Arte-Cultura

Una fede in niente ma totale

Una fede in niente ma totale
0

Pubblichiamo il testo che Claudio Parmiggiani ha letto durante l'incontro in  Municipio, in occasione dell'inaugurazione della sua mostra a palazzo del Governatore e in San Ludovico. 

Sono grato al signor sindaco, all’assessore alla cultura, grato alla città di Parma per l’invito che ho ricevuto e che molto mi onora. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato a questa mostra. Grazie a Silvana Randazzo, ad Alessandra Bolis, a Lucio Rossi, a Enrico Mezzi, a Eleonora Benassi, a Fosca Ugoletti per la costante, generosa, affettuosa dedizione. E grazie a tutti voi per aver onorato questa occasione con la vostra presenza. Non è facile per me parlare delle opere che ho presentato. Sempre manca ad un autore quella distanza per poter descrivere se stesso. Non facile è dire con le parole ciò che è detto con un’immagine quando questa è affidata all’emozione, come ad una forma di parola superiore. D’altra parte non è quello che noi vediamo che dovrebbe essere illustrato, ma quello che non vediamo e che per sua natura non può esserlo. Quello che noi davvero vediamo è quello che sentiamo. Un artista mostra le cose non come si vorrebbe che fossero. Un’opera è come una porta invisibile, attraversando la quale usciamo dal mondo ed entriamo in un altro mondo, dove si cominciano ad intravedere la bellezza, la sofferenza e la verità. Le opere di questa mostra non sono che respiro, soffio, battiti, attimi, la lingua di una fiamma, la fiamma di una lingua, quando il loro desiderio è di essere eterne. Un ponte gettato nel tempo. Non sono altro che un desiderio, un’aspirazione. Porre dentro un’opera una parola come una speranza. Una parola, e al suo centro l’uomo. Per renderne più alto il significato, più viva la sua valenza civile. Non penso ad un’arte come triste ornamento, ludica, ottimista, salottiera, rassicurante, smemorata ma ad un’arte come un urto, un sussulto, come un fuoco sotto la cenere. Che emozioni e sia più vicina alla vita. Lo so che dire silenzio è un paradosso, che silenzio è una parola difficilmente pronunciabile ma è di questa parola obsoleta e quasi eretica, dell’esigenza del silenzio nel corpo di un’opera, del silenzio come di una materia per l’opera, che voglio dire. Silenzio è oggi una parola quasi sovversiva ed è sovversiva perché è un estremo spazio meditativo. In una delle sue opere più spirituali, un artista, Dosso Dossi, nel 1524 dipingeva un soggetto singolarissimo. Seduto sopra una nuvola, al centro della tela, Giove è intento a dipingere alcune farfalle, allegoria dell’anima. Accanto, alle sue spalle, Mercurio che, volgendosi ad una fanciulla in atto di avvicinarsi, porta il dito indice alle labbra, ad intimarle il silenzio. L’opera dell’artista non può essere portata a termine se non nella sacralità del silenzio. Oggi, a distanza di quasi cinquecento anni da quella poetica invenzione, quell’opera assume un significato profetico e quel dito emblematico ha ancor più ragione di essere portato alle labbra, e non solo nell’arte. Quando parlo del silenzio non intendo il silenzio della propria voce, un silenzio rinunciatario, ma del silenzio come un grido. Un gesto oggi necessario all’interno di un discorso sull’arte. Un rifiuto e una negazione a quel linguaggio, a quella cultura dell’effimero che fa del clamore, della spettacolarità, del gratuito e della superficialità il principale dei suoi obiettivi. Oggi come non mai occorre difendere tutto ciò che resta, tutto ciò che ha un solo, minimo legame con il mondo spirituale. Per un artista l’arte è l’unica forma di esistenza e di resistenza. Per la società, per quella cultura dell’effimero di cui parlavo e nella quale ci rifiutiamo di riconoscerci, la poesia e l’arte che amiamo, che difendiamo e attraverso le quali ci opponiamo sono parole spesso dimenticate. Sono problematiche, pongono domande, non danno risposte, offrono solo dubbi. Noi abbiamo bisogno di questa arte. C’è un’eredità spirituale che non deve essere dissipata. Un dovere e una conseguente responsabilità che gli artisti devono assumersi; non smarrire il senso profondo del proprio passato artistico, storico e morale, perché dentro questa dignità è scritto tutto e solo quello di cui abbiamo veramente bisogno: una verità. L’arte deve ritornare ad essere arte, a parlare al cuore dell’uomo. Nell’infanzia del tempo l’arte fu preghiera. Poco è rimasto di quella infinita bellezza. Ora non siamo più capaci nemmeno di pregare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video