12°

Arte-Cultura

Bustarelle: millenni di scandali

Bustarelle: millenni di scandali
0

di Christian Stocchi
La storia, si sa, è maestra di vita, ma talvolta ci impartisce lezioni che vorremmo ignorare. Soprattutto quando ci dice chi siamo e ci indica impietosa la voragine del nostro lato oscuro. Perché - è bene non dimenticarlo - l’uomo è un impasto strano di luce e di tenebre. E le tenebre sono purtroppo inestirpabili, a prescindere dal tempo o dalla latitudine in cui ci tocca in sorte di nascere. In un saggio ricco di citazioni e di utili spunti di riflessione, Carlo Alberto Brioschi esplora «Il malaffare» (Longanesi), offrendo una «breve storia della corruzione» dal mondo antico fino a oggi.

Una lunga storia
Chiamatele come volete: mazzette, tangenti, bustarelle. Ma sappiate che questi fenomeni sono sempre esistiti. Così come non sono mai mancati nella storia altri comportamenti che possiamo catalogare genericamente sotto il nome di corruzione. Occorre, tuttavia, tenere presente qualche dato culturale e psicologico: il principio del «do ut des» appartiene a una zona grigia a cui spesso è stata riconosciuta una certa dignità sociale. Nell’Antico Testamento, ad esempio, il principio della reciprocità è spesso presente e - nota l’autore - l’antica società mediorientale appare informata su questo criterio. Nel Nuovo Testamento, tuttavia, si registra un cambiamento di mentalità: Simon Mago, pronto a pagare per acquisire i poteri dello Spirito Santo, è paradigma del tutto negativo. Il mondo greco presenta spunti interessanti. Nell’Odissea, Ulisse appare come un mentitore, un truffatore geniale. Platone, poi, fa constatare a Socrate l’impossibilità di opporsi a una moltitudine corrotta. A Roma la corruzione legata alle cariche pubbliche è assai diffusa: Giulio Cesare ricorre ad ogni mezzo per accedere al consolato e abbattere il potere del Senato; Cicerone rivendica l’opportunità di coltivare le clientele (la raccomandazione è, insomma, una pratica ritenuta virtuosa); ma, ancor prima, lo stesso Catone il Censore subisce più di quaranta processi per corruzione. Senza dimenticare che «gli abiti dei governatori erano fatti solo di tasche», come scrive Brecht con un’allusione provata dalle fonti. Il Medioevo, poi, vive il conflitto tra la diffusione del messaggio cristiano e la pratica quotidiana del potere; usura e simonia si insinuano profondamente nel clero. Nella Divina Commedia, Dante ci offre un quadro sistematico e illuminante. Se nel Cinquecento Machiavelli spiega come il male sia intrinseco all’azione politica per la conservazione dello Stato, «il Seicento è soprattutto in Francia il secolo in cui l’arte della corruzione politica raggiunge il suo apice [...] ma è anche il secolo del moralismo per eccellenza»; successivamente passaggi fondamentali nella storia della corruzione sono, tra gli altri, il trionfo del capitalismo, il colonialismo e l’avvento dei totalitarismi nel Novecento, che dimostrano come il fenomeno non sia caratteristica esclusiva delle democrazie liberali, ma un fatto diffuso anche nelle repubbliche socialiste, ispirate a utopie destinate a restare confinate nel mondo dei sogni.

La corruzione oggi
Oggi la corruzione ha mille facce, ma la sua essenza è sempre la stessa. Certo alcuni elementi culturali sono mutati: prendete il debito, che per millenni è stato sinonimo di colpa e invece oggi, nel villaggio globale, è diventato un incredibile e perverso strumento di arricchimento. Per anni abbiamo nuotato in un mare di crac, bolle speculative e corruzione nell’economia. Ma restano anche le vecchie, care abitudini: ricordate, ad esempio, Tangentopoli? Insomma, la corruzione è viva e gode di ottima salute. In particolare (come testimoniano le classifiche internazionali) in Italia, dove sembra trovare una piacevole residenza. Forse perché questa «consuetudine della corruzione - come sosteneva Sciascia - permea la nostra stessa cultura».

Un futuro roseo? 
Umberto Eco si è chiesto che cosa significhi essere onesto e, ricordando la corruttibilità di chi esercita cariche pubbliche, ha ironicamente concluso: «Non è meglio eleggere subito chi è indiziato di concussione e di peculato, in modo da poterlo controllare?». Allora quali sono le nostre speranze? La giustizia e le leggi, certo. La stampa, quando non è costretta a rinunciare al suo ruolo più alto: quello di cane da guardia (non di compagnia, come spesso succede) del potere. La satira, che colpisce nel segno e ferisce più di mille parole. Ma le nostre speranze, per quanto soffocate dalla certezza dell’invariabilità dei comportamenti umani, potrebbero essere scritte con un colore diverso: il rosa. Se le donne infatti, per secoli emarginate dai processi decisionali, acquisiranno un ruolo più rilevante nella società, probabilmente qualcosa cambierà. Perché il loro modello di comportamento, certamente più trasparente, è relazionale e collaborativo; molto diverso da quello maschile, fondato sulla gerarchia e sull'imposizione. Insomma, al netto di un giustificato pessimismo, possiamo solo auspicare che il nostro futuro sia roseo. In tutti i sensi. 

Il malaffare - Longanesi, pag. 304,  16,00

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia