11°

26°

Arte-Cultura

Una fede in niente ma totale

Una fede in niente ma totale
0

Pubblichiamo il testo che Claudio Parmiggiani ha letto durante l'incontro in  Municipio, in occasione dell'inaugurazione della sua mostra a palazzo del Governatore e in San Ludovico. 

Sono grato al signor sindaco, all’assessore alla cultura, grato alla città di Parma per l’invito che ho ricevuto e che molto mi onora. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato a questa mostra. Grazie a Silvana Randazzo, ad Alessandra Bolis, a Lucio Rossi, a Enrico Mezzi, a Eleonora Benassi, a Fosca Ugoletti per la costante, generosa, affettuosa dedizione. E grazie a tutti voi per aver onorato questa occasione con la vostra presenza. Non è facile per me parlare delle opere che ho presentato. Sempre manca ad un autore quella distanza per poter descrivere se stesso. Non facile è dire con le parole ciò che è detto con un’immagine quando questa è affidata all’emozione, come ad una forma di parola superiore. D’altra parte non è quello che noi vediamo che dovrebbe essere illustrato, ma quello che non vediamo e che per sua natura non può esserlo. Quello che noi davvero vediamo è quello che sentiamo. Un artista mostra le cose non come si vorrebbe che fossero. Un’opera è come una porta invisibile, attraversando la quale usciamo dal mondo ed entriamo in un altro mondo, dove si cominciano ad intravedere la bellezza, la sofferenza e la verità. Le opere di questa mostra non sono che respiro, soffio, battiti, attimi, la lingua di una fiamma, la fiamma di una lingua, quando il loro desiderio è di essere eterne. Un ponte gettato nel tempo. Non sono altro che un desiderio, un’aspirazione. Porre dentro un’opera una parola come una speranza. Una parola, e al suo centro l’uomo. Per renderne più alto il significato, più viva la sua valenza civile. Non penso ad un’arte come triste ornamento, ludica, ottimista, salottiera, rassicurante, smemorata ma ad un’arte come un urto, un sussulto, come un fuoco sotto la cenere. Che emozioni e sia più vicina alla vita. Lo so che dire silenzio è un paradosso, che silenzio è una parola difficilmente pronunciabile ma è di questa parola obsoleta e quasi eretica, dell’esigenza del silenzio nel corpo di un’opera, del silenzio come di una materia per l’opera, che voglio dire. Silenzio è oggi una parola quasi sovversiva ed è sovversiva perché è un estremo spazio meditativo. In una delle sue opere più spirituali, un artista, Dosso Dossi, nel 1524 dipingeva un soggetto singolarissimo. Seduto sopra una nuvola, al centro della tela, Giove è intento a dipingere alcune farfalle, allegoria dell’anima. Accanto, alle sue spalle, Mercurio che, volgendosi ad una fanciulla in atto di avvicinarsi, porta il dito indice alle labbra, ad intimarle il silenzio. L’opera dell’artista non può essere portata a termine se non nella sacralità del silenzio. Oggi, a distanza di quasi cinquecento anni da quella poetica invenzione, quell’opera assume un significato profetico e quel dito emblematico ha ancor più ragione di essere portato alle labbra, e non solo nell’arte. Quando parlo del silenzio non intendo il silenzio della propria voce, un silenzio rinunciatario, ma del silenzio come un grido. Un gesto oggi necessario all’interno di un discorso sull’arte. Un rifiuto e una negazione a quel linguaggio, a quella cultura dell’effimero che fa del clamore, della spettacolarità, del gratuito e della superficialità il principale dei suoi obiettivi. Oggi come non mai occorre difendere tutto ciò che resta, tutto ciò che ha un solo, minimo legame con il mondo spirituale. Per un artista l’arte è l’unica forma di esistenza e di resistenza. Per la società, per quella cultura dell’effimero di cui parlavo e nella quale ci rifiutiamo di riconoscerci, la poesia e l’arte che amiamo, che difendiamo e attraverso le quali ci opponiamo sono parole spesso dimenticate. Sono problematiche, pongono domande, non danno risposte, offrono solo dubbi. Noi abbiamo bisogno di questa arte. C’è un’eredità spirituale che non deve essere dissipata. Un dovere e una conseguente responsabilità che gli artisti devono assumersi; non smarrire il senso profondo del proprio passato artistico, storico e morale, perché dentro questa dignità è scritto tutto e solo quello di cui abbiamo veramente bisogno: una verità. L’arte deve ritornare ad essere arte, a parlare al cuore dell’uomo. Nell’infanzia del tempo l’arte fu preghiera. Poco è rimasto di quella infinita bellezza. Ora non siamo più capaci nemmeno di pregare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

1commento

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

2commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

1commento

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio favorevole" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

2commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

MODA

Laura Biagiotti è gravissima

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium