Arte-Cultura

Bodoni eleganza oltre i secoli

Bodoni eleganza oltre i secoli
Ricevi gratis le news
0

Perdere la notte per la grazia piatta e sottile di una «elle». Inseguire per giorni l’equilibrata apertura di una «pi» sul suo stelo. Incaponirsi per mesi pur di avere delle maiuscole limpidamente degne di questo nome. Il grande incisore, tipografo e stampatore Giambattista Bodoni era un perfetto neoclassico: come consigliava Winckelmann, cercava di fermare la superficie dell’acqua, increspata dall’eccitazione, per gustarsi l’immobile profondità del mare. I suoi caratteri tipografici, nero sangue raffreddato sull'oceano latteo della pagina, avevano l’espressione delle figure greche: per quanto agitate da passioni, mostravano un’anima posata. È davvero appassionante e rasserenante a un tempo, ripercorrere «La fucina dei caratteri di Giambattista Bodoni». L’importante volume, edito da Mup in collaborazione con Fondazione Monte di Parma e Biblioteca Palatina e realizzato con il contributo di CePIM e di Organizzazione Stampa, è stato pensato in vista del bicentenario dalla morte di Bodoni, avvenuta a Parma nel 1813 (nato a Saluzzo nel 1740 da famiglia di stampatori, fu chiamato a Parma nel 1768 dal Duca Ferdinando di Borbone per impiantarvi la governativa Stamperia Reale, che dirigerà sino alla fine della sua vita e con una tale fama che letterati, bibliofili e viaggiatori del Grand Tour faranno sosta in città, non solo per ammirare la cupola del Correggio, ma anche per visitare la sua tipografia). Terzo titolo della collana «Mirabilia Palatina», l’opera è stata scritta da Andrea De Pasquale, direttore della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano di Parma (terzo museo della stampa in Europa e primo nel suo genere in Italia), e sarà presentata in anteprima nazionale domani a Bologna, in occasione di «Arte Libro 2010 - Festival del libro d’arte». L’incontro si svolgerà a mezzogiorno, nella Sala del Risorgimento del Museo Civico Archeologico della città emiliana (Via dell’Archiginnasio, 2), alla presenza dell’autore e di Guido Conti, direttore editoriale di Mup (De Pasquale e Conti presenteranno il libro anche a Parma domenica 3 ottobre, alle 18, nel Salone Maria Luigia della Biblioteca Palatina).
L'appuntamento bolognese, quest’anno dedicato a «L'arte di fare il libro d’arte», è la cornice ideale per illustrare l’opera di un tipografo come Bodoni noto in tutto il mondo, non solo per il raffinato e rigoroso fascino dei font da lui creati, ma anche per la ricerca estetica e l’armonia compositiva dei suoi lavori a stampa. Un genio della grafica, come si direbbe oggi, dotato di cultura, inventiva e abilità tecnica. Capace di pensare a ciò di cui aveva bisogno per dar corpo alla rivelazione di un’idea e di realizzare da sé i propri strumenti di lavoro. Ancora una volta, con questo volume la Biblioteca Palatina estrae dal suo scrigno una risorsa favolosa: la straordinaria raccolta di punzoni, matrici, forme e attrezzi di vario tipo utilizzati da Bodoni e conservati nel Museo Bodoniano, per un totale di circa 80 mila pezzi. Affresco mirabile e unico delle diverse fasi di produzione dell’ultima grande tipografia e fonderia dell’Ancien Régime, avvicina il lettore a una tecnica che, pochi anni dopo la morte di Bodoni, il re dei tipografi e il tipografo dei re come venne chiamato, sarà dispersa dal vento di nuovi procedimenti tecnologici. Il volume costituisce la prima scientifica ricognizione di questa preziosa raccolta, presentandola in maniera organica ed esplicativa e chiarendone, anche grazie al confronto con l’«Encyclopédie» di Diderot e D’Alembert, il «Manuel typographique» di Pierre-Simon Fournier e il «Dizionario delle arti e dè mestieri» di Francesco Griselini, sia le caratteristiche che le funzionalità. L'attività di Bodoni come disegnatore e fonditore di caratteri, che il saluzzese inizia già dal 1771, è un aspetto poco conosciuto della sua fortunata carriera. E di forte seduzione per noi contemporanei che, davanti allo schermo di un computer, abbiamo a portata di click un’impressionante scelta di caratteri, ma non ne percepiamo più la fatica dell’unicità: scriviamo e-mail con un volgare Arial, navighiamo in siti semplificati dal Verdana e prepariamo documenti in un comune Times New Roman. Noi che la domanda sulla forma della lettera di un alfabeto, nel suo alternarsi di pieni e di vuoti, nel suo necessario dialogare con altre lettere, nel suo costante occhieggiare allo spazio, non ce la poniamo più. Forse ci manca l’ultimo dei quattro principi che, come spiega Bodoni nella prefazione al suo «Manuale tipografico», costituiscono la bellezza di una famiglia di caratteri. Dopo l’uniformità o regolarità del disegno, dopo l’eleganza unita alla nitidezza e dopo il buon gusto, c'è l’incanto, quell'impressione che danno le lettere di essere state scritte non con svogliatezza né con rapidità, ma con somma calma come in un atto d’amore. Per questo Bodoni ha parlato la lingua di Winckelmann: classico come Fidia nella resa risolutamente pacata, moderno come Jacques-Louis David, nella tensione desiderante e umana da cui tutto origina.
La fucina dei caratteri di Giambattista Bodoni - Mup, pag. 130,35,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mai, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

8commenti

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

football americano

Superbowl: Patriots per la leggenda, Eagles per il paradiso

SOCIETA'

FESTE PGN

Open Bar al castello di Felino Foto

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova