14°

31°

Arte-Cultura

Vivere anche dopo la morte

Vivere anche dopo la morte
Ricevi gratis le news
0

Isabella Spagnoli

La sofferenza era dentro il suo corpo, guscio solcato da crepe profonde scavate da un male spietato e lui imparava ad amare la vita, apprezzando il cielo stellato, la saggezza di alberi secolari, il sorriso della moglie, le lacrime di sua figlia, il calore degli amici, la solidarietà dei suoi cani. Le medicine mettevano a dura prova le sue viscere  e lui combatteva la stanchezza e l’angoscia con le parole, «partorendo» grazie alla sua penna, Gino, un amico immaginario colpito dal cancro. Gino, che compariva ogni mese sul «Magazine» del «Corriere della sera», era lui: Pietro Calabrese, una delle firme più note del giornalismo italiano. Il «maestro» che con le parole aveva sempre avuto grande dimestichezza rimase ammutolito quando, il 19 maggio del 2009, venne «squarciato» da una diagnosi che cambiò in un attimo la sua esistenza, fino ad allora tranquilla: un tumore ai polmoni, maligno, si era insidiato nel suo corpo: «Non avevo mai immaginato potesse davvero accadere così. E’ accaduto. Ha ragione Woody Allen in quella battuta sulfurea di un suo vecchio film: in questa nostra epoca le due parole più belle che si possono ascoltare non sono ''Ti amo'', ma ''E’ benigno''». Ironico, lucido anche nel raccontare i momenti più bui, a volte disperato, poi sereno e consapevole, Calabrese, che fu al timone di «Il Messaggero», «Capital», «La Gazzetta dello Sport» e «Panorama», racconta la sua battaglia con il cancro, nel libro intitolato «L'albero dei mille anni» (Rizzoli, pag. 326, euro 17,50), struggente diario di un uomo che si ritrova faccia a faccia con una «maledizione» capace di stravolgere l’esistenza. «...Il male ha fatto il suo ingresso gelido nel mio corpo agendo nelle retrovie come le spie e i vigliacchi. Il tumore ha iniziato il suo losco lavoro senza mandare alcun segnale». Un dolore straziante che bombarda il corpo e la mente, che gli toglie, a tratti, speranza, che rischia di metterlo all’angolo. Il cammino brutale della malattia è descritto in maniera potente dall’autore, che non lesina crude descrizioni sugli effetti delle cure, sugli stati d’animo provati in ospedale, sull'impotenza stampata in faccia ai famigliari. Lacrime, ma anche coraggio, nel procedere ogni giorno, nell’esorcizzare la paura, scrivendo, appunto, ogni settimana, su una rubrica fissa di quel Gino, al quale centinaia di lettori manderanno messaggi di sostegno. «Non ho voluto contare tutte le mail arrivate. Non è una gara. Ma le ho conservate. Senza gettarne via nessuna. Hanno continuato a intasare il computer giorno dopo giorno, e con centinaia di lettori si è ormai creato un rapporto di amicizia (...) Chiedono notizie, vogliono essere aggiornati sulle reali condizioni di salute del loro amico. Lodano l’amico di Gino, che sarei io, per il garbo e la misura che usa nel raccontare l’odissea di quel poveraccio, ma si vede (giustamente) che io sono una figurina di contorno, lieve e accettata solo perché rappresento il loro tramite con l’unica persona che veramente li interessa». E’ proprio il calore delle persone, e l’affetto di tanti amici illustri, e meno illustri (tanti di loro citati nei «Ringraziamenti» alla fine del volume) che continueranno a dargli il motivo di sollevare quel corpo debole dal divano, per prendere un aereo nonostante quella tosse feroce che non gli offre tregua. Un viaggio che segnerà una svolta radicale. L’Africa, un vecchio amico e un baobab, monumentale albero di mille anni, gli forniranno una verità nascosta, un senso supremo che permetteranno di aprire la sua mente verso riflessioni più alte. «Allora tutto quello che mi era capitato e che avevo tentato di raccontare in questo libro trovava finalmente un significato: sarebbe servito a qualcun altro per andare avanti e non lasciarsi tramortire (... ) La verità, mentre la notte all’improvviso sopra noi tre e sul baobab, era una soltanto: se il mio tumore era stato un segnale di terribilità e di paure, adesso mi avrebbe permesso, forse, di cambiare la testa e il cuore, di aiutare gli altri, e di vivere tutto quello che mi restava da vivere guardandomi intorno ad occhi aperti». «L'albero dei mille anni» è testimonianza di come l’energia di un uomo non muoia mai se il suo «sentire» è stato, fino agli ultimi istanti, ben speso ed è incoraggiamento a vivere ogni giorno con tutta la forza di cui siamo capaci. Quella forza che, nonostante la sua morte, vive ancora in Pietro Calabrese, oggi solo un po' più lontano.

L'albero dei mille anni
Rizzoli, pag. 326,€ 17,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Via Anselmi, fiamme in una palazzina: intossicata e ustionata una 60enne Video

parma

Via Anselmi, fiamme in una palazzina: intossicata e ustionata una 60enne Video

delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

2commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

7commenti

incidente

Cade dalla bici in via Repubblica: grave 74enne

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

3commenti

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

2commenti

parma calcio

Di Gaudio in maglia crociata

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

tg parma

Messa in sicurezza del Baganza, l'Unione Pedemontana pressa la Regione

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

1commento

Ateneo

Iscrizioni all'Università, alcuni corsi subito "bruciati". Con polemica

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

1commento

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

19commenti

ITALIA/MONDO

londra

Il fratello di Diana: "Quattro tentativi di rubare la salma"

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

SPORT

tormentone

Morandi: "Cassano, facciamo una canzone e giochi nella nazionale cantanti"

calcio

Serie A: si riparte il 19 agosto con il match delle 18

SOCIETA'

degrado

Pipì da Ponte Vecchio: esplode la protesta (social)

siccità

Il Po in Piemonte è sotto la media storica: portata -55%

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video