10°

22°

Giornate di primavera

Il Fai spalanca le porte dell'Ateneo

Il Fai spalanca le porte dell'Ateneo
Ricevi gratis le news
0
 

Domenica, in occasione delle Giornate Fai di Primavera, l’Università di Parma apre le porte della sede centrale. Lo storico palazzo in via Università, antico Collegio dei Gesuiti, accoglierà i visitatori che risponderanno alla tradizionale chiamata del Fondo ambiente italiano, sezione di Parma, che ogni anno organizza iniziative alla scoperta dei luoghi archeologici, palazzi e monumenti storici. Si tratta di un debutto assoluto: il Palazzo centrale dell’Università, Ateneo tra i più antichi al mondo, è la prima sede universitaria a ospitare le Giornate Fai di Primavera.
Il Palazzo sarà visitabile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 (partenza ultima visita alle 18), con ingresso da via dell'Università 12. Per info: delegazionefai.parma@fondoambiente.it. Nell’organizzazione saranno impegnati numerosi volontari del Fai, e le visite saranno curate dagli studenti del corso di laurea in Beni culturali.
Il percorso prevede la partenza dall’atrio principale di ingresso (atrio “delle colonne”) e la conclusione nella corte interna al cui centro spicca la scultura “Graecia capta” di Carlo Fontana. Si visiteranno tra l’altro l’Aula dei Filosofi, lo scalone d’onore con la statua di Romagnosi, al primo piano la galleria sul lato nord con l’Aula della Bandiera e sul lato ovest il lapidario a memoria dei docenti illustri, e il rettorato. La visita continuerà negli ambienti del museo di Storia naturale, poi si scenderà dalla scala storica e si attraverserà il corridoio del piano terra con le sculture di Alberto Burri e in Aula magna.

Le Giornate Fai di primavera sono lo speciale invito alla visita che il Fai rivolge agli italiani: un invito alla scoperta delle bellezze del nostro Paese che si trasforma ogni volta in una profonda e collettiva manifestazione d’affetto, di orgoglio e di identità nazionale. Sono la più grande festa di piazza italiana dedicata alla cultura e all'ambiente: il momento dell’anno in cui il Fai incontra gli italiani, offrendo scenari meravigliosi e sorprendenti. Palazzi, castelli, chiese, giardini, conventi, biblioteche, aree archeologiche, teatri e tanto altro: tante meraviglie, tutte legate tra loro dalla bellezza e dalla storia.

Per Giovanni Fracasso, responsabile della delegazione Fai di Parma, «le giornate Fai sono un meraviglioso evento di pedagogia civile che attira migliaia di visitatori ogni anno. Sono anche una grande occasione per affermare il primato della cultura. Il Palazzo centrale dell’Università non è solo uno scrigno di tesori, che merita di essere visitato, ma rappresenta anche la millenaria storia del più importante polo culturale della città. L’eccellenza della nostra Università è un ingrediente fondamentale per un nuovo Rinascimento parmense».

«Per noi è un onore aprire le porte al Fai, per una manifestazione che è un appuntamento ormai consueto per milioni di italiani. Abbiamo una sede storica meravigliosa che è davvero tutta da scoprire, e credo che questa sia un’occasione d’oro per visitarla: invito dunque tutti, parmigiani e non, a venire a trovarci» spiega il rettore Loris Borghi, che aggiunge: «Anche questa apertura straordinaria rientra nello spirito della nuova Università che abbiamo cercato di costruire fin dall’insediamento dell’attuale governance di Ateneo: un’Università che vuole essere aperta al territorio e muoversi in piena sinergia con esso, parte di un circuito virtuoso nel quale non ci siano barriere ma ponti».

L’apertura di domenica sarà preceduta da due appuntamenti a Parma e in provincia: venerdì l’anteprima con l’apertura dell’appartamento di Don Ferdinando di Borbone e dell’Osservatorio astronomico nella Reggia di Colorno; sabato l’apertura del maestoso Complesso dell’Ospedale Vecchio di Parma.

Note storiche

Già Collegio dei Gesuiti e incompiuta sede urbana della Compagnia di Gesù, il Palazzo è la sede centrale dell'Università sin dal 1768. Il Palazzo centrale sorge nel vasto isolato che i Gesuiti ampliarono, progressivamente, dal 1564, presso l'oratorio di San Rocco, assegnato loro dal duca Ottavio Farnese. Numerosi progetti furono presentati nel tempo, tra cui quelli di frate Giovanni Tristano (1565), di padre Blandino (1629) e di altri architetti. Solo nel 1654 si avviò il cantiere, probabilmente sul progetto di padre Giovanni Federico Cusani. Il severo esterno del tetragono edificio è quasi antibarocco nel suo ostentato rigore controriformistico. I grandiosi ambienti interni conservano le vestigia dell'uso originario, benché siano stati negli ultimi due secoli adattati alle esigenze didattiche e di rappresentanza dell’Ateneo.r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

4commenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

1commento

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel