Arte-Cultura

E le foto diventano affreschi

E le foto diventano affreschi
0

Mariagrazia Villa

La pupilla del reverendo Carroll passava attraverso gli specchi. Il fotografo Alberto Carra passa oltre i muri. E vi trova più di un’immagine. Anche nel suo caso, la prima volta in cui è andato a vedere dentro l’intonaco, ha pensato: «Ma questa cosa non ha senso!». Eppure, proprio come Alice, ha tirato dritto. E sabato alle 10.30, nei Loggiati del Castello di Felino, inaugura la sua mostra «Affreschi fotografici. Scolpire la luce con le immagini», che resterà aperta domenica, durante il weekend del 29, 30 e 31 ottobre e lunedì primo novembre (informazioni: www.caralb.it). L’idea di sviluppare foto in bianco/nero direttamente sulle pareti è nata da un percorso di ricerca e sperimentazione à rebours, rifrequentando la tecnica dei pionieri della fotografia di metà Ottocento, compiuto quando Carra, benedicendo un’infermità subita nell’infanzia, ha potuto andare in pensione a nemmeno cinquant’anni. Una grande esperienza di fotografia, dalla tradizionale alla digitale, e di regia alle spalle, e molto tempo libero davanti. «All’inizio, per sviluppare l’immagine, ho steso l’emulsione liquida fotosensibile su un supporto come il legno – racconta - e la resa finale, dovuta anche alle venature del materiale, era suggestiva. Poi, su lastre di marmo statuario di Carrara: in quel caso, si creava un gioco di trasparenze per cui l’immagine sembrava stampata sull’alabastro. Poi, un bel giorno, ho utilizzato la tecnica su un muro della mia casa… Una pensata assurda: il bello della fotografia è la sua portabilità!». Già. Ma il professor Arturo Carlo Quintavalle (autore del saggio nel catalogo della mostra), massima autorità in materia di storia e critica della fotografia, ha un’altra opinione. Invitato a valutare l’esperimento, ne riconosce l’unicità: il tentativo di Carra di far acquisire alle immagini una lunga durata, staccandole dal contesto contemporaneo. «All’idea ci sono arrivato per la disperazione», confessa. «Sentivo di avere delle qualità e non trovavo il modo per esprimermi…». Così, sul muro, anziché sbatterci la testa, Carra ha preferito stamparci delle foto. Accollandosi la difficoltà di chiedere in giro delle pareti da sviluppare e la gestazione di quella magia fotografica tradizionale che proprio breve non è: «Devo oscurare completamente la stanza, poi stendere sul muro una mano di stucco, che gli permette di assorbire meglio l’immagine, poi una mano di lavabile e, quindi, un’emulsione fotosensibile di nitrato d’argento, acido citrico e gelatina animale. Attraverso un ingranditore proietto il negativo e, là dove prende la luce, l’argento si scurisce, formando l’immagine, sollecitato da prodotti chimici che favoriscono lo sviluppo. L’intero processo, considerati anche i tempi d’attesa tra una fase e l’altra, dura minimo cinque giorni».
Sviluppando le foto parietali, sia quelle del passato – in mostra una serie di immagini stampate direttamente da negativi su lastra di vetro, realizzate dal Principe Franco Carrega durante una battuta di caccia alla fine del XIX secolo - sia quelle scattate da lui stesso – ritratti femminili, ma anche scene dal sapore antico, dai templi di Selinunte ai Fori Imperiali -, Carra si è reso conto di utilizzare l’ingranditore come uno scalpello. Affreschi, dunque, ma dotati di fisicità, di spessore, come uscissero dal muro stesso. Da vedere e toccare da vicino, per sentirne la plasticità data dai riflessi di luce dell’argento. L’emulsione stesa col pennello, poi, nella sua mancanza d’uniformità è un valore: «Con la stesura a spruzzo, la resa è perfetta perché l’immagine non ha striature, ma la pennellatura dona un effetto più poetico, dà un’impronta irripetibile alla foto». Carra, non solo mette la fotografia con le spalle al muro, chiamandola alle proprie responsabilità di custode della memoria storica e di primizia dell’eterno - «il mio è un grido a favore della conservazione della tecnica bianco/nero che, attraverso il mio metodo, trova un nuovo sbocco per sopravvivere nel futuro» -, ma le dà anche un tocco ogni volta unico. Le pennellate restituiscono un gusto impressionista all’immagine: ci si libera dalla tensione di riprodurre in modo obiettivo e scientifico il mondo fenomenico, ci si addentra nell’alea creativa. L’immagine torna a essere un’icona, la traccia di un significato personale. Perfino Charles Baudelaire, inferocito detrattore del nuovo mezzo fotografico, quando nel 1839 Daguerre presentò al mondo la sua invenzione, avrebbe potuto mettersi in casa un affresco fotografico. Perché Carra oltrepassa il muro della riproduzione: evoca la poesia del circostante, nella sua longevità d’arte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bob Dylan: suo discorso sarà letto a cerimonia Nobel

10 dicembre

Nobel, sarà letto il discorso di Dylan. E canterà Patty Smith

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Incidente a Collecchio

Incidente a Collecchio

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Parma Calcio

D'Aversa alle prese con le prime scelte. Stasera il tecnico sarà a Bar Sport su TvParma

Si attende la firma di Vagnati

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

tg parma

Università e impresa: 52 premi agli studenti meritevoli Video

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

12commenti

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

MOTORI

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)