18°

Arte-Cultura

Bustarelle: millenni di scandali

Bustarelle: millenni di scandali
0

di Christian Stocchi
La storia, si sa, è maestra di vita, ma talvolta ci impartisce lezioni che vorremmo ignorare. Soprattutto quando ci dice chi siamo e ci indica impietosa la voragine del nostro lato oscuro. Perché - è bene non dimenticarlo - l’uomo è un impasto strano di luce e di tenebre. E le tenebre sono purtroppo inestirpabili, a prescindere dal tempo o dalla latitudine in cui ci tocca in sorte di nascere. In un saggio ricco di citazioni e di utili spunti di riflessione, Carlo Alberto Brioschi esplora «Il malaffare» (Longanesi), offrendo una «breve storia della corruzione» dal mondo antico fino a oggi.

Una lunga storia
Chiamatele come volete: mazzette, tangenti, bustarelle. Ma sappiate che questi fenomeni sono sempre esistiti. Così come non sono mai mancati nella storia altri comportamenti che possiamo catalogare genericamente sotto il nome di corruzione. Occorre, tuttavia, tenere presente qualche dato culturale e psicologico: il principio del «do ut des» appartiene a una zona grigia a cui spesso è stata riconosciuta una certa dignità sociale. Nell’Antico Testamento, ad esempio, il principio della reciprocità è spesso presente e - nota l’autore - l’antica società mediorientale appare informata su questo criterio. Nel Nuovo Testamento, tuttavia, si registra un cambiamento di mentalità: Simon Mago, pronto a pagare per acquisire i poteri dello Spirito Santo, è paradigma del tutto negativo. Il mondo greco presenta spunti interessanti. Nell’Odissea, Ulisse appare come un mentitore, un truffatore geniale. Platone, poi, fa constatare a Socrate l’impossibilità di opporsi a una moltitudine corrotta. A Roma la corruzione legata alle cariche pubbliche è assai diffusa: Giulio Cesare ricorre ad ogni mezzo per accedere al consolato e abbattere il potere del Senato; Cicerone rivendica l’opportunità di coltivare le clientele (la raccomandazione è, insomma, una pratica ritenuta virtuosa); ma, ancor prima, lo stesso Catone il Censore subisce più di quaranta processi per corruzione. Senza dimenticare che «gli abiti dei governatori erano fatti solo di tasche», come scrive Brecht con un’allusione provata dalle fonti. Il Medioevo, poi, vive il conflitto tra la diffusione del messaggio cristiano e la pratica quotidiana del potere; usura e simonia si insinuano profondamente nel clero. Nella Divina Commedia, Dante ci offre un quadro sistematico e illuminante. Se nel Cinquecento Machiavelli spiega come il male sia intrinseco all’azione politica per la conservazione dello Stato, «il Seicento è soprattutto in Francia il secolo in cui l’arte della corruzione politica raggiunge il suo apice [...] ma è anche il secolo del moralismo per eccellenza»; successivamente passaggi fondamentali nella storia della corruzione sono, tra gli altri, il trionfo del capitalismo, il colonialismo e l’avvento dei totalitarismi nel Novecento, che dimostrano come il fenomeno non sia caratteristica esclusiva delle democrazie liberali, ma un fatto diffuso anche nelle repubbliche socialiste, ispirate a utopie destinate a restare confinate nel mondo dei sogni.

La corruzione oggi
Oggi la corruzione ha mille facce, ma la sua essenza è sempre la stessa. Certo alcuni elementi culturali sono mutati: prendete il debito, che per millenni è stato sinonimo di colpa e invece oggi, nel villaggio globale, è diventato un incredibile e perverso strumento di arricchimento. Per anni abbiamo nuotato in un mare di crac, bolle speculative e corruzione nell’economia. Ma restano anche le vecchie, care abitudini: ricordate, ad esempio, Tangentopoli? Insomma, la corruzione è viva e gode di ottima salute. In particolare (come testimoniano le classifiche internazionali) in Italia, dove sembra trovare una piacevole residenza. Forse perché questa «consuetudine della corruzione - come sosteneva Sciascia - permea la nostra stessa cultura».

Un futuro roseo? 
Umberto Eco si è chiesto che cosa significhi essere onesto e, ricordando la corruttibilità di chi esercita cariche pubbliche, ha ironicamente concluso: «Non è meglio eleggere subito chi è indiziato di concussione e di peculato, in modo da poterlo controllare?». Allora quali sono le nostre speranze? La giustizia e le leggi, certo. La stampa, quando non è costretta a rinunciare al suo ruolo più alto: quello di cane da guardia (non di compagnia, come spesso succede) del potere. La satira, che colpisce nel segno e ferisce più di mille parole. Ma le nostre speranze, per quanto soffocate dalla certezza dell’invariabilità dei comportamenti umani, potrebbero essere scritte con un colore diverso: il rosa. Se le donne infatti, per secoli emarginate dai processi decisionali, acquisiranno un ruolo più rilevante nella società, probabilmente qualcosa cambierà. Perché il loro modello di comportamento, certamente più trasparente, è relazionale e collaborativo; molto diverso da quello maschile, fondato sulla gerarchia e sull'imposizione. Insomma, al netto di un giustificato pessimismo, possiamo solo auspicare che il nostro futuro sia roseo. In tutti i sensi. 

Il malaffare - Longanesi, pag. 304,  16,00

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidenti

Tir travolge operai al lavoro sulla A10: due morti

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa