-3°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Le rose della badante

0

Anna Maria Dadomo

Andava spesso a trovare la mamma, un rito doloroso e malinconico che si ripeteva ormai da alcuni anni. Se era bel tempo, faceva a piedi la strada: la vecchia villa dove era cresciuta e che aveva lasciato dopo il matrimonio, non era lontana. Si serviva dell’ingresso secondario (quello principale era stato chiuso dopo la morte del padre e mai più riaperto) dopo aver percorso un breve sentiero inghiaiato. Il senso di trascuratezza e di abbandono che si coglieva appena varcato il cancello era immediato: molte delle esili colonne che sorreggevano la balaustra che divideva il selciato intorno alla villa dal giardino, erano corrose e legate da fili di ferro, altre erano a terra spezzate, altre ancora addossate al muro insieme a parti di cimasa, l’intonaco dei muri era staccato in più punti, il colore giallo sbiadito. L’erba cresceva ovunque.

Lei e il fratello avevano convenuto di non intervenire, di non porre mano a nessun restauro quasi che la lenta decadenza della casa rispecchiasse il lento spegnersi della mamma: ogni decisione al riguardo sarebbe stata presa dopo.
Adesso che la mamma non camminava più, la saletta della televisione a pian terreno era stata trasformata in camera da letto.
Si recava subito da lei, la salutava chiamandola per nome, sottovoce, accarezzandole le guance, la fronte: nessuna reazione. Non la riconosceva più. Le cercava la mano rattrappita sotto le coperte, la stringeva tra le sue. Notava la camicetta a fiorellini , il golfino bianco, il cerchietto che le teneva fermi i capelli. Tatiana, la giovane che si prendeva cura di lei, aveva aspetti che la infastidivano (la bolletta del telefono era salita, dopo pochi mesi, a cifre vertiginose; aveva frugato in tutti i cassetti e in tutti gli armadi della casa; la sigaretta sempre accesa tra le labbra...) ma trovava la mamma pulita, in ordine, e questa, si diceva, era l’unica cosa che importasse. Ogni volta il vederla in quello stato vegetativo la feriva, distoglieva lo sguardo da quel viso amato e lo posava vacuo sulla libreria, i quadri, i mobili, le porcellane nella vetrinetta…Tutto era fermo, immobile, come in attesa.

Quel giorno l’aria era calda e luminosa; trovò il portone dell’ingresso principale aperto, le finestre della sala spalancate. Stava per attraversarla quando si fermò di colpo: un grande vaso traboccante di rose era posto al centro del tavolo ricoperto dal tappeto antico che la mamma era solita mettere per le feste, e un altro vaso di rose era sul tavolino delle fotografie, e altre rose erano sulla cassapanca del salone, sulla libreria ...ovunque si girasse c’erano rose. Mai lei e la mamma avevano colto così, con tanta leggerezza, con noncuranza, quelle rose: le centifoglie antiche odorose mistiche, dal colore rosa intenso, che fiorivano una volta all’anno e mandavano un profumo inebriante. Quando la siepe era fiorita percorrevano insieme il viale ammirandole già da lontano, si piegavano per odorarle, solo alcune ne coglievano, poche, da mettere davanti alle fotografie dei loro cari.

Incurante delle spine, tolse con rabbia tutte le rose dai vasi, corse fuori e le gettò dietro la balaustra, versò l’acqua dei vasi, levò il tappeto dal tavolo.

- La Signora! - disse a denti stretti – Vuole fare la Signora ! -. Si sentiva soffocare. Impaziente che Tatiana tornasse (- Sarà andata a fare la spesa, la solita scusa - ) si sedette sulla panchina di cemento contro il muro ad aspettarla : una rosa era rimasta impigliata nel rigoglio del glicine, le altre, per terra, splendevano magnifiche e lussuose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto mentre va alla fermata del bus: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

8commenti

Epidemia

Legionella: domani la svolta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

3commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

1commento

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

tg parma

Famiglia sfrattata a Collecchio: accolta in parrocchia a Parma Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

GIOVEDI' AL REGIO

Brunori Sas: «A casa tutto bene»

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

12commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

1commento

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

Calcio

I 10 giocatori piu' cari al mondo

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video