19°

Arte-Cultura

Brera, una prosa maestosa come il Po

Brera, una prosa maestosa come il Po
0

Stefano Rotta

Se il vino di Lino Maga, mago del Barbacarlo, sa di uva e lavoro, e non di invadenti barrique, l’inchiostro di Gianni Brera, giornalista, poeta, narratore, è sporco di terra, umido come la Bassa, viene avanti maestoso come Po: per questo è nobile, e grande più di tanta letteratura italiana, bolsa e autoreferenziale. Perché è vivo, partecipato, sincero: non aulico, non curiale.
Un tributo a Brera, e anche un assaggio di questa prosa – maestria, saggezza, tecnica, amicizia che trasuda per la palla, per il mondo e per gli amici del suo tavolo – è appena andato in stampa per Limina: i «Quaderni dell’Arcimatto», rivista di studi breriani, 160 pagine per 20 euro.
Gli estensori della pubblicazione parlano di «cuore e ragione»: l’approccio filologico che si deve all’uomo di lettere, e il ricordo che brucia nella scrittura come brindisi all’amico vero, al collega, al simposio; una fucilata in golena, una notte, una partita a San Siro in sala stampa. 
La prosa di Gianni Brera vive di concinnitas e generosità, solo apparente è la contraddizione. Giuanèn nasce a piedi nudi, come i bambini di Po prima della guerra. Cresce di «poco e laborioso pane», scriverà poi, in versi. Mischia la concretezza lombarda e contadina delle parole, alle vampate poetiche nel mito, all’incedere possente, alle divagazioni agricole e a quel modo di scrivere del quale dice Gianni Mura nell’epitaffio: «Meglio una riga in più di una in meno, qualcuno le taglierà». Generosità, ben inteso, non solo di polpastrelli, ma di tazze, di sigarette, di vita. «Meglio un’ora in più con gli amici di una in meno», rammenta Claudio Rinaldi, riportando il pezzo di Mura. Vivendo e scrivendo, «non si può essere avari». Soprattutto se ogni parola ti è costata cara, ed è lì per un suo preciso ruolo, come un calciatore: e si può andare in attacco, o stare ore al catenaccio, ma non giocare in 15, vietato aggiungere qualcosa se non occorre: mai scrivere barocchi, con aggettivi o avverbi altisonanti e inutili: è questo a dividere Brera dalla cosiddetta scuola napoletana, il suono dal significato, la costiera amalfitana dai solchi dell’aratro, il tramonto a mare dal rosso forte e greve delle sere lombarde.
Ma ancora più della prosa, dell’eterna questione dei lombardi intorno allo stile (da Manzoni in poi), conta quel che Brera scrive. Conta il mondo che vede. E che si vede ancora, leggendo. Si sente. I suoi riferimenti culturali sono i miti greci e i contadini di Zerbo, a Po. Sono la nonna che parla in dialetto e il giornalismo elegante, ironico, british; il mondo editoriale degli anni Sessanta, quello, ma si potrebbero portare milioni di esempi, del mondiale anglosassone del 1966. Brera guarda le cose in faccia. Non dipinge quadretti kitch della sua terra, né retorici, né naif: usa invece con mano ferma i ferri del mestiere, dando voce alle voci, e mettendoci del proprio senza indugio e senza uscire dal seminato: come nella frase, da pelle d’oca, «non madre è la terra per i Padani, ma padri sono i Padani della loro terra, cui aggiunsero per millenni la propria carne e le proprie ossa (sui tozzi campanili lombardi, al tramonto, voi vedrete rosseggiare ancora oggi quel sangue tenace)». Alta, semplice, incontrovertibile.
Gianni Brera è stato il padre del giornalismo sportivo propriamente detto, buona scrittura e competenza tecnica: ma non ha chiuso la tradizione precedente in solaio (quella dei «poeti al seguito»); questo si può dire: che Gianni Brera sia stato il Pindaro dell’età classica del calcio, dal Dopoguerra agli anni Settanta, e che già prima di Maradona, Platini e Baggio, avesse intuito la crisi di fondo dell’idea di sport come gioco sacro, nel calcio del business senza fantasia; che, detta da Brera, è vera tre volte: perché è stato un testimone per mezzo secolo dei campi verdi e sabbiosi, perché non ha mai pensato alla fantasia al potere in campo (anzi!), e perché oggi si vedono i risultati di un processo in nuce quando Brera era ancora in sala stampa.
Nel libro non mancano gli spunti di riflessione, fra nostalgia, analisi e nuove idee. Ci sono scritti del figlio Paolo Brera, dell’amico e «biografo ufficiale» Andrea Maietti, di Claudio Rinaldi, caporedattore della «Gazzetta» e coautore con Paolo Brera di «Giannfucarlo. La vita e gli scritti inediti di Gianni Brera»; di Gianluca Oddenino, giovane cronista «de La Stampa», e di altri colleghi ai tempi del «Guerin Sportivo» o del «Giorno». Un fascicolo interessante, ma di certo non l’unico modo di far felice il maestro: bando alle lacrime, meglio un’ora in più con un amico di una in meno! Meglio il rosso che il bianco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

3commenti

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"