-1°

personaggi

Quel genio di Giuseppe Verdi. A Parma la sua roccaforte

Barilli, rileggiamo le grandi firme della Gazzetta

Quel genio di Giuseppe Verdi. A Parma la sua roccaforte
Ricevi gratis le news
0

In quella enorme zanzariera che è la Valle del Po fra Parma e Mantova doveva nascere il genio di Giuseppe Verdi e Parma diventare la roccaforte dei verdiani. Da quelle terre arate e grasse tu vedi le torri ed i monumenti e le mura di questa antica capitale dove ebbe sede anche la corte di Maria Luisa d’Austria, moglie del grande Imperatore.

Per toccare il fondo dell’anima di Verdi non nuoce l’aver vissuto a lungo là dentro quarant’anni fa, fra un popolo facile ad accalorarsi, travagliato e pieno di una sinistra inclinazione musicale. Quella era l’epoca delle sedizioni fulminee, dei grossi adulterii, dei preti e dei mangiapreti, l’epoca del gaz, dei ladri di gatti e dei lampioni che vanno con l’asta dell’«Ave Maria» fuligginosa e accendono dei lampioni rotti. La plebe porta il tabarro alla spagnuola, il cappelluccio calcato sugli occhi, e sputa fuori dei denti con tracotanza, parlando a grumi quel dialetto mescolato e gagliardo che ancora dura. Il cosiddetto vino della bassa, mistura schiumosa e spropositata, che faceva «bum» nello stomaco, dava fuoco ai loro discorsi e aggiungeva riformatori del genere umano.

Parma chiudeva entro i suoi bastioni umidi un dedalo di straducole, porticati, tane e borghetti carichi di passione, di violenza e di generosità. Covi di anarchici e di bombardieri «ratès», le sue osterie erano sempre piene di vociferazioni e di santi. Quando vedevi sbucar fuori dal buio delle porte certe losche, scarne e spiritate figure di popolani, dagli occhi assonnati e biechi, facevi presto ad accorgerti che in quel clima infuriava ancora il microbo dell’ottantanove.

Immersa nel fiato torbido dei suoi cieli di novembre questa città logora e illustre rassomigliava molto ad un quartiere del vecchio Parigi. Anche sulla sua piazza della Rocchetta avrebbe potuto figurare il palco della prima ghigliottina. Popolo turbolento e terribile, popolo che disprezza il villano, odia lo sbirro e massacra la spia, dove la trova, quello di Parma. Tutta la città era un teatro continuo: contumelie, gazzarre e tumulti finivano la giornata di questi cittadini pericolosi e fierissimi. Quante volte non abbiamo veduto scoppiare da un nonnulla la ribellione; torme di gente rabbiosa accorrere e far botte e legnate volare all’aria qualche «keppì» di questurino.

Le cagnare, nella luce verde dell’inverno si trasformavano in sommosse e in un baleno, fra mille urli e sbatacchiamenti di imposte, la situazione diventava grave. Gli arresti, gli strilli forsennati delle donne, le sassate, gli spari, le fughe e gli inseguimenti allargavano il campo della lotta che si protraeva poi nell’oscurità, circospetta, accanita, feroce e micidiale. O lunghe notti d’ansia passate ad ascoltare il crepitare dei moschetti, il passo di corsa delle pattuglie di rinforzo, le cariche dei cavalleggeri, le maledizioni strazianti dei caduti, e l’acciottolio delle barricate distrutte. All’agitazione tragica e sospesa di quelle tenebre facevano allora riscontro, come in uno specchio calmo, i lucori silenziosi e sepolti di qualche palazzo, le vampe dei forni del pane, la fabbrica infuocata del vetro e le finestre dell’interminabile ospedale che duravano accese fino all’alba, quando coi nervi distesi udivi finalmente morire sotto la neve alta i gridi dello spazzacamino. Poiché l’afa d’agosto di spinge fuori, usciamo un poco dalle mura di questa città, fin troppo continentale. Incontro ci viene l’odore del fieno e il fiato briaco e pesante della canapa messa a macerare.

Il breve orizzonte si stende dinanzi a noi regolare monotono e triste. Verdi nacque qui né si volle più muovere da questi luoghi. Il suo respiro fu tutt’uno con l’aria carica e violenta di questa pianura lavorava a fondo dai più gremi contadini. Ostinatamente rivolto verso il passato, Verdi si lasciava folgorare le spalle dal sole: grande figura adusta che rimane lungamente ferma sul tramontare del secolo scorso.

Non si ha un’idea del suo ordine, dell’atavica semplicità di quest’uomo, della sua profonda fatica. Se gli avessero portato per le briglie Pegaso, il cavallo dalle ali, egli lo avrebbe attaccato ad un aratro, o a un carrettino rurale. Voleva la terra sotto i suoi piedi, tetragono e feroce come il toro nel buio della stalla, e il suo occhio vedeva nell’ombra la scintilla e le vampe.

Il sapere che quando l’arte progredisce troppo rapidamente è segno che precipita, che dall’avventurismo sperimentale non si avranno che regole sul capo non lo trattenne dal fare sul tardi quel che i critici chiamano con ammirazione «seguire i tempi». Ma i tempi un artista li precede o li ripudia; per concludere, egli che, dopo la prova, amava ancora su ogni altra opera sua il «Trovatore», lasciò detto torniamo all’antico. Alto e visibile da tutti i punti della terra, come un enorme stregone di campagna, Verdi, quasi alle porte di Parma sembrava incombere tra il fumo dei comignoli sulla città faziosa. La sua voce querula e tellurica scoppia, stacca e fa cedere uno dell’altro i colpi di scena del suo teatro e nel taglio improvviso di quei blocchi accatastati brulica un prestigio luminoso.

Allora tu vedi là entro come in un incubo brillante affondare e risorgere gli aspetti sordidi, il fasto rugginoso, le tinte, i riflessi e l’architettura di quest’antica capitale. Verdi fa come il macchinista della luce che conosce l’arte di rubare gli effetti ai vecchi teloni del melodramma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

calcio

Parma a caccia dei gol

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5