-4°

Cultura

Don Camillo, un plagio dietro l'altro

In un libro thailandese il pretone della Bassa trasformato in bonzo

Don Camillo, un plagio dietro l'altro
Ricevi gratis le news
0
 

La «bomba atomica» scoppia il 9 Gennaio 1956: Giovannino Guareschi avrebbe copiato di sana pianta i personaggi di don Camillo e Peppone da un pressoché ignoto romanzo, scritto nel 1930 dalla francese Helene Grillet, naturalizzata austriaca con il cognome di Haluschka: «Il parroco di Lamotte».

A dare la notizia del presunto plagio è la stampa viennese, dove la creatrice del parroco «plagiato» dice di aver scoperto, andando a vedere uno dei film con Fernandel e Gino Cervi nei panni del parroco e del sindaco più famosi del mondo che, in fondo, si trattava soltanto di una «rimescolata» ai racconti che vedevano, la bellezza di 25 anni prima, protagonisti il suo parroco e il suo sindaco (nella fattispecie, però, socialista), quindi l’opera più famosa di Guareschi, quella che gli aveva garantito notorietà e successo in tutto il Mondo, non doveva ritenersi altro che un plagio in piena regola.

Immediatamente, i giornali italiani fanno grancassa attorno al «caso» della scrittrice di Graz adombrando, addirittura, la possibilità di una causa per plagio, intentata dalla Haluschka nei confronti di Guareschi.

La notizia fa immediatamente il giro del mondo, al punto che già l’11 Gennaio 1956 un articolo sulla questione comparve addirittura su un quotidiano di Montevideo.

Con la notorietà che i libri e i film di Guareschi avevano acquisito, sembrava davvero dovesse prepararsi il colpo del secolo. Ma in Italia, a prendere le difese di Giovannino fu nientemeno che L’Unità, il 16 Gennaio 1956, pubblicando la notizia che la scrittrice Helene Haluschka aveva ritirato le accuse di plagio contro Guareschi, il quale, a margine della copia dell’articolo pervenuta dall’Eco della stampa alla redazione del Candido, annotò: «Sottoscrivo con entusiasmo».

Tutto si sgonfiò in men che non si dica, dal momento che fu la stessa Haluschka a dichiarare: «Il mio parroco è nato dal cuore di una donna, mentre il don Camillo è la creazione geniale di un grande uomo. Penso che ogni persona di genio può servirsi di qualunque spunto per creare un capolavoro». Sull’onda del presunto plagio austriaco, però, fiorirono altre accuse, come quella lanciata da un giornale milanese il 12 Gennaio 1956, nella quale si ipotizzava che Guareschi avesse preso i suoi personaggi da un libro scritto nel 1926 da un tale Joseph Jolinon o quella che voleva far derivare don Camillo e Peppone dai personaggi della commedia «Il diavolo e l’acqua santa» scritta alla fine del 1800 da Carlo Bertolazzi, autore milanese più noto per le pièce dialettali che per quelle in lingua.

Nessuno diede seguito a queste ipotesi, che caddero immediatamente nel dimenticatoio. Di ben altra fatta e più che mai concreti e provati, sono i plagi che Guareschi subì, appunto per il don Camillo.

Tre per tutti (e sono solo i più eclatanti): nel 1959 fu Frate Indovino a far stampare, scritto da P.V. Sambuco – forse un nome d’invenzione - reclamizzandolo con il calendario del medesimo anno, «Don Camillo in penitenza».

Nel 1960 addirittura in Thailandia (allora ancora Siam) Kukrit Pramoi scrisse «Bang Phai Deng» ovvero «Il villaggio dei bambù rossi», dove don Camillo era un bonzo e invece di Gesù era il Buddha a parlare.

Il libro riscosse parecchio successo, tanto da essere tradotto in inglese e fu proprio nell’edizione britannica che l’autore, tra l’altro ex primo ministro, confessò di aver copiato il don Camillo.

Infine Jorg Muller in tempi molto più recenti ha scritto «Don Camillo sprich mit Jesus». Plagi belli e buoni, senza nemmeno il pudore, nel caso di quello italiano e quello tedesco, di cambiare il nome al protagonista, anzi, sulla sovraccoperta del libro di Frate Indovino c’è addirittura il ritratto di Fernandel.

Plagi, però, senza alcun successo, fatto salvo il volume tailandese che, in sostanza, però, è una traduzione clandestina, ma fedele di Guareschi.

Di ben altra portata il successo del don Camillo guareschiano che, scrisse qualcuno all’epoca delle accuse di plagio, anche qualora fosse stato tratto, come semplice spunto, dal parroco di Lamotte, non ci sarebbe stato nulla di male perché, come nel caso del «Faust», se Goethe non avesse preso il personaggio da un semplice spettacolo teatrale, oggi, certamente, nessuno se ne ricorderebbe più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

GAZZAREPORTER

"Tramonti infuocati": le foto del lettore Matteo

TG PARMA

Nuovi agenti di polizia municipale e telecamere a Parma Video

Festeggiato San Sebastiano, patrono della Municipale

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

4commenti

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

musica

Ed Sheeran annuncia il fidanzamento con Cherry Seaborn

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"