua, legato a un’evoluzione sociale e culturale, alla scuola dell’obbligo e alla diffusione della radio e della televisione. Un sogno di cui De Mauro, scomparso oggi a 84 anni, è stato testimone e critico attivo, non solo studioso che registra, ma anche intellettuale che interviene e partecipa, anche accettando incarichi pubblici, da consigliere regionale del Lazio (1975-89) sino a Ministro della Pubblica Istruzione dal 2000 al 2001 nel governo Amato, passando per mille incarichi istituzionali.

Il suo nome resta certamente legato a quella «Storia linguistica dell’Italia unita» del 1963 (ristampata di continuo e aggiornata più volte sino alla pubblicazione dell’aggiunta «Storia linguistica dell’Italia repubblicana» del 2014) che fu un saggio abbastanza rivoluzionario non solo per come affrontava varie questioni e problemi controversi e poco studiati, ma soprattutto per aver strettamente legato la storia della lingua a quella della crescita sociale del paese, raccontando la storia degli italiani e di come si sono impadroniti di una lingua comune da analfabeti quelli erano al momento dell’Unità, ponendo attenzione alla demografia, all'immigrazione e gli spostamenti interni come momento di rafforzamento del senso unitario, al rapporto città campagna, istruzione e informazione.

Accanto ai lavori scientifici, alla riscoperta con la cura e la traduzione nel 1997 del «Corso di linguistica generale» di De Saussure, sino agli studi semantici come dimostra, per esempio, il suo «Senso e significato - Studi di semantica teorica e storica», accanto ai premi, le onorificenze e le lauree honoris causa, c'è da ricordare il suo lavoro culturale, quello didattico non solo universitario e la lunga e molteplice attività giornalistica. Proprio la sua versatilità e le sue qualità culturali, capaci di spaziare dalla letteratura alla scienza, con una vena ironica naturale e di ottima comunicativa, ne hanno fatto col tempo un personaggio amato e conosciuto, protagonista di dibattiti e trasmissioni tv, della vita culturale del paese, come dimostra anche il suo incarico quale presidente della Fondazione Bellonci che gestisce il Premio Strega, che ha tentato di rinnovare negli ultimi anni.

Nato a Torre Annunziata (Napoli) il 31 marzo 1932, De Mauro era laureato in glottologia, allievo di Pagliaro, ordinario di glottologia prima a Napoli e poi a Roma, è stato nel 1967 il primo docente italiano di Linguistica generale a Palermo, quindi a Salerno e infine dal 1974 al 1996 professore ordinario di Filosofia del linguaggio alla Sapienza di Roma, dal 1996 ordinario di Linguistica generale, dal 1 novembre 2004 ordinario fuori ruolo, dal 2007 professore emerito.

La sua attività di studioso ha sempre avuto anche un risvolto ideologico e politico con un particolare impegno per la didattica e diffusione della lingua, sia a livello scolastico che sociale, come dimostra la sua collaborazione a una rivista come «Riforma della scuola» o la creazione del giornale «Due parole» per ragazzi con difficoltà linguistiche o analfabeti di ritorno il cui assunto era quello di spiegare tutto usando non più di 2000 parole. Autore di numerosissime pubblicazioni, la sua opera più impegnativa e monumentale, frutto del lavoro di anni, è stata il «Dizionario italiano dell’uso» in sei volumi (7mila pagine e 250mila lemmi) per la Utet (per cui ha curato un «Dizionario dei sinonimi e dei contrari»), di cui è stato ideatore e coordinatore, che segna un momento fondamentale nello studio e la registrazione della nostra lingua, così come viene scritta e parlata sia storicamente sia attualmente e da cui è nata la scelta dei 160.000 lemmi per le 3.000 pagine del «Dizionario della lingua italiana» Paravia che porta il suo nome.

Puntuale e chiaro in ogni suo intervento, come quando, davanti alle solite polemiche puriste, spiegava dati alla mano che c'erano molte più italianismi nell'Oxford Dictionary che anglicismi nei nostri vocabolari, non smetteva mai di battersi per una crescita culturale del paese, sinceramente preoccupato dell’analfabetismo di ritorno ma ancor più dalla mancanza di aggiornamento e curiosità della gente, della non abitudine alla lettura anche di professionisti, dopo gli studi scolastici. Solo un anno fa ribadì pubblicamente che «Il 70% degli italiani non capisce quello che legge» ricordando che 8 persone su 10 hanno difficoltà a utilizzare quello che ricavano da un testo scritto, 7 su 10 hanno difficoltà abbastanza gravi nella comprensione, e vi sono 5 milioni di italiani che hanno una quasi completa incapacità di lettura,stando a studi nazionali e internazionali.

«Le parole circondano il presente, ogni istante del nostro presente - aveva scritto in apertura della sua «Prima lezione sul linguaggio» - Ci accompagnano quando parliamo con altri o leggiamo e scriviamo, ma anche nel silenzio e perfino nei sogni. E dal presente più immediato discendono verso il passato e si protendono verso il futuro, coinvolgendo anche pensieri, volontà, coscienze», per questo era preoccupato da quanto poca, reale comprensione e coscienza delle parole vi fosse nel nostro Paese, come dimostra il degrado del dibattito politico, specchio della mancanza di progetti e idee, di una capacità di elaborazione linguistica che è naturale difesa della democrazia. E forse questa preoccupazione è la sua vera eredità, quella cui far riferimento per intervenire e agire ora che lui non c'è più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Sul Lungoparma

Tagliati gli alberi, protestano i residenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti: «Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere e gentiluomo

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»