22°

32°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Il segreto dell'amico Achille

Ricevi gratis le news
0

di Gianni Croci

Con l'insistente invecchiare del tempo mi trovo ogni giorno sempre meno disposto verso quella realtà che fino a ieri ha dettato prudenza o fretta ai miei passi, ha accertato sogni e ambizioni senza mai perdere di vista la misura della libertà che ha reso piacevole il mio modo di vivere, di percorrere la strada del mondo con la clessidra dei miei gusti, dei miei pensieri, dei miei tempi di movimento, dei pieni e dei vuoti, della misura che non era mai la certezza, ma il persistente dubbio che permetteva alle giornate l'intensità di una svolta nello stesso crogiuolo di una continuità che non conosce particolari desideri di successo o facili visioni di sognatore di provincia.
Ho sempre vissuto la mia libertà. Forse la mia anarchia. Il mio modo di prendere le cose in maniera del tutto personale: un'anarchia casereccia di artigiano di una piccola città. Provinciale. Ho sempre lavorato al desco di calzolaio col piede di ghisa sulle ginocchia per battere il cuoio e il coltello per tagliare modelli di scarpe e montarli. Questo lavoro mi ha aiutato a trascorrere il tempo della vita in sintonia con me stesso e il mondo. Anche quando se ne sono andati i miei genitori non ho sofferto di solitudine; ho semplicemente ricordato i bei giorni trascorsi insieme, e la mia attività, che ho sempre svolto da solo, senza soci, rifiutando benevoli e ricche offerte di lavoro in fabbriche di calzature, mi ha aiutato a superare brutti momenti anche sentimentali, dei quali, a distanza di anni, anche il ricordo e la memoria si sono affievoliti, spuntandosi in una nuova energia che si è fatta strada nell'ambito della mia fortunosa povertà che ha sempre accarezzato i miei intenti, le mie scelte di vita.
La maturità ha portato con sé la ricerca del silenzio. La memoria. La domenica mattina, e non ne salto una, vado al camposanto non solo per salutare i miei vecchi, ma per ricordare e rivedere l'amico Achille che se n'è andato nel 2002 dopo una lunga malattia sofferta in solitudine e senza mai un lamento, una confessione di dolore o di sofferenza. Come ha scoperto, il male se lo è tenuto segretamente per sé. La sua malattia non doveva sconvolgere il buon andamento della famiglia. Pur di nascondere il male a sua moglie Romana e ai suoi due figli, Achille aveva rifiutato quelle cure più drastiche che alleviano il dolore e danno tregua al malato nella misura in cui è capace di rendersi conto della gravità del suo stato e rispondere con gagliarda vivacità agli attacchi sempre più profondi e incisivi della malattia.
Achille ha certamente sofferto più di quanto ha vissuto. Ha subìto tutto il dolore senza versare una lacrima. Senza mai confessare il suo patimento quotidiano. Ha continuato a lavorare fino a quando il male non lo ha costretto a fermarsi. Non si è confidato neppure con me.
Lo vedevo cambiato ma non riuscivo a immaginare una forza così oscura e crudele che se lo stava portando via giorno dopo giorno. Mollare non era nella sua natura. Darsi per vinto e abbandonare il campo non gli passava nemmeno per l'anticamera del cervello. Romana e i figli se la sarebbero cavata. Inutile farli soffrire oltre la bastarda natura di un dolore che non conosceva momenti di vero abbandono.
Vado nel campetto dove Achille è sepolto. Dalla bella fotografia sulla lapide mi sorride, un sorriso speciale e tutto suo: aperto, coinvolgente, amico; sincero nella confidenza che rafforza l'amicizia e la fa resistente al tempo e alla memoria.
I suoi occhi neri come tizzoni ardenti di vita stroncata troppo presto, mi guardano e quasi mi sfidano, accumunandomi nel coraggio vissuto durante la malattia. Cercano ancora il silenzio complice, anche se sono certo che Achille lo abbia raggiunto e voglia assicurarmi che passeggia ancora con me amico di ieri e di oggi. Di sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rochetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

viabilità

E' tempo di nuove partenze: traffico rallentato in A1 e Autocisa Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti