13°

23°

Arte-Cultura

Cosa si leggeva sotto i Farnese

Cosa si leggeva sotto i Farnese
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Quali erano gli interessi culturali dei parmigiani durante i secoli in cui la città è stata governata dai Farnese? A
questa domanda non è facile rispondere in quanto di solito un simile problema lo si affronta attraverso l’analisi di iniziative di largo richiamo pubblico quali l'istruzione universitaria, le grandi committenze nobiliari e ecclesiastiche in campo artistico, le accademie letterarie, gli spettacoli musicali. Federica Dallasta ha scelto una strada diversa, ben più faticosa per l’enorme mole di documenti originali e non conosciuti che ha consultato, che l’ha fatta approdare a risultati di eccezionale importanza: è andata alla ricerca dei libri che possedevano i privati nelle loro biblioteche. Ne è uscito un quadro inedito e sorprendente, che le ha permesso di trarre una serie di indicazioni che risulteranno utilissime a chiunque vorrà studiare il periodo farnesiano che va dall’istituzione del ducato (1545) alla morte di Antonio Farnese (1731) senza eredi e nel quale la studiosa ha individuato per gli interessi librari tre fasi storiche «la stagione dei cultori delle humanae litterae (fino al 1622, data di morte di Ranuccio I), della preponderanza ecclesiastica (fino al 1680) e infine dell’erudizione storica e scientifica (fino al 1731)».  Testamenti, contratti matrimoniali con elenchi di beni dotali, elenchi di beni che portavano coloro che entravano nei conventi o monasteri, inventari tutelari: sono stati circa duemila gli atti esaminati dal XVI al XVIII secolo (una campionatura vastissima) che hanno riguardato nobili, ecclesiastici, avvocati, letterati, medici ma anche fornai, barbieri e persone di basso ceto sociale. «Sessantun biblioteche annoverano più di cento titoli: in particolare coloro che possono disporre di più di mille titoli si distinguono per la loro attività intellettuale (il teologo Simone Cassola, il letterato conte Pomponio Torelli, il segretario ducale Ranuccio Pico, il conte Carlo Sanvitale, il medico Pompeo Sacco, il giurista Giuseppe Pezzali e il conte Giuseppe Taccoli)». Dove li tenevano i libri? Nelle «scanzie», negli armadi, casse, tavoli; quasi tutti i sacerdoti avevano il Breviario in camera da letto mentre le signore e le ragazze tenevano l’Ufficio di Maria sull'inginocchiatoio. A partire dalla metà del Seicento si nota un aumento della diffusione dei libri che passano sempre più dal latino al volgare mentre negli ultimi decenni del secolo emerge una élite che acquista libri in francese. La popolazione di Parma in quei secoli oscillava tra i 31 e 35mila abitanti. Che cosa si leggeva? I nobili, che conoscevano le lingue antiche, possedevano il maggiore numero di opere classiche. I professionisti (dottori in legge, medici, insegnanti, speziali, matematici, musicisti, amministratori) avevano in prevalenza volumi legati alla loro specializzazione insieme a libri devozionali e di intrattenimento. I ceti medio-bassi preferivano i libri devozionali, scolastici e di intrattenimento in volgare. Le persone di cultura amavano anche leggere per diletto romanzi e drammi pastorali che gli permettevano di evadere dalla vita reale e «fantasticare su una realtà immaginaria»; una ristrettissima cerchia di intellettuali si teneva aggiornata acquistando le novità bibliografiche all’estero, anche se inserite nell’indice dei libri proibiti.
 Di straordinario interesse è la tabella dei privati proprietari di biblioteche, pubblicata in appendice, che consentirà agli studiosi di delineare meglio il profilo di molti personaggi che hanno avuto ruoli importanti nel mondo farnesiano. La Dallasta si è diffusa pure nell’analisi particolareggiata dei singoli periodi soffermandosi sui testi specifici dei vari settori, sulla lettura di evasione e sui libri usati per l’educazione femminile. Le opere scientifiche rispecchiano il dibattito tra il «sapere tradizionale e le scienze nuove», fra una visione del cosmo radicata sulla scolastica e immutabile e l’accoglimento delle novità che la mettevano in discussione. Un’iniziale cauta apertura allo sperimentalismo portava nei settori della medicina, dell’astronomia e della scienza a conclusioni che non venivano più intese in antitesi ai dogmi della fede aprendo così la strada alla diffusione di una nuova mentalità scientifica. La società si apriva alla modernità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Venezia-Parma 0-1: crociati in vantaggio grazie a Di Cesare, inutile la reazione dei padroni di casa

serie B

Venezia-Parma 0-1: crociati in vantaggio grazie a Di Cesare, inutile la reazione dei padroni di casa

Contatto sospetto tra Frattali e Moreo nell'area del Parma: l'arbitro lascia proseguire e ammonisce Domizzi per proteste

2commenti

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

3commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

donne in difficoltà

A Corcagnano la prima casa di accoglienza gestita da una comunità migrante

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

droga

San Paolo, arrestato il pusher dei giardinetti

1commento

disperso

Fungaiolo non fa rientro a casa: ricerche da ieri sera tra Bardi e il Piacentino

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

controlli

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

Moto

Settima pole di Martin, Bastianini in scia

Calciomercato

Ferrero: "Senza il blocco cinese Schick all'Inter"

SOCIETA'

tg parma

La Pilotta svela i suoi spazi segreti Video

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery