19°

31°

Arte-Cultura

Guareschi e la Messa di Natale

Guareschi e la Messa di Natale
0

di Egidio Bandini

Che l’archivio di Giovannino Guareschi rappresenti qualcosa che si avvicina molto ad una fonte inesauribile di sorprese ed inediti interessantissimi, probabilmente non è più una novità; lo è però che anche la biblioteca del papà di Peppone e don Camillo continui ad offrire spunti straordinari, che aiutano a capire meglio, non solo le opere, ma anche la vita dello scrittore. Così è accaduto, in queste ultime settimane, di trovare, infilate all’interno di volumi che Giovannino ha letto, lettere davvero singolari. Fra tutte ce n’è una profondamente commovente, scritta da Padre Paolino Beltrame Quattrocchi, per il Natale del 1963, alla vigilia del suo ingresso nella Trappa di Frattocchie in quel di Roma. Padre Paolino, con la lettera, accompagna un suo libro, stampato dal Monastero di San Paolo a Sorrento, dal titolo emblematico: «Questo sconcertante evangelo…».
«Caro Guareschi, – scrive Padre Paolino – un anno, per Natale, Guareschi era in clausura e Padre Paolino, ch’era a piede libero, fece in modo di poter venire a celebrare la Messa e a parlare in S. Francesco, proprio per poter “restituire” a Guareschi una parola buona. Dico proprio restituire: riferendomi alle tante parole buone che Guareschi gli aveva donato su Candido attraverso le prime (e le migliori) puntate di Don Camillo. Specialmente quella del Presepio. E nel parlare, al Vangelo, ai “claustrali”, in quella fredda mattina di Natale, P. Paolino alluse intenzionalmente a quella puntata, in modo che solo “Giovannino” potesse capire. E Giovannino capì e si commosse (non so se oggi ricorda ancora). Oggi le parti sono – per così dire – cambiate: Padre Paolino è in clausura (volontaria, amorevole, feconda, oh! quanto diversa!) e Giovannino è libero. Tuttavia, è Natale, e come allora, vengo ancora a trovarla, con la stessa simpatia, sperando che come in quel giorno mi ascoltò volentieri, questa volta mi legga, anche Lei con la stessa simpatia di quel giorno».
Il riferimento è ad un episodio che aveva segnato profondamente la vita di Guareschi durante il periodo di carcerazione in San Francesco a Parma. Giovannino scontava 405 giorni di prigione, a seguito della condanna per diffamazione nei confronti di Alcide De Gasperi. Era il Natale del 1954: Padre Paolino convinse il Cappellano del carcere a darsi malato, così poté celebrare lui la Messa natalizia per i carcerati. Scrive Guareschi da San Francesco: «A proposito di don Camillo, bisogna che ne parli: anche perché non si chiama don Camillo bensì padre Paolino. E io lo conobbi nel settembre del 1945 a Pescantina perché egli era là, con la Pontificia Opera d’Assistenza, ad accogliere noi reduci dai Lager. Ha celebrato lui la Messa, questa mattina, perché il Cappellano era malato, e, quando io riudii la sua voce, sussultai perché era la voce del mio don Camillo. E quando iniziò il sermone io ancora sussultai perché, se il mio don Camillo fosse non un povero prete di campagna, ma uno smagliante oratore come padre Paolino, così parlerebbe ai suoi fedeli». Dopo la Messa, Giovannino potè incontrare Padre Paolino e, come scrive lo stesso frate, commuoversi fino alle lacrime in un abbraccio fraterno. Avrà risposto Guareschi a Padre Paolino, gli avrà ribadito ciò che aveva scritto a proposito di don Camillo?
Forse l’archivio di Roncole nasconde ancora questa lettera. Ma, indirettamente, Giovannino aveva già risposto, in anticipo di nove anni sulla missiva di Padre Paolino, con quelle righe dalla prigione, e anche Padre Quattrocchi gli rispose idealmente, dall’introduzione del libro: «Accordiamo gli strumenti per quello che poi sarà il lavoro della sinfonia, che cercheremo di elaborare insieme da domani in poi».
Con la stessa simpatia e la stessa commozione di quel Natale in San Francesco, Padre Paolino in clausura e Guareschi a piede libero.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

4commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

2commenti

Fatto del giorno

Gara Tep-Busitalia: perquisizioni a Smtp

Il caso

Ancora vandali in Battistero, emergenza baby gang Video

Politica

Nuova giunta, il rebus dell'assessore all'Ambiente Video

Primo Consiglio tra 15 e 20 luglio

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

paura

70enne si ritrova con i ladri in casa in zona via La Spezia

2commenti

contratto

Lucarelli crociato per il 10° anno: sarà il più vecchio della B

6commenti

carabinieri

Presi e denunciati i due scippatori di Monticelli: sono giovanissimi

3commenti

Acquedotto

Guasto riparato, torna l'acqua in via Spezia

Il ripristino dell'erogazione è già avvenuto a fine mattinata, dopo una breve interruzione

IL CASO

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

furti

Svaligiato il circolo Rapid

2commenti

ATENEO

Preghiera musulmana, inaugurato lo spazio

29commenti

il caso

Sequestro Dall'Orto, nuove indagini dopo 29 anni

TRIBUNALE

Armi e bossoli in casa, primi due patteggiamenti per la banda dei sardi

Intervista

Ermal Meta: «Il mio sogno si chiama musica»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

Lavoro

"Furbetti del cartellino": 50 indagati a Piacenza

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat