Arte-Cultura

Cattelan, scandalosi "gesti" nella metropoli

Cattelan, scandalosi "gesti" nella metropoli
Ricevi gratis le news
0

di Alberto Mattia Martini
 

Essendo ormai palese a tutti, che viviamo in una società profondamente dominata dai simboli, dalle icone, dove l’apparire ha completamente messo a ko l’essenza, dove il frastuono chiassoso delle urla sembra il mezzo più proficuo per poter esprimere i propri pensieri, dove il gossip ha ormai preso pieno possesso delle prime pagine di quotidiani e magazine, non mi stupisce affatto che anche la mostra milanese di Maurizio Cattellan si concentri proprio sulla provocazione e sul potere dell’immagine. Catellan è certamente l’artista più noto, più irriverente, più dibattuto, ma probabilmente per tutti questi aspetti anche il più ricco di cui l’Italia dispone e grazie al quale può «essere coinvolta nel grande circo» del panorama artistico internazionale. Quella del creativo veneto è un’arte, che ha fatto scuola, che ha raccolto tantissimi epigoni e che ha sempre puntato tutto, o quasi sullo scandalo, ma anche nel mettere in discussione il proprio tempo. Maurizio Cattelan, nato a Padova, attualmente vive e lavora a New York, torna a Milano, con un’installazione inedita in Piazza Affari e con una mostra nella splendida cornice di Palazzo Reale. Ma facciamo un passo indietro, o meglio spostiamoci qualche centinaio di metri da Palazzo Reale, per addentrarci negli affascinanti spazi del Palazzo della Ragione, dove tra le suggestive e poetiche fotografie di Francesca Woodman, colpisce lo sguardo e l’anima, un autoritratto dell’artista in camicia da notte appesa all’architrave di una porta, una trasposizione moderna della crocefissione. Ebbene la croce risulta altrettanto suggestiva e fondamentale anche nel percorso espositivo di Cattelan: dentro una scatola di legno, solitamente utilizzata per i trasporti ad alto rischio di rottura, si trova una donna crocefissa di spalle. Una tragedia che si registra anche all’interno della Sala delle Cariatidi, dove ad attenderci su un’infinita moquette rosso sangue, ci attende coricato su un fianco il pontefice Giovanni Paolo II colpito da una meteorite; è la Nona ora, un’opera del 1999, nella quale nemmeno il papa viene risparmiato dai mali della contemporaneità, anche se a salvarlo sembra essere proprio la fede in Dio, rappresentata dal crocefisso, al quale il santo padre si aggrappa con un ultimo gesto disperato. Come in tutte le favole che si rispettino non può mancare il lieto fine, che qui è raffigurato da L.O.V.E, un’enorme mano di 11 metri in marmo di Carrara, posizionata in Piazza Affari. Alla mano sono state mozzate tutte le dita tranne il dito medio, che spunta dritto, quasi a volersi imporre su ciò che lo circonda, per poi rivolgersi al Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa milanese. Ancora una volta sembra che l’unico antidoto contro tutti i mali, contro tutto il degrado a cui facevamo riferimento sopra e che ci accompagna ormai da tempo immemorabile, possa essere solo un gesto forte, radicale e coraggioso, ma necessariamente accompagnato dal'eternità dell’amore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Un'onda che sembra arrivare dal film Point break

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

1commento

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

tennis

Seppi saluta Melbourne, Nadal e Cilic ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova