21°

35°

Arte-Cultura

Padova: gli anni della ricostruzione

Padova: gli anni della ricostruzione
Ricevi gratis le news
0

Tiziano Marcheselli

Dal 19 settembre al 1º novembre si terrà a Chiari nel Bresciano, in villa Mazzotti (via Mazzini), la prima mostra del ciclo «Arte in Lombardia - Il secondo dopoguerra» a cura di Mauro Corradini. Come titolo della rassegna è stato scelto «Gli anni della ricostruzione: 1945-1956».
Saranno presenti opere di famosi artisti italiani di quel periodo, tra i quali il parmigiano Goliardo Padova, che, per la sua nascita a Casalmaggiore, viene condiderato lombardo, anche se ha vissuto a Milano e poi lungamente nella nostra città.
Tra le numerose manifestazioni artistiche della Lombardia, è stato individuato nella raccolta del Premio Suzzara il nucleo qualificato a cui attingere i lavori; Suzzara, nel corso della sua storia iniziale, è stata il premio nazionale del realismo: alla giurìa (lo slogan, allora famoso e  un po’ rivoluzionario, era «Un vitello per un quadro non abbassa il premio ma innalza il vitello») hanno partecipato spesso critici come Raffaellino De Grada, figlio del noto pittore Raffaele, e Mario De Micheli, culturalmente vicini e sostenitori del movimento realista, per cui nella ricca rassegna si nota la predilezione per le opere riconducibili a quella tendenza.
Da Francese a Treccani e Cassinari, da Soldati a Munari e Veronesi, da Fontana a Crippa e Manzoni, da Birolli a Morlotti e Chighine, ma anche da Gorni a Somaini e Milani tra gli scultori, il complesso panorama del secondo dopoguerra si propone ai visitatori con la sua forza e le sue contraddizioni. Sono 90 le opere che rappresentano un decennio assai fertile, che si apre alla fine della guerra e si conclude tra il 1956 e il 1957.
Due opere chiudono idealmente la rassegna bresciana: la grande tela di Roberto Crippa «La battaglia di Budapest» (non esposta per le difficoltà di trasporto, in quanto misura quattro metri di base) e il «Paesaggio (Sacca)» di Goliardo Padova: nel primo caso l’opera riporta la mente dei lettori a un episodio storico, la rivolta di Budapest, che per la cultura della sinistra italiana rappresenta un momento-chiave di riflessione, l’inizio della fine delle illusioni di un mondo diverso («I sogni muoiono all’alba» - scriveva il grande Indro Montanelli, in una foto storica con la mitica Olivetti Lettera 22 sulle ginocchia).
Nel secondo caso, che più interessa la nostra città, si tratta della prima opera che un artista, sopravvissuto al lager, realizza dopo il silenzio decennale, figlio della tragedia, vissuta in prima persona. E' senza dubbio un dipinto strano, giocato sui rossi e sulle terre: sembra quasi che il pittore cerchi nel tocco non figurativo una sorta di libertà, quella che gli era stata indebitamente negata in guerra.
Goliardo Padova, che aveva insegnato a Brera, si riaccosta alla pittura e tenta di ritrovare nei segni, anche astratti, il senso di una storia.
Nell’uno come nell’altro caso, in forme diverse, il dopoguerra mostra di essere ormai archiviato nelle coscienze, che non dimenticano, ma nemmeno rimangono ancorate a un passato drammatico. Proprio nel 1956, chiudendo la raccolta con quel «Piccolo testamento» che del periodo costituisce il filo sotterraneo, Eugenio Montale consegna alle stampe «La bufera e altro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Incidente a Scarampi

varano

Incidente a Scarampi: grave un motociclista

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

incidenti

Auto contomano in via Cappelluti, frontale: ferita una donna

traffico

Coda tra gli svincoli Autocisa e A1

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

motori

Grande festa al Paletti di Varano per la Formula Sae Italy Gallery

coldiretti

Agricoltura: siccità ma anche nubifragi, danni in regione per 150 milioni

traversetolo

I segreti della trebbiatura a Castione Gallery

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

Anga

Arare la terra? A Collecchio fanno a gara: foto

1commento

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

3commenti

Il caso

Le liti stradali? Dilagano. Anche a Parma

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

Moto

Tragedia nel motocross: morto a 13 anni

SPORT

nuoto

Mondiali: Italia subito sul podio, Detti bronzo nei 400sl

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori