23°

Arte-Cultura

Cattelan, scandalosi "gesti" nella metropoli

Cattelan, scandalosi "gesti" nella metropoli
Ricevi gratis le news
0

di Alberto Mattia Martini
 

Essendo ormai palese a tutti, che viviamo in una società profondamente dominata dai simboli, dalle icone, dove l’apparire ha completamente messo a ko l’essenza, dove il frastuono chiassoso delle urla sembra il mezzo più proficuo per poter esprimere i propri pensieri, dove il gossip ha ormai preso pieno possesso delle prime pagine di quotidiani e magazine, non mi stupisce affatto che anche la mostra milanese di Maurizio Cattellan si concentri proprio sulla provocazione e sul potere dell’immagine. Catellan è certamente l’artista più noto, più irriverente, più dibattuto, ma probabilmente per tutti questi aspetti anche il più ricco di cui l’Italia dispone e grazie al quale può «essere coinvolta nel grande circo» del panorama artistico internazionale. Quella del creativo veneto è un’arte, che ha fatto scuola, che ha raccolto tantissimi epigoni e che ha sempre puntato tutto, o quasi sullo scandalo, ma anche nel mettere in discussione il proprio tempo. Maurizio Cattelan, nato a Padova, attualmente vive e lavora a New York, torna a Milano, con un’installazione inedita in Piazza Affari e con una mostra nella splendida cornice di Palazzo Reale. Ma facciamo un passo indietro, o meglio spostiamoci qualche centinaio di metri da Palazzo Reale, per addentrarci negli affascinanti spazi del Palazzo della Ragione, dove tra le suggestive e poetiche fotografie di Francesca Woodman, colpisce lo sguardo e l’anima, un autoritratto dell’artista in camicia da notte appesa all’architrave di una porta, una trasposizione moderna della crocefissione. Ebbene la croce risulta altrettanto suggestiva e fondamentale anche nel percorso espositivo di Cattelan: dentro una scatola di legno, solitamente utilizzata per i trasporti ad alto rischio di rottura, si trova una donna crocefissa di spalle. Una tragedia che si registra anche all’interno della Sala delle Cariatidi, dove ad attenderci su un’infinita moquette rosso sangue, ci attende coricato su un fianco il pontefice Giovanni Paolo II colpito da una meteorite; è la Nona ora, un’opera del 1999, nella quale nemmeno il papa viene risparmiato dai mali della contemporaneità, anche se a salvarlo sembra essere proprio la fede in Dio, rappresentata dal crocefisso, al quale il santo padre si aggrappa con un ultimo gesto disperato. Come in tutte le favole che si rispettino non può mancare il lieto fine, che qui è raffigurato da L.O.V.E, un’enorme mano di 11 metri in marmo di Carrara, posizionata in Piazza Affari. Alla mano sono state mozzate tutte le dita tranne il dito medio, che spunta dritto, quasi a volersi imporre su ciò che lo circonda, per poi rivolgersi al Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa milanese. Ancora una volta sembra che l’unico antidoto contro tutti i mali, contro tutto il degrado a cui facevamo riferimento sopra e che ci accompagna ormai da tempo immemorabile, possa essere solo un gesto forte, radicale e coraggioso, ma necessariamente accompagnato dal'eternità dell’amore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Cane veglia per ore "amico" morto in strada. La foto commuove il web

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

52 offerte di lavor

LA BACHECA

79 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

3commenti

COMUNE

Sicurezza: proposte del centrosinistra su vigili, controlli e inclusione sociale

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

13commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

6commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

17commenti

SOS ANIMALI

E' scomparsa Molletta in zona Cornocchio

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

IREN

Acquedotto: ancora una notte di disagi a Sorbolo e Mezzani

Interruzioni o cali di pressione possibili anche in via Beneceto a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

Terremoto

Messico: una bimba viva sotto le macerie della scuola Foto

BERGAMO

Violentata operatrice del centro per migranti: arrestato 27enne della Sierra Leone

3commenti

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

Moto

Valentino Rossi annuncia: "Ad Aragon ci sarò"

SOCIETA'

MUSICA

"Wise - Lettere di scuse": canzone parmigiana della band "The Opposite" Video

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D