19°

Arte-Cultura

Tutta una vita di Checco Barilli

Tutta una vita di Checco Barilli
Ricevi gratis le news
1

Tiziano Marcheselli

Francesco Barilli (Checco per gli amici, e io credo di essere uno di quelli, visto che nei primi anni Sessanta avevamo studio insieme: ma c’era anche un terzo, e che terzo!, il grafico di Franco Maria Ricci e poi di «Vogue» Alberto Nodolini) è un artista atipico; se dico post-moderno, si arrabbierà? Resta il fatto che quando lo ha scoperto come pittore il mai abbastanza ricordato Roberto Tassi, aveva neanche diciott’anni: il fine critico parmigiano aveva scomodato addirittura il grande nonno Latino, ma Checco, dopo la montagna di complimenti, aveva pensato bene di dedicarsi al cinema. E il regista non era uno qualsiasi: un certo Bernardo Bertolucci (che poi vincerà l'Oscar), dopo un’apparizione ne «La Parmigiana» di Bruna Piatti (con la frase, al Circolo di Lettura, «A noi di Montechiarugolo ci piace la donna fatta...»). Poi, dopo vari film come attore e splendidi documentari come regista, molte mogli e molti figli, Francesco è tornato al primo amore, la pittura, che - tra l’altro - non aveva mai abbandonato completamente. Ma una pittura condita da sberleffi e da cruda realtà, una pittura molto vicina al grande schermo, una pittura uguale al suo carattere di artista serio e professionale che non vede l’ora di autosputtanarsi! Così, dopo una serie di incisive ironie su cose, uomini e animali, in giro per l’Italia (Roma è da anni la sua seconda casa, dopo quella storica dei Barilli in via delle Fonderie a Parma), Checco ha pensato di raccontare «Tutta una vita» sulle pareti di una ex chiesa: lui, che deve essere andato in chiesa solo cinque o sei volte, cioè quando si è sposato. La ex chiesa è la Sant’Andrea, romanica, in strada Giordano Cavestro, e la mostra è dal 2 al 31 ottobre, con orari 10-12 e 16-19, lunedì chiuso. I quadri? Solo un centinaio, perché la pittura - volendo - può essere di gomma. Come un artista può restare ingabbiato in una scatola di cristallo; evaso da un vecchio libro consunto di fiabe e incappato nell’obbligo della riproduzione esterna e quasi futile dell’occhio infantile. Per questo - dice Francesco - mi servo premeditatamente di strumenti poveri, matite colorate, acquerelli secchi, avventurandomi poi nell’esplorazione minuziosa delle risorse che quei mezzi, quei colori poco elastici e flessibili mi offrono. Io non penso, io vedo, e vedo con le mani: il pensiero, se esiste, è l’immagine. Ciò che ho fatto finora allude a un’attesa. Il mio lavoro rappresenta. E’ un capovolto teatro immobile dove qualcosa di terribile può accadere, ma per adesso di minaccioso c’è solo la luce, che assedia da ogni parte gli angoli deserti, i futili rifugi dell’uomo senza testa. E non so bene se mi piacciono i quadri che faccio. Mi piacciono con più certezza quelli che farò. Da queste parole traspare il «credo barilliano», che poi è un’idea di non credere in niente, mentre il simbolo della mostra è quel tizio in giacca bianco-rosso-verde che porta sul viso una maschera antigas (o antibanalità?) e sul fondo crescono grandi fumi colorati. Gli altri quadri provengono da esperienze disparate, dal «Tramonto sul Po» alla «Poltrona rossa sul Po», da «Rinoceronte» a «L’occhio della zebra», da «Autobomba» a «Bomba in casa», a un’altra ottantina, fino ai 22 disegni preparatori per il soggetto cinematografico «Diavoli a Natale». Francesco Barilli è nato a Parma nel 1943 ed è regista, attore, sceneggiatore cinematografico, ma soprattutto pittore poliedrico e versatile. Nel cinema ha lavorato come attore con Pietrangeli, Bertolucci, Bolognini, Saura. La sua attività pittorica lo ha portato in diverse parti del mondo, con predilezione per l'Africa, l'India e l'Estremo Oriente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cesare spaggiari

    30 Dicembre @ 12.35

    Caro Checco, ogni tanto ricordo i tempi della Pia Tosini e del mio studio in via cantelli. E' passata una vita. Mi piacerebbe incontrarti di nuovo. un abbraccio. cesare

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro