12°

22°

LIBRI

Corridoni, penna libera ed eroica

Una gloriosa testimonianza di impegno politico e morale

Corridoni, penna libera ed eroica
Ricevi gratis le news
0
 

Tutti noi abbiamo ben presente Ilaria Alpi e gli altri, tantissimi, giornalisti e cronisti caduti sui più recenti fronti di guerra. Non tutti, però, credo sappiano che durante le Prima Guerra Mondiale caddero ben 160 giornalisti, i due terzi dei quali decorati con riconoscimenti al Valor Militare e 10 con medaglia d’oro. Uno di questi caduti, decorato con medaglia d’argento (poi convertita in medaglia d’oro) al Valor Militare, è particolarmente legato a Parma, al punto che il monumento a lui dedicato, che di fatto dà il benvenuto in Oltretorrente dal Ponte di Mezzo, è diventato uno dei simboli della città. Mi riferisco a Filippo Corridoni, di cui ricorre quest’anno il 130° anniversario della nascita. A questo straordinario personaggio: giornalista, sindacalista, interventista, volontario di guerra è dedicato il saggio curato da Paolo Martocchia, che raccoglie, attorno allo scritto «Sindacalismo e Repubblica», dello stesso Corridoni, gli interventi dei numerosi intellettuali che parteciparono al convegno organizzato nella nostra città dal Circolo Filippo Corridoni il 15 settembre del 2015, in occasione del centenario della morte. Il volume, edito da Idrovolante Edizioni (210 pagine, 14 Euro), parte da una prefazione di Enrico Nistri ed è costruito attorno all’evoluzione del personaggio Corridoni, ne ricorda le origini di sindacalista, ideologo e fervente partecipante a quello sciopero dei braccianti a Parma nel 1908, che fu l’antesignano degli scioperi generali che tanti in quegli anni andavano teorizzando, secondo la dottrina marxista. Corridoni era, però, uno spirito libero che, giovanissimo, comunicava le proprie idee da giornalista efficace, dotato di scrittura pungente e matura, nonostante avesse frequentato una scuola industriale. Corridoni scrive sul giornale “L’Internazionale”, organo della Camera del Lavoro sindacalista rivoluzionaria di Parma, poi pubblicato anche a Milano e Bologna, partecipa alla scissione della Camera Generale del Lavoro, che da origine all’Unione Sindacale Italiana di De Ambris, cui Corridoni aderisce, diventandone referente a Milano. Giornalista affermato, diventa anche scrittore compiuto e, dopo essersi a lungo professato antimilitarista, decide di sposare l’interventismo, al sollevarsi dei primi venti di guerra anche per l’Italia e, ripresa la pubblicazione del suo “Avanguardia”, scrive: «La immane catastrofe in cui è piombata l’Europa ha fatto crollare come fragili impalcature di palcoscenico tutte le costruzioni ideali ed umanitarie che i popoli avevano eretto in quarant’anni di pace e di lavoro fecondo... Ma vi sono avvenimenti che scuotono la fede più cieca ed incrollabile: la guerra europea è uno di quelli. Noi non credevamo al tradimento dei proletari tedeschi ed austriaci: s’è consumato. Quando i nostri governanti ci prospettavano la possibilità di una guerra europea che travolgesse l’Italia - e ne traevano conseguenza gli armamenti indispensabili - noi negavamo violentemente e rispondevamo trionfanti che se anche tale ipotesi avesse la possibilità di realizzarsi, lo sciopero generale insurrezionale del proletariato all’atto della mobilitazione avrebbe stroncato la guerra sul nascere. Ci illudevamo. I fatti ci hanno dato la più solenne smentita, e noi se non siamo dei caparbi, della gente che vuole avere ragione ad ogni costo, siamo in dovere di riconoscere che non vedemmo giusto, e siamo in obbligo quindi di riprendere in esame tutti i nostri piani di guerra per conformarli alle esigenze della mutata situazione». Così, nonostante fosse affetto da grave tisi, volle partire volontario per il fronte dove, alla «Trincea delle Frasche», vicino a Redipuglia, trovò la morte in un’azione eroica. Il suo più bell’autoritratto, però, è sulla quarta di copertina del libro: «Ho amato le mie idee più di una madre, più di qualsiasi amante cara, più della vita. Le ho servite sempre ardentemente, devotamente, poveramente. Ché anche la povertà ho amato, come San Francesco d’Assisi e fra’ Jacopone, convinto che il disprezzo delle ricchezze sia il migliore ed il più temprato degli usberghi per un rivoluzionario».

Sindacalismo e repubblica

di Filippo Corridoni

Idrovolante, pag. 210,14,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: