13°

Arte-Cultura

Una fede in niente ma totale

Una fede in niente ma totale
Ricevi gratis le news
0

Pubblichiamo il testo che Claudio Parmiggiani ha letto durante l'incontro in  Municipio, in occasione dell'inaugurazione della sua mostra a palazzo del Governatore e in San Ludovico. 

Sono grato al signor sindaco, all’assessore alla cultura, grato alla città di Parma per l’invito che ho ricevuto e che molto mi onora. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato a questa mostra. Grazie a Silvana Randazzo, ad Alessandra Bolis, a Lucio Rossi, a Enrico Mezzi, a Eleonora Benassi, a Fosca Ugoletti per la costante, generosa, affettuosa dedizione. E grazie a tutti voi per aver onorato questa occasione con la vostra presenza. Non è facile per me parlare delle opere che ho presentato. Sempre manca ad un autore quella distanza per poter descrivere se stesso. Non facile è dire con le parole ciò che è detto con un’immagine quando questa è affidata all’emozione, come ad una forma di parola superiore. D’altra parte non è quello che noi vediamo che dovrebbe essere illustrato, ma quello che non vediamo e che per sua natura non può esserlo. Quello che noi davvero vediamo è quello che sentiamo. Un artista mostra le cose non come si vorrebbe che fossero. Un’opera è come una porta invisibile, attraversando la quale usciamo dal mondo ed entriamo in un altro mondo, dove si cominciano ad intravedere la bellezza, la sofferenza e la verità. Le opere di questa mostra non sono che respiro, soffio, battiti, attimi, la lingua di una fiamma, la fiamma di una lingua, quando il loro desiderio è di essere eterne. Un ponte gettato nel tempo. Non sono altro che un desiderio, un’aspirazione. Porre dentro un’opera una parola come una speranza. Una parola, e al suo centro l’uomo. Per renderne più alto il significato, più viva la sua valenza civile. Non penso ad un’arte come triste ornamento, ludica, ottimista, salottiera, rassicurante, smemorata ma ad un’arte come un urto, un sussulto, come un fuoco sotto la cenere. Che emozioni e sia più vicina alla vita. Lo so che dire silenzio è un paradosso, che silenzio è una parola difficilmente pronunciabile ma è di questa parola obsoleta e quasi eretica, dell’esigenza del silenzio nel corpo di un’opera, del silenzio come di una materia per l’opera, che voglio dire. Silenzio è oggi una parola quasi sovversiva ed è sovversiva perché è un estremo spazio meditativo. In una delle sue opere più spirituali, un artista, Dosso Dossi, nel 1524 dipingeva un soggetto singolarissimo. Seduto sopra una nuvola, al centro della tela, Giove è intento a dipingere alcune farfalle, allegoria dell’anima. Accanto, alle sue spalle, Mercurio che, volgendosi ad una fanciulla in atto di avvicinarsi, porta il dito indice alle labbra, ad intimarle il silenzio. L’opera dell’artista non può essere portata a termine se non nella sacralità del silenzio. Oggi, a distanza di quasi cinquecento anni da quella poetica invenzione, quell’opera assume un significato profetico e quel dito emblematico ha ancor più ragione di essere portato alle labbra, e non solo nell’arte. Quando parlo del silenzio non intendo il silenzio della propria voce, un silenzio rinunciatario, ma del silenzio come un grido. Un gesto oggi necessario all’interno di un discorso sull’arte. Un rifiuto e una negazione a quel linguaggio, a quella cultura dell’effimero che fa del clamore, della spettacolarità, del gratuito e della superficialità il principale dei suoi obiettivi. Oggi come non mai occorre difendere tutto ciò che resta, tutto ciò che ha un solo, minimo legame con il mondo spirituale. Per un artista l’arte è l’unica forma di esistenza e di resistenza. Per la società, per quella cultura dell’effimero di cui parlavo e nella quale ci rifiutiamo di riconoscerci, la poesia e l’arte che amiamo, che difendiamo e attraverso le quali ci opponiamo sono parole spesso dimenticate. Sono problematiche, pongono domande, non danno risposte, offrono solo dubbi. Noi abbiamo bisogno di questa arte. C’è un’eredità spirituale che non deve essere dissipata. Un dovere e una conseguente responsabilità che gli artisti devono assumersi; non smarrire il senso profondo del proprio passato artistico, storico e morale, perché dentro questa dignità è scritto tutto e solo quello di cui abbiamo veramente bisogno: una verità. L’arte deve ritornare ad essere arte, a parlare al cuore dell’uomo. Nell’infanzia del tempo l’arte fu preghiera. Poco è rimasto di quella infinita bellezza. Ora non siamo più capaci nemmeno di pregare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'Chi' annuncia: tra Belen e Iannone è finita

Gossip Sportivo

Lui la vuole sposare, lei no: Belen e Iannone si lasciano

Gisele cede scettro top model piu' pagata a Kendall

moda

Kendall Jenner la modella più pagata. Gisele perde il trono

Forbes, Beyoncè donna più pagata, 105 milioni di dollari

musica

Forbes, Beyoncè la donna più pagata, 105 milioni di dollari

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Vizi e virtù dello smart working. Molto di più del telelavoro

L'ESPERTO

Come funziona lo smart working. Molto di più del telelavoro

di Pietro Boschi

Lealtrenotizie

Francesca Archibugi

Intervista esclusiva

Francesca Archibugi in Gazzetta: "Vi racconto 'Gli sdraiati' " Video

La regista romana parla con Filiberto Molossi del suo film, uno dei più attesi della stagione

sciame sismico

Quattro piccole scosse di terremoto, oggi, tra Fornovo, Corniglio e Varano

Arresti

Travolsero in auto due carabinieri: in manette tre giovanissimi Video

Uno dei militari finì all'ospedale in condizioni gravissime

5commenti

anteprima gazzetta

Parco Cittadella al buio da giorni: paura e disagi Video

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Tg Parma

Tentata estorsione a Fidenza: quattro arresti a Benevento Video

Nel mirino un'azienda

sicurezza

Raffica di vetri rotti nella zona di via Verdi: topi d'auto/vandali in azione

2commenti

Tg Parma

Commercio, Ascom: "Più agenti in strada" Video

Appello della categoria per il rispetto della legalità

sabato alle 15

Verso Carpi-Parma, i tifosi scaramantici scherzano sul primato Video

Tg Parma

Disabilità, Mattia Salati nuovo delegato del comune Video

INTERVISTA

La figlia del pm Ciaccio Montalto, ucciso da Cosa nostra: «Riina non è l'unico colpevole, mio padre è stato lasciato solo»

3commenti

Salsomaggiore

A bordo di un’auto con arnesi da scasso: denunciato un pregiudicato

Operazione dei carabinieri

Lutto

L'imprenditore Savini stroncato da un malore

Rugby

In meta nel nome di Banchini

Sissa

Usciti per un rosario: i ladri rubano auto, gioielli e anche i tortelli

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Milano sconfitta dalla politica incapace

di Vittorio Testa

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

choc a catanzaro

Donna violentata e schiavizzata per 10 anni: arrestato 52enne. Video: la baracca degli orrori

TOKYO

Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

SPORT

rugby

Andrea De Marchi: 100 presenze con le Zebre

CHAMPIONS

Il Napoli travolge lo Shakhtar e spera ancora

SOCIETA'

moda

Livia Firth, moglie del premio Oscar Colin, a Fidenza

Gazzareporter

Parcheggio "creativo" davanti al Maria Luigia Foto

1commento

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery