15°

Arte-Cultura

Vargas Llosa, Nobel e impegno

Vargas Llosa, Nobel e impegno
1

 di Giuseppe Marchetti

Assegnando a Mario Vargas Llosa il Nobel di quest'anno per la Letteratura, i giudici dell'Accademia di Svezia ne hanno indicato esemplarmente «la cartografia delle strutture del potere». La formula è ambigua e un po' confusa contrariamente a quanto ogni anno gli stessi giudici scrivono per documentare il loro operato, ma insomma si può pensare che abbiano voluto indicare ai lettori quella eccezionale capacità che lo scrittore peruviano ha di immergersi tra le pieghe del reale per ricavare dal confronto la carta vincente della ribellione. L'ha affermato più volte lo stesso Vargas Llosa: «La finzione è sempre una denuncia, è la prova di una rivolta perché il romanziere è un ribelle, un uomo indignato per questo o quell'altro aspetto della realtà. Una persona in tutto d'accordo con il mondo o con la vita non cerca mai di creare delle realtà verbali. Io penso che ogni romanzo sia un assassinio formale della realtà».
Quando scrisse queste parole, Vargas Llosa aveva trentatré anni, ma il concetto lungo l'arco dei decenni non è mutato, ed ecco allora il senso della «cartografia» rilevata dai giudici svedesi. 
Del resto, le esperienze del narratore (ma ha scritto anche drammi) nato ad Arequipa nel '36 e trasferitosi giovanissimo prima a Madrid dove si laureò con una tesi su Ruben Dario, e poi a Parigi (la Parigi dell'esistenzialismo, di Sartre, di Malraux, di Mauriac, di Camus), stanno qui davanti a noi a testimoniare la fervida e veloce carriera di uno scrittore votato all'uso più aggressivo e accattivante della parola. 
Tale uso si manifesta in tutta la propria singolarità sino dal romanzo che l'impose all'attenzione mondiale «La città e i cani» (1963) nel quale l'esperimento narrativo non solo impose quel libro ma attirò la curiosità dei lettori e della critica sopra tutta la narrativa latino-americana prima assai poco considerata e studiata. 
«La città e i cani» è quello che si potrebbe definire un romanzo potente e grandioso per concezione e impianto: la storia dei cadetti di un collegio militare diventa ben presto la storia di una intera società che palpita e vive tra frammentazioni di voci narrative che dovrebbero redigere un testamento di verità, la quale cosa invece sfugge a tutti ingannandoli e seducendoli. 
Lo stesso avviene quasi vent'anni dopo quando Vargas Lliosa pubblica «La guerra della fine del mondo» che segna, dopo altri sei romanzi l'abbandono dell'atmosfera peruviana per narrare una storia accaduta in Brasile alla fine del diciannovesimo secolo. 

Protagonista di questa storia è un santone illuminato Antonio Consejro che con la sua ostinata predicazione contro la repubblica o la modernità indottrina i disadattati del Nord-Est brasiliano sino a provocare tragici scontri a Canudos dove Consejro vorrebbe  instaurare un regno millenarista. 

Altro grande sogno dello scrittore, anche questo. Ma la realtà è ben altra; specialmente la realtà dei Paesi latino-americani, e perciò Vargas Llosa non può far altro che tornare con caparbietà sulle strutture del potere e sul potere che queste strutture vogliono far penetrare tra le fibre della società. 

Quando, nel 2000, esce «La festa del caprone» si capisce subito che il romanziere vuole trascinare i lettori al livello di veri e propri cospiratori al cospetto della tragica figura di Rafael Trujillo per raccontare l'ultimo giorno di dominio del dittatore durato più di trent'anni sulla Repubblica Dominicana. 

Ancora una volta «il marciume del mondo» ha attirato le curiosità dello scrittore, e ancora una volta Vargas Llosa ha messo al servizio di questa rampogna e dei suoi mille dolori l'abilità di un sistema espressivo collaudatissimo che si nutre di morale convenzionale satireggiata e infamata e di una forte capacità di evocare le psicologie e i caratteri dei personaggi.

Ecco allora rivelarsi appieno la storia di una generazione e la potente realtà di un ricco e complesso contributo critico. 

Tra José Danoso (1925) e Vargas Llosa corrono dieci anni di opere di primaria importanza dovute a Salvador Garmendia, Carlos Fuentes, Julio Ramòn Ribeiro, Guillermo Cabrera Infante, Jorge Onetti, Enrique Martin e Octavio Paz:  «L'ondata del combattimento»  l'ha definita Mario Luzi in un suo indimenticabile saggio. 

E adesso il Premio Nobel assegnato a Vargas Llosa premia la fedeltà di un mondo antico e giovane al tempo stesso alla «tensione che non ha ancora trovato - come diceva Ruben Dario - un punto di equilibrio, ma che vive nella condizione ignea che la pervade». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michele

    09 Ottobre @ 09.30

    Mario Vargas Llosa lo scrittore è il complice di un crimine contro i 08 giornalisti caso Uchurracay, sulle alture di Huanta per l'anno 1983, il reato è stato condotto dai membri della marina militare peruviana e l'esercito sotto il comando del generale Clemente Noel. "Uchuraccay" è stata la prima fossa comune esercitata dai militari, la guida e i testimoni vengono eliminati. La commissione di Vargas Llosa, Mario Castro e giurista Abramo Guzman Figueroa sono complici di questo crimine efferato che ha fatto il giro del mondo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

Gazzareporter

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

mamma esce dalla stanza

20 milioni di like

La mamma che striscia batte Belen & co a colpi di clic

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Chi ha votato con sms sarà rimborsato

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Enogastronomia: domani un inserto di sei pagine

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

Lealtrenotizie

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

5commenti

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Traffico

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità ridotta a 80 metri in A1 Foto

Incidente nella notte a Vicomero

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Ci sono nuove date per semifinali e finali

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

6commenti

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

VIA VENEZIA

Investe una donna e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

6commenti

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

1commento

LA SPEZIA

Rubava Epo all'ospedale per venderlo ai ciclisti

SOCIETA'

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

SPORT

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv