21°

31°

Arte-Cultura

Maratona, Occidente

Maratona, Occidente
0

di Sergio Caroli

Forse nessun evento ha influenzato il corso della storia mondiale così profondamente come la battaglia che il 12 settembre di 2500 anni fa vide fronteggiarsi nella piana di Maratona, a quarantadue chilometri da Atene, gli opliti ateniesi e l’esercito persiano. Se le armi del più potente impero che mai si fosse visto - si estendeva dall’Indo alla catena del Pindo, dalle pendici del Caucaso alla prima cateratta del Nilo - fossero uscite vincitrici, non avremmo avuto il «miracolo greco», quel prodigio di civiltà che al genere umano ha lasciato in eredità creazioni per molti aspetti insuperate in ogni campo: dalla letteratura al teatro alle arti figurative alla filosofia al pensiero politico alla scienza e allo stesso sport, prodotto anch’esso dell’Ellade. Nessuno scrittore di nessuna letteratura ha avuto come Ugo Foscolo la coscienza chiara delle dimensioni di quell'evento destinato a scavalcare i secoli e i continenti e a imprimere il suo sigillo sui caratteri della civiltà planetaria: nel carme dei «Sepolcri» egli ha eternato in versi di omerica potenza il senso della battaglia «in Maratona / ove Atene sacrò tombe ai suoi prodi». Fu assai più che uno scontro militare, fu la contrapposizione mortale di due universi e due culture: da una parte un impero semibarbarico che si reggeva sul dispotismo dei satrapi, filiazioni dell’autocrazia del «Re dei re», dall’altro la civiltà ellenica, rappresentata da Atene, fondata su una autonomia politica dalla quale sorgeva alla luce la prima forma di democrazia, seppure incompiuta, della storia dell’umanità. Ma come andarono le cose a Maratona? Non si comprende la battaglia senza il quadro degli eventi che la precedettero. Negli anni 500-494 a.C. le colonie ioniche dell’Asia Minore si ribellano al dominio persiano, ricevendo il sostegno di Atene. Schiacciata la rivolta, i Persiani distruggono Mileto, deportandone gli abitanti in Mesopotamia. Nel 492 occupano Tracia e Macedonia e pretendono dalle città greche, come segno di resa, l’invio dell’acqua e della terra. Al rifiuto di Sparta e Atene, Dario I, il re di Persia, organizza l’invasione della penisola greca che intende sottomettere. La flotta persiana, distrutta Eretria, sbarca nel 490 nell’Attica. Le città greche della Beozia e della Tessaglia si arrendono al nemico, mentre Atene decide di resistere e chiede aiuto a Sparta e Platea. Al comando di Milziade 9.000 opliti ateniesi - ai quali si aggiungono i mille giunti da Platea - marciano su Maratona. Gli aiuti inviati da Sparta giungeranno tardivi. Forti della loro schiacciante superiorità numerica, i Persiani sperano nella resa di Atene: Dati, il loro comandante, dispone di 15.000 combattenti probabilmente schierati con una profondità di dieci uomini. Gli ateniesi, accampati sopra un’altura che chiude la piana di Agrieliki, controllano le strade verso la città e i movimenti del nemico. Per qualche giorno gli eserciti restano immobili. Per evitare accerchiamenti Milziade distribuisce il suo esercito su un ampio fronte, al cui centro, schierata su tre file, è la fanteria pesante, mentre sei file di soldati stanno sulle due ali. Quel giorno ha lui il comando: prevede che gli opliti affrontino i Persiani, a pari numero, in lotta corpo a corpo; ma Milziade sa pure che gli arcieri di Dati scaglieranno frecce a non finire allorché gli opliti siano a tiro. Per ridurre il pericolo dovranno percorrere di corsa gli ultimi duecento metri. Quando s'accorge che i Persiani muovono verso le trincee greche, Milziade ordina un contrattacco che coglie di sorpresa l’avversario. La battaglia durerà non più di un mattino. Correndo sotto una pioggia di frecce gli opliti investono i persiani. Lo scontro è violentissimo. Alla fine Persiani e Saci, loro alleati, sfondano il centro ateniese rigettando gli opliti verso l’interno. Ma sulle due ali i Greci sbaragliano gli avversari accerchiandoli, e per loro è la fine. Inseguiti fino al loro campo, ingaggiano una strenua ma inutile resistenza. Il grosso dell’esercito persiano riesce però a raggiungere le navi, delle quali solo sette sono catturate. Filippide (o Fidippide, altre fonti indicano un tale Eucle), araldo ateniese, fu inviato ad annunciare la vittoria percorrendo di corsa la distanza fra Maratona ad Atene; arrivato a destinazione, disse solo  «siate felici, abbiamo vinto!» o, più semplicemente, «siamo vincitori» e poi cadde morto, stremato dalla fatica. Gli Orientali lasciano sul terreno 6.400 uomini; solo 192 i Greci caduti, secondo Erodoto, ma è esagerazione nazionalistica. La flotta persiana doppia Capo Sunio: spera di sorprendere Atene indifesa. Ma gli opliti di Milziade raggiungono la città prima del loro arrivo, vanificando ogni attacco. I Persiani sono costretti a far vela verso l’Asia Minore. Il primo tentativo d’invasione asiatica è respinto. Dieci anni dopo, le Termopili, Salamina e Platea vedranno la sconfitta definitiva di re Serse, succeduto a Dario I. A Maratona i Greci non salvarono solo il loro mondo e la loro cultura, salvarono l’Occidente. Eschilo considerò quella battaglia, alla quale aveva partecipato, come vittoria della libertà sulla schiavitù; libertà intesa come autogoverno, del quale è filiazione quella libertà di parola che il grande tragico proprio nei «Persiani» così celebra: «E per i mortali la lingua non è più prigioniera; perché il popolo - sciolto il potere del giogo - è stato sciolto a dire parole libere». Eugenio Garin,  nostro massimo storico del Rinascimento, in un’intervista rilasciata poco prima della morte, alla domanda in quale epoca avrebbe voluto vivere rispose: «Nell’Atene del IV secolo»: la stessa civiltà rinascimentale sarebbe impensabile senza quella greca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Registrato un caso di chikungunya in città: disinfestazione in corso

sanità

Un caso di chikungunya in città: disinfestazione in corso in due vie Video

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

3commenti

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

2commenti

L'AGENDA

Una domenica da vivere nella nostra provincia

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

1commento

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

1commento

baseball

Parma concede il bis: è doppietta contro il Novara

Finisce 3-1: lanciatore vincente Rivera, salvezza per Santana, 3 su 4 di Deotto. La corsa per i play off continua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

caldo

Al Nord arrivano i temporali. Ieri caldo percepito 49° a Ferrara (41° a Parma)

gran bretagna

Newcastle, auto su folla dopo preghiere, feriti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Moto

Valentino Rossi da leggenda ad Assen, battuto Petrucci

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse