-1°

14°

Arte-Cultura

Cosa si leggeva sotto i Farnese

Cosa si leggeva sotto i Farnese
0

Pier Paolo Mendogni

Quali erano gli interessi culturali dei parmigiani durante i secoli in cui la città è stata governata dai Farnese? A
questa domanda non è facile rispondere in quanto di solito un simile problema lo si affronta attraverso l’analisi di iniziative di largo richiamo pubblico quali l'istruzione universitaria, le grandi committenze nobiliari e ecclesiastiche in campo artistico, le accademie letterarie, gli spettacoli musicali. Federica Dallasta ha scelto una strada diversa, ben più faticosa per l’enorme mole di documenti originali e non conosciuti che ha consultato, che l’ha fatta approdare a risultati di eccezionale importanza: è andata alla ricerca dei libri che possedevano i privati nelle loro biblioteche. Ne è uscito un quadro inedito e sorprendente, che le ha permesso di trarre una serie di indicazioni che risulteranno utilissime a chiunque vorrà studiare il periodo farnesiano che va dall’istituzione del ducato (1545) alla morte di Antonio Farnese (1731) senza eredi e nel quale la studiosa ha individuato per gli interessi librari tre fasi storiche «la stagione dei cultori delle humanae litterae (fino al 1622, data di morte di Ranuccio I), della preponderanza ecclesiastica (fino al 1680) e infine dell’erudizione storica e scientifica (fino al 1731)».  Testamenti, contratti matrimoniali con elenchi di beni dotali, elenchi di beni che portavano coloro che entravano nei conventi o monasteri, inventari tutelari: sono stati circa duemila gli atti esaminati dal XVI al XVIII secolo (una campionatura vastissima) che hanno riguardato nobili, ecclesiastici, avvocati, letterati, medici ma anche fornai, barbieri e persone di basso ceto sociale. «Sessantun biblioteche annoverano più di cento titoli: in particolare coloro che possono disporre di più di mille titoli si distinguono per la loro attività intellettuale (il teologo Simone Cassola, il letterato conte Pomponio Torelli, il segretario ducale Ranuccio Pico, il conte Carlo Sanvitale, il medico Pompeo Sacco, il giurista Giuseppe Pezzali e il conte Giuseppe Taccoli)». Dove li tenevano i libri? Nelle «scanzie», negli armadi, casse, tavoli; quasi tutti i sacerdoti avevano il Breviario in camera da letto mentre le signore e le ragazze tenevano l’Ufficio di Maria sull'inginocchiatoio. A partire dalla metà del Seicento si nota un aumento della diffusione dei libri che passano sempre più dal latino al volgare mentre negli ultimi decenni del secolo emerge una élite che acquista libri in francese. La popolazione di Parma in quei secoli oscillava tra i 31 e 35mila abitanti. Che cosa si leggeva? I nobili, che conoscevano le lingue antiche, possedevano il maggiore numero di opere classiche. I professionisti (dottori in legge, medici, insegnanti, speziali, matematici, musicisti, amministratori) avevano in prevalenza volumi legati alla loro specializzazione insieme a libri devozionali e di intrattenimento. I ceti medio-bassi preferivano i libri devozionali, scolastici e di intrattenimento in volgare. Le persone di cultura amavano anche leggere per diletto romanzi e drammi pastorali che gli permettevano di evadere dalla vita reale e «fantasticare su una realtà immaginaria»; una ristrettissima cerchia di intellettuali si teneva aggiornata acquistando le novità bibliografiche all’estero, anche se inserite nell’indice dei libri proibiti.
 Di straordinario interesse è la tabella dei privati proprietari di biblioteche, pubblicata in appendice, che consentirà agli studiosi di delineare meglio il profilo di molti personaggi che hanno avuto ruoli importanti nel mondo farnesiano. La Dallasta si è diffusa pure nell’analisi particolareggiata dei singoli periodi soffermandosi sui testi specifici dei vari settori, sulla lettura di evasione e sui libri usati per l’educazione femminile. Le opere scientifiche rispecchiano il dibattito tra il «sapere tradizionale e le scienze nuove», fra una visione del cosmo radicata sulla scolastica e immutabile e l’accoglimento delle novità che la mettevano in discussione. Un’iniziale cauta apertura allo sperimentalismo portava nei settori della medicina, dell’astronomia e della scienza a conclusioni che non venivano più intese in antitesi ai dogmi della fede aprendo così la strada alla diffusione di una nuova mentalità scientifica. La società si apriva alla modernità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia