Arte-Cultura

Vita da amare, sempre

Vita da amare, sempre
0

Isabella Spagnoli

La copertina del libro mostra, in primo piano, un signore ben vestito, dallo sguardo sereno e dal sorriso franco. Dietro di lui appaiono, sfuocati, alcuni ragazzini impegnati in una competizione sportiva. Hanno l’aria grintosa di chi vuol farcela a tutti i costi. Hanno impressa nei  volti la fiducia di chi sa che potrà diventare un campione. Tutti loro sono seduti su carrozzine, mezzi che non attenuano il loro valore, «macchine» che non interferiscono sulla loro unicità, bensì assolvono la funzione di supporto, sostituendosi agli arti che non ne vogliono proprio sapere di reggersi  con forze che la natura non ha dato. Non sono eroi, gli uomini che appaiono sulla copertina del libro scritto a quattro mani da Walter Antonini e Mariagrazia Villa, intitolato «La rivoluzione seduti» (Casa editrice Azzali.  15,00, pag. 119). Sono persone nate con disabilità che, la vita, hanno imparato a masticarla, tutti i giorni, con il coraggio di chi non vuole arrendersi e di chi crede nel cambiamento. «Nell’immaginario collettivo il rivoluzionario ha la barba, il sigaro e il mitra a tracolla, mentre il disabile è quello meno fortunato e sofferente. Proprio per questo, il libro è un insieme di storie, vissuti e soprattutto avvenimenti che hanno iniziato a cambiare l’immaginario collettivo di molti, ma non di tutti. Una chiave di lettura che non vuole dare verità o concetti assoluti ma percorsi di vita che aiutino il lettore a capire da dove si è partiti e dove siamo oggi nelle relazioni con la disabilità», scrive nella premessa del volume, Walter Antonini, che, alle spalle, ha una lunga storia. Romano di nascita, parmigiano d’adozione, trascorre l’infanzia in collegio, prima a Roma e poi a Venezia. Approdato all’Istituto Don Gnocchi della nostra città, il giovane Walter incomincia a guardare la vita dall’«alto» della sua carrozzina capendo di voler investire risorse nel mondo del volontariato sociale. Diventato responsabile provinciale del primo coordinamento delle associazioni di volontariato ducali, Antonini, comincia a coltivare diversi interessi: la comunicazione (ha fondato insieme ad altri amici il mensile eco solidale AltraCittà, in edicola fino al '96) e lo sport. Negli anni Novanta incomincia a praticare il basket in carrozzina e grazie alla sua felice esperienza di giocatore decide di dar vita, nella Magik Basket, alla terza squadra italiana di minibasket in carrozzina, diventandone l’allenatore (oggi è dirigente). Durante questo cammino sperimenta idee e progetti innovativi a favore dei disabili, organizza manifestazioni, tiene convegni, riceve diversi premi e onorificenze e, infine, produce una ricerca unica in Italia, sullo sviluppo delle forze residue nei giovanissimi atleti disabili. Tutta questa energia ed esperienza dovevano essere messe a disposizioni della «collettività», non potevano rimanere imprigionate nella cerchia di chi, in questi anni, ha avuto la fortuna di attingere dalla sua esperienza e personalità. L’incontro fortunato con la giornalista culturale Mariagrazia Villa ha dato il via, dunque, ad un progetto di grande valenza sociale, sfociato nella pubblicazione di questo libro, nel quale la Villa  pone domande di diverso tipo all’«intervistato», maestro nel rispondere in maniera semplice ed esaustiva. «Il titolo stesso, ''La rivoluzione seduti'', potrebbe sembrare un controsenso, proprio per chi vive di pregiudizi e preconcetti, ma il cambiamento degli ultimi quindici, vent'anni in rapporto alla storia non può che essere assimilato a una rivoluzione. Fatta dai disabili, sì, ma anche da quanti hanno voluto conoscere un mondo fino ad allora chiuso e timoroso. Una rivoluzione tutt'altro che cruenta, ma non meno sofferta, tra due mondi che, grazie anche all’amica e giornalista Mariagrazia Villa, abbiamo provato a far scoprire e interpretare a tutti», sottolinea l’autore. Il volume, corredato dalla prefazione di Gian Paolo Montali (uno dei coach di pallavolo più vincenti di sempre, il cui metodo è ormai da anni riconosciuto e apprezzato da manager di tutti i campi) tocca tutti i passaggi della vita dei disabili partendo dalla nascita, per poi toccare la famiglia, la scuola, l’adolescenza, i sentimenti e la sessualità, lo sport e il tempo libero, il lavoro, la società e la cultura e infine la vecchiaia, la morte e la spiritualità. «Quando Walter mi ha chiesto di scrivere insieme a lui una testimonianza in forma di intervista, ho accettato con piacere - scrive Mariagrazia Villa nell’introduzione -. Era l’occasione per dimostrare sia ai disabili che alla gente cosiddetta ''normodotata'' che era possibile far saltare l’impianto tolemaico della nostra cultura: il sole siamo noi, la nostra interiorità, il nostro cuore e la nostra mente; gli attributi del corpo sono solo i pianeti che ci girano attorno. Occorre una vera e propria rivoluzione copernicana, da parte di tutti, per rimettere il versante fisico della nostra vita al suo posto. Non al centro, dunque». Al centro di questo libro c'è, invece, la grande dignità di Walter Antonini e di tutte quelle persone che, come lui, della diversità hanno fatto il punto di forza, andando ogni giorno oltre i propri limiti. Vittorie, speranze, progetti e tanti sogni ancora da avverare sono elencati in questo bellissimo volume che sarà presentato dagli autori venerdì  alle  18, alla libreria Mondadori dell’Euro Torri. Modererà l’incontro il giornalista sportivo della Gazzetta di Parma, Sandro Piovani.

La rivoluzione seduti
Azzali, pag. 119, 15,00 €

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)