18°

32°

Arte-Cultura

Sangue sulla Liberazione

Sangue sulla Liberazione
Ricevi gratis le news
5

Giuseppe Marchetti

Con giusta e convinta ostinazione e con altrettanto motivata acribia storica e documentaria, Giampaolo Pansa continua a sondare l'immenso e in gran parte ancora inesplorato territorio delle tremende esperienze di guerra e di atrocità private che segnarono i tempi a cavallo tra il '43 e il '46, date comunque semplicemente  indicative. «I vinti non dimenticano» (Rizzoli editore) sta qui ora  fresco di stampa a ricordarci che la guerra civile ci fu, purtroppo, e che lasciò  sull'Italia tracce profonde di sangue e di odio. E mentre «le sinistre odierne temono il crollo della retorica resistenziale, la cosiddetta vulgata che hanno sempre difeso e praticato», Pansa ricerca dove può e come può i testimoni ancora viventi e i documenti di un passato che non può passare in giudicato  come una vecchia faccenda da affidare solo ai manuali di storia. Per comprendere la struttura e la necessità del nuovo libro, occorre che il lettore tenga presente il cammino che Pansa ha percorso da «Il sangue dei vinti» ('03) in poi, sino a «Il revisionista» e a «I tre inverni della paura» di due anni or sono. Un cammino d'avvicinamento, potremo dire, che ha lasciato indietro storie,  documenti e testimonianze ora, invece, recuperati per dar  conto «dell'offensiva gappista dal settembre 1943 alla primavera 1944. Giorno dopo giorno, emerge una catena infinita di uccisioni  isolate che ci rivela un aspetto della tattica comunista di solito trascurato dagli storici rossi». Il nuovo libro di Pansa si apre con una telefonata di Livia Bianchi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e quindi prosegue con lo studio  e la lettura paziente di documenti e di libri che erano rimasti  fuori dalle pagine de «Il sangue dei vinti». Livia Bianchi si rivela  quale  provvedutissima e precisa guida che indirizza Pansa sulle vicende di Firenze, della Toscana, della Venezia Giulia, dell'Emilia e di certe province del Nord-Ovest. Piano piano, escono nomi, fatti, episodi, incontri, atrocità impensabili da una parte e dall'altra: tutto un insieme di opuscoli, libri e memorie che creano un vorticoso transito di ricordi ora affidati alle pagine, ora invece ancora palpitanti dalle vive voci dei protagonisti o dei loro  parenti. Impossibile, quindi, riassumere il contenuto del saggio che fa riaffiorare inquietanti domande, incerte o reticenti  risposte, e cumuli di macerie materiali e morali dai quali si levano, inascoltate, richieste di giustizia e di perdono. «I vinti non dimenticano» ha colori e toni di romanzo, ma non lo è: tutti i suoi personaggi sono veri, tutti i fatti evocati e descritti sono veri o balzano fuori verosimilmente dalla nutrita quantità  di documenti che Livia Bianchi e Pansa hanno raccolto, catalogato e discusso. Ci sono persone e vicende che sconcertano oggi  chi legge queste pagine con animo sgombro da pregiudizi e da ideologie. Pare, in molti casi, di leggere una versione smisurata  e umanamente gremita di quel mirabile libro che è l'«Antologia  di Spoon River» di Lee Masters, con in più un odore di morte e di vendetta  che coinvolge migliaia di innocenti, partigiani rossi e bianchi, fascisti della prima e dell'ultima ora, giovani e vecchi, operai, studenti, intellettuali, contadini, uomini e donne colpevoli d'essersi trovati di qua e non di là, oppure di là e non di qua per scelta o per caso. Pansa sottopone alla nostra riflessione due casi che possono risultare esemplari: quello dei sette Fratelli Cervi e quello di Giovanni Prodi prigioniero fascista nel campo di Coltano. In entrambi i casi molto rimane da accertare,  anche se sembra  appurato che il giovane Prodi diciannovenne iscritto a Matematica all'Università di Parma abbia fatto parte di una divisione repubblichina inviata per l'addestramento in Germania; mentre - scrive Pansa  - «I Cervi erano considerati anarchici senza disciplina, per nulla disposti a mettersi agli ordini del Pci». Due casi, dicevamo, tra i tanti di una lotta senza quartiere che la disfatta bellica produsse e alimentò sino al «marocchinato» (ricordate il famoso episodio de «La romana» di Moravia e De Sica con la ragazza violentata?), alla mattanza in Garfagnana, alle violenze titine a Trieste e a Fiume, al terrore rosso, allo «stupro antifascista», al Triangolo della morte in Emilia dove furono assassinati ex fascisti o presunti tali in un clima di paura e di «diffusa omertà» come denunciava un radiogramma della Questura di Modena e infine l'uccisione, sempre in Emilia, di un giovane democristiano, Giuseppe Fanin, ed eravamo già nel novembre del '48! Questi i fatti. Giampaolo Pansa conclude con giusto orgoglio che anche scrivendo questo suo ennesimo libro si è sentito «un uomo libero».

I vinti non dimenticano
Rizzoli, pag. 466, € 19,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Laura

    07 Ottobre @ 09.23

    ci sono verità note a molti, anche in città, verità che minano interessi consolidati a tal punto da istituire il diritto di eredità sulla condizione di "partigiano". L'autore avrà pure scelto il filone con un occhio al mercato, e non mi pare un demerito, però racconta di fatti che molti conoscevano e solo pochi superstiti ormai conoscono. Anche questa è memoria da conservare e tramandare.

    Rispondi

  • Barbara Mozzoni

    06 Ottobre @ 19.59

    Credo il sig. Pansa abbia identificato un filone taboo per la tradizione italiana, ma molto in voga nella cultura yankee. Nel caso in analisi sembra più opportunità commerciale che necessità storica.

    Rispondi

  • ferro

    06 Ottobre @ 17.57

    ma la verita' ha data di scadenza? o quello che scomoda e' il venire a sapere che non tutti ,e sottolineo "non tutti", quelli che ci hanno spacciato per eroi lo erano davvero? e sara' che vennt'anni di sopprusi fascisti giustificano in alcuna maniera l'uccisione di un giovane democristiano a 3 anni dalla fine della guerra? a dar fastidio e' il giornalista Pansa o quello che scrive? se quello che scrive e' documentato , prendiamone atto , non si tratta di "schierarsi" , ma di cercare di capire un periodo nero e maledetto sperando non si ripeta piu', se ad alcuni questo non va,che si chiudano occhi e orecchi come le tre scimmiette e restino con quello che gli hannpo insegnato ( o propinato...) per anni che tanto gli basta e avanza!

    Rispondi

  • katiatorri

    06 Ottobre @ 11.52

    Pansa non è un uomo libero,ha sempre e solo inseguito la corrente usandola a suo piacimento...è furbo non libero,certe cose perchè non le scrisse subito e non quando ormai i testimoni diretti sono o morti o novantenni?ah,forse perchè allora era comodamente antifascista nel pci....ricominciamo a ricordarci cosa furono i ventanni di dittatura fascista e cosa fecero i fascisti alleati coi nazisti o schierati nelle ss solo così potremo capire la rabbia del dopo guerra

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    06 Ottobre @ 11.40

    Già mi immagino le polemiche da paura che verranno sollevate...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

cina

Tifone Hato il peggiore in Cina da 50 anni: almeno 12 morti

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente