-5°

Arte-Cultura

Colori della vita e del lavoro

Colori della vita e del lavoro
0

 Stefania Provinciali

La Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo celebra Renato Guttuso (1911- 1987) in vista del centenario della nascita con la mostra «Guttuso: passione e realtà», a cura di Stefano Roffi, tesa ad attraversare le tematiche artistiche di un protagonista, seppur discusso, del Novecento ed insieme quelle umane che lo legarono al fine e colto collezionista Luigi Magnani. Nella casa-museo di Mamiano due oli «Natura morta con pianoforte» del '47 e «Anna Maria» del 62, e due disegni danno idealmente il via al percorso che si apre al pubblico sabato 11 settembre e che presenta opere fondamentali dell’attività artistica del maestro di Bagheria, comprese alcune celebri icone come «La spiaggia», di cui nella collezione Magnani si trova uno studio a matita, «Comizio», «Spes contra spem», e «Caffè Greco», prestato dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid. Sessantacinque fra dipinti e disegni testimoniano di Guttuso il momento formativo, all’inizio degli anni trenta, il sentito realismo che lo renderà artefice del dibattito fra astrazione e figurazione tra gli anni Quaranta e il Cinquanta del secolo scorso, fino a toccare quel realismo espressionista ben delineato in opere di forte impatto sociale e il vitalismo rinnovato dell’ultima stagione di un uomo che aveva un’idea forte della funzione dell’arte nella società, una concezione che oltrepassava le mura dello studio; al di fuori, dentro o contro i movimenti artistici, spesso polemista, sanguigno e colto. Un artista dal realismo concreto che, come scriveva Alberto Moravia, raffigurato da Guttuso in un celebre ritratto, era spinto da «un certo ansioso e sensuale accanimento ad afferrare la realtà nelle sue più segrete e inconfessabili risorse», non solo nei celebri nudi femminili ma anche in tutti gli aspetti di una società interpretata attraverso il lavoro e l’impegno sociale, le sofferenze e le tensioni, non solo nei dipinti ma anche negli scritti. Lui che in politica e in amore sapeva trasmettere una passione viscerale, offrendo spunti frequenti ai rotocalchi, seppe sviluppare amicizia e feconda collaborazione, con scrittori come Moravia, scultori come Manzù che gli dedicò il monumento funebre di Bagheria dove è sepolto, musicisti come Nono, poeti come Pasolini, Montale, Neruda grandi maestri della pittura come Picasso, Sutherland. In mostra i ritratti di Morlotti del '59, di Turcato del '46 e di Manzù, '63. Le drammatiche nature morte, a partire dalla prima degli anni '30, «Vaso con frutta e candelabro», che già facevano presagire la tragedia della guerra e della catastrofe, fra realismo organolettico e narrativo postcubista, ben visibile in «Natura morta con la scure» del '47... Accanto i personaggi del «realismo sociale» coi temi sul lavoro: Acciaieria (Terni) «Ragazzi che cercano granchi» del '49, «Il comizio» del 62 fino a toccare il tema «esistenziale» degli anni Cinquanta, quando nel clima battagliero, di dibattito serrato, all’interno del «Fronte nuovo delle arti» - da lui voluto e che proprio all’inizio del 1950 a Venezia viene sciolto- ancora una volta Guttuso dispiega la sua tensione realista affrontando il problema della figura umana e quello dello spazio reale in cui il contesto narrativo trova riferimenti visivi e formali. Il percorso guida poi verso le opere più evocative e visionarie dell’ultima stagione, come «Il cielo di Roma» del '66 in cui la memoria prende forma e si fa immagine, sul filo di tematiche narrative e formali, delineate da sezioni diverse della mostra. Infine le opere dal richiamo allegorico degli anni Settanta quali «Carretto siciliano con i funerali di Togliatti» del '73 o «Van Gogh porta il suo orecchio tagliato al bordello di Arles» del 1978. Tra i capolavori presentati il monumentale olio «La spiaggia», che l’artista destinò alla Galleria Nazionale di Parma in occasione dell’antologica del '63 in Pilotta, fortemente voluta dal collezionista ed amico parmigiano Mario Bocchi, come oggi ricorda il figlio Stefano. Le opere provengono oltre che da musei italiani e stranieri anche da collezioni, come la Collezione Barilla d’Arte Moderna, da cui esce un inedito, «Ritratto di signora con rose» del '45 recentemente scoperto, la già citata Collezione Bocchi e la Fondazione Francesco Pellin, originata dal rapporto di amicizia fra il pittore e l’industriale varesino. «Connesso» con la vita e le sue vicende Renato Guttuso è stato narratore ed interprete di un periodo particolarmente fervido e drammatico, appassionato e sconvolgente che lo portarono a rappresentare la guerra, le fucilazioni, le ideologie, ma anche la bellezza di un volto, delle quotidiane cose composte in una natura morta, di un paesaggio dove la vita scorre divenendo testimonianza della storia. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto