21°

Arte-Cultura

Brera, una prosa maestosa come il Po

Brera, una prosa maestosa come il Po
0

Stefano Rotta

Se il vino di Lino Maga, mago del Barbacarlo, sa di uva e lavoro, e non di invadenti barrique, l’inchiostro di Gianni Brera, giornalista, poeta, narratore, è sporco di terra, umido come la Bassa, viene avanti maestoso come Po: per questo è nobile, e grande più di tanta letteratura italiana, bolsa e autoreferenziale. Perché è vivo, partecipato, sincero: non aulico, non curiale.
Un tributo a Brera, e anche un assaggio di questa prosa – maestria, saggezza, tecnica, amicizia che trasuda per la palla, per il mondo e per gli amici del suo tavolo – è appena andato in stampa per Limina: i «Quaderni dell’Arcimatto», rivista di studi breriani, 160 pagine per 20 euro.
Gli estensori della pubblicazione parlano di «cuore e ragione»: l’approccio filologico che si deve all’uomo di lettere, e il ricordo che brucia nella scrittura come brindisi all’amico vero, al collega, al simposio; una fucilata in golena, una notte, una partita a San Siro in sala stampa. 
La prosa di Gianni Brera vive di concinnitas e generosità, solo apparente è la contraddizione. Giuanèn nasce a piedi nudi, come i bambini di Po prima della guerra. Cresce di «poco e laborioso pane», scriverà poi, in versi. Mischia la concretezza lombarda e contadina delle parole, alle vampate poetiche nel mito, all’incedere possente, alle divagazioni agricole e a quel modo di scrivere del quale dice Gianni Mura nell’epitaffio: «Meglio una riga in più di una in meno, qualcuno le taglierà». Generosità, ben inteso, non solo di polpastrelli, ma di tazze, di sigarette, di vita. «Meglio un’ora in più con gli amici di una in meno», rammenta Claudio Rinaldi, riportando il pezzo di Mura. Vivendo e scrivendo, «non si può essere avari». Soprattutto se ogni parola ti è costata cara, ed è lì per un suo preciso ruolo, come un calciatore: e si può andare in attacco, o stare ore al catenaccio, ma non giocare in 15, vietato aggiungere qualcosa se non occorre: mai scrivere barocchi, con aggettivi o avverbi altisonanti e inutili: è questo a dividere Brera dalla cosiddetta scuola napoletana, il suono dal significato, la costiera amalfitana dai solchi dell’aratro, il tramonto a mare dal rosso forte e greve delle sere lombarde.
Ma ancora più della prosa, dell’eterna questione dei lombardi intorno allo stile (da Manzoni in poi), conta quel che Brera scrive. Conta il mondo che vede. E che si vede ancora, leggendo. Si sente. I suoi riferimenti culturali sono i miti greci e i contadini di Zerbo, a Po. Sono la nonna che parla in dialetto e il giornalismo elegante, ironico, british; il mondo editoriale degli anni Sessanta, quello, ma si potrebbero portare milioni di esempi, del mondiale anglosassone del 1966. Brera guarda le cose in faccia. Non dipinge quadretti kitch della sua terra, né retorici, né naif: usa invece con mano ferma i ferri del mestiere, dando voce alle voci, e mettendoci del proprio senza indugio e senza uscire dal seminato: come nella frase, da pelle d’oca, «non madre è la terra per i Padani, ma padri sono i Padani della loro terra, cui aggiunsero per millenni la propria carne e le proprie ossa (sui tozzi campanili lombardi, al tramonto, voi vedrete rosseggiare ancora oggi quel sangue tenace)». Alta, semplice, incontrovertibile.
Gianni Brera è stato il padre del giornalismo sportivo propriamente detto, buona scrittura e competenza tecnica: ma non ha chiuso la tradizione precedente in solaio (quella dei «poeti al seguito»); questo si può dire: che Gianni Brera sia stato il Pindaro dell’età classica del calcio, dal Dopoguerra agli anni Settanta, e che già prima di Maradona, Platini e Baggio, avesse intuito la crisi di fondo dell’idea di sport come gioco sacro, nel calcio del business senza fantasia; che, detta da Brera, è vera tre volte: perché è stato un testimone per mezzo secolo dei campi verdi e sabbiosi, perché non ha mai pensato alla fantasia al potere in campo (anzi!), e perché oggi si vedono i risultati di un processo in nuce quando Brera era ancora in sala stampa.
Nel libro non mancano gli spunti di riflessione, fra nostalgia, analisi e nuove idee. Ci sono scritti del figlio Paolo Brera, dell’amico e «biografo ufficiale» Andrea Maietti, di Claudio Rinaldi, caporedattore della «Gazzetta» e coautore con Paolo Brera di «Giannfucarlo. La vita e gli scritti inediti di Gianni Brera»; di Gianluca Oddenino, giovane cronista «de La Stampa», e di altri colleghi ai tempi del «Guerin Sportivo» o del «Giorno». Un fascicolo interessante, ma di certo non l’unico modo di far felice il maestro: bando alle lacrime, meglio un’ora in più con un amico di una in meno! Meglio il rosso che il bianco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

8commenti

ex eridania

E' nato il Centro Musicale Arturo Toscanini: video

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Formaggio

La grana del grana

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della popolazione femminile in età fertile

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

1commento

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

3commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»