Arte-Cultura

Camere dell'orrore e delle urla

0

Giuseppe Marchetti

Il poema «Le midolla del male» di Emilio Zucchi, ambientato a Firenze, Roma, Parma e Milano nel 1944-'45 e pubblicato da Passigli con una prefazione di Giuseppe Conte, mi ha riportato alla memoria l'assassinio «politico» di Giovanni Gentile che Antonio Banfi così commentò in un famoso articolo uscito su «La nostra lotta» nel maggio del '44: «Ora ha finito. La crudeltà della morte sembra sproporzionata alla persona, sembra gettare non una luce tragica ma un senso di grottesco su una vita e un'anima mediocre. Ma attorno getta un brivido di spavento. Era, si dice, un uomo onesto, affabile, generoso di animo... Non valgono i pregi del carattere e le virtù private, l'acutezza dell'ingegno o la fama di cultura a stabilire un privilegio di salvezza per chi, indifferente od ostile, s'opponga alla volontà di redenzione di un popolo». E parimenti il poema di Zucchi mi ha ricordato la figura di Bruno Fanciullacci che dopo aver ucciso Gentile, ripara presso l'amico pittore Ottone Rosai, il quale a vederlo ansimante e sconvolto, avrebbe esclamato: «Bella impresa uccidere un povero vecchio». Tra questi fantasmi, che sono la storia più terribile e indimenticabile di un secolo, si aggira Emilio Zucchi accompagnato dalla figura del torturatore fascista Pietro Koch e da due figure femminili: la partigiana ebrea  toscana convertita al cattolicesimo  Anna Maria Enriques e Tamara Cerri, entrambe di straordinaria suggestione e attrici dei drammi di cui si nutrono le midolla del Male. Del male come simbolo, come persona soprannaturale (Satana), come malvagità morale e come perenne angoscia. Poiché è proprio dall'angoscia che nasce l'intensa bellezza (anzi: il fremito della bellezza) di queste pagine nuove, diverse e uniche,  forse, nel territorio della nostra attuale poesia in gran parte dedita alla ricerca di una levigatezza formale che nasconde il vuoto dell'ispirazione. Zucchi ha invece avuto il coraggio di riaffermare la storia dentro il buio dei fatti  che molti di noi ricordano, come più sopra dicevo, ma che releghiamo nei manuali volentieri senza eccessivi turbamenti. Turbamenti che, invece, Zucchi mette sulla pagina con spietata padronanza visiva. La sua storia diventa tragedia, e le voci, gli atteggiamenti e i caratteri dei protagonisti ci vengono scagliati in faccia come in certe poesie e in certi drammi di Brecht. Una estrema nudità domina, infatti, queste pagine, e Conte giustamente osserva che «Zucchi non ha paura di raccontare. Di piegare una ispirazione potentemente lirica alla disciplina della narrazione. Della sintassi. Della ragione». Proprio nei fatti narrati e realmente accaduti la ragione, tuttavia, è offesa, la «pietas» è un sentimento sconosciuto, la salvezza è irrisa. Ebbene, tutto questo è vero, non verosimile.  La nostra lirica novecentesca ha in buona misura relegato nell'ombra la tremenda consequenzialità di quegli anni e oggi un poeta che ne ha quarantasette trova il coraggio  di mettersi alla prova ancorandosi, nel finale,  alla voce di Anna Maria Enriques, che ha la silenziosa potenza di un coro greco: «Anna Maria, Anna Maria Enriques: / questo è il mio nome, Pietro Koch,  ricordalo. / Ero già morta quando tu salivi / verso Milano, per aprire un'altra / Villa Triste, peggiore della prima, / perché è sempre peggiore il male fatto / per la seconda volta (...)». Provocato dall'urto di un'invenzione linguistica ricca di ruvida energia contro le odierne reliquie di una scrittura dolcemente distratta, il poema di Zucchi si pone, quindi, a spartiacque tra la tradizione di un'elitaria pratica e la ricerca di una nuova contemporaneità non semplicemente avanguardistica, ma dedicata a cogliere, come in questo caso emblematico,  «le facce spinte sopra il pavimento», «mentre di sotto ustionano le ascelle / ai legati alle sedie. Tre non bastano / a tener fermo il seviziato», e  i metaforici «gabbiani lestrigoni» sull'Arno dove «stridono / disperazioni  di piccioni presi / nei becchi»,  e i «cavi elettrici scoperti / sulle caviglie delle partigiane», e  i nomi taciuti, le urla dannate, il sangue: «Pendono partigiani dai lampioni / nel freddo di febbraio. Bianchi oscillano / al passaggio dei tram».
Li abbiamo visti anche noi e ogni tanto in qualche documentario li rivediamo.  Ora, la poesia de «Le midolla del male» ce li rimette sotto gli occhi assieme ai profili della protagonista («Ostia di luce, allodola trafitta, / Anna Maria riceve il sacramento / del Battesimo: sceglie / il costato di Cristo»), di Koch, dell'aguzzino Mario Carità, del sadico Padre Ildefonso, del partigiano Bruno Fanciullacci, dell'eroico capitano Italo Piccagli, di un timido Luchino Visconti, di Tamara Cerri, del cardinale Schuster che chiede a Mussolini di far chiudere la terrificante Villa Triste di Milano (quella di Firenze era già stata chiusa   mesi prima dagli alleati), e degli attori Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, dell'avvocato cocainomane Trinca, dell'attrice Maria Denis, e poi del popolo dei condannati che Zucchi ascolta, profila, incide e fissa con attonita precisione sull'istante della vita perduta e della morte certa e quasi invocata per non soffrire più. Tra simultaneità e intuizione, allora, ecco la poesia di Zucchi diventare unghia che artiglia la realtà e la rovescia, coscienza che s'addentra davvero nelle midolla del male come nella dolente litania di Quasimodo: «Non toccate i morti, così rossi, così gonfi: / lasciateli nella terra delle loro case: / la città è morta, è morta». Era Milano, agosto del '43.

Le midolla del male
Passigli, pag. 56, € 10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

1commento

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti