Arte-Cultura

Per lei il Tasso si sciolse... in versi

Per lei il Tasso si sciolse... in versi
0

Anna Cerugi Burgio
Ricorre quest’anno il 450° della nascita di Eleonora (o Anna Leonora) Sanvitale Thiene, parmigiana illustre del
XVI secolo, che deve la sua fama (peraltro circoscritta alle ricerche degli eruditi) più ai versi scritti in suo onore e per suo amore da Torquato Tasso, che alle sue stesse rime, che pure compose con grazia.
Nata, secondo lo Janelli e il Pezzana, nel 1560 da Giberto Sanvitale IV, conte di Sala, e dalla sua prima moglie Livia da Barbiano, figlia del conte di Belgioioso, fu educata alle lettere, seguendo una tradizione di famiglia, dato che nella casa paterna convenivano artisti e letterati, secondo il mecenatismo signorile rinascimentale. La piccola Eleonora era intelligente e precoce, tanto che a soli quattordici anni aveva già composto orazioni e versi latini, come ci testimonia una lettera dello studioso suo contemporaneo Girolamo Catena, indirizzatale nel 1574.
Apprendiamo da questa missiva, ampollosa e roboante, ma senz'altro contenente un fondo di verità, che la fanciulla eccelleva nella lingua latina ed "etrusca", cioè italiana (toscana), che sapeva tradurre le orazioni di Cicerone e aveva imparato la dottrina filosofica aristotelica, che sapeva a memoria la storia del Vecchio e Nuovo Testamento, e che aveva già composto, con stile elegante, orazioni, epistole, carmi vari. Si applicava inoltre a studiare l’opera di Euclide, a misurare il corso degli astri nonché a conoscere la sfera celeste, cioè all’astrologia e astronomia (che allora erano due scienze collegate fra loro): un bagaglio eccezionale per una giovane donna, formato da nozioni letterarie e da conoscenze scientifiche.
 Il Catena ci assicura che l’aspetto di Eleonora non era di minore fascino del suo intelletto: era esempio di verecondia virginale; la bellezza del corpo corrispondeva a quella dell’anima, la quale poteva definirsi non tanto femminea, quanto virile per la sua forza e dignità. Tutte le parti della sua figura e della sua personalità erano unite da un misto di grazia e piacevolezza collegate con una grande dignità, cosicché non si poteva trovare un aspetto più completo, essendo formato dalla bellezza di entrambe le componenti, fisica e spirituale.
Questo fiore di sapienza e virtù fu presto un partito appetibile per matrimoni altolocati: a sedici anni, nel 1576, sposò Giulio da Thiene, conte di Scandiano, che aveva conosciuto a Roma tre anni prima. Le nozze furono fastose, secondo il costume dell’epoca: la sposa fu condotta a Ferrara, in quanto il marito faceva parte della corte di Alfonso d’Este; tale città era uno dei centri più eleganti e colti del settentrione. Le fece da "chaperon" nel suo ingresso in società la matrigna Barbara Sanseverino (aveva sposato in seconde nozze Giberto Sanvitale), donna conosciuta in tutta Italia per la sua avvenenza e per la sua spregiudicatezza.
L’ingresso a corte delle due belle donne suscitò una ridda di pettegolezzi e commenti; tutti furono incantati dal fascino della matrigna, che sfoggiò una nuova ammirata pettinatura, e dalla freschezza della figliastra. Presso la corte ferrarese si trova anche Torquato Tasso: il poeta dell’amore eccelso e tormentato, della passione irrealizzabile, quale la vediamo esemplificata nel Tancredi della «Gerusalemme Liberata», probabilmente fin dal primo sguardo si innamorò della novella sposa; un colpo di fulmine, un amore impossibile come quelli che aveva descritto nel suo poema, un rapporto proibito ma non infrequente nei riti cortigiani di allora. Le dedicò in quell'occasione due sonetti: «Quel labbro, che le rose han colorito...» e «Bell'angioletta, or quale è bella imago...», nonché in seguito altre poesie.
La contessa di Scandiano (nostra concittadina di origine) fu infatti un punto di riferimento costante nella sua vicenda sentimentale e poetica; in effetti numerosi sono nel corpus di rime tassiane i componimenti a lei ispirati o indirizzati, ancorché gli studiosi molto abbiano discusso se si trattasse di reale legame amoroso o di pura finzione letteraria. Diversi sono i pareri: il Pezzana afferma che certi sonetti e canzoni gli sembrano "fattura di caldissimo amatore", dato che quella "meravigliosa donna" ben meritava tale omaggio, ma conclude che non ci sono prove concrete del rapporto tra i due.
Il Tasso era divenuto per i signori che lo ospitavano un personaggio scomodo; fu perciò rinchiuso nell’ospedale di Sant'Anna, come frenetico, rimanendovi per sette anni. Nella prigionia alternò momenti di prostrazione ad altri di lucidità nei quali compose lettere e poesie: non mancò di scrivere a Eleonora Sanvitale anche dal carcere, inviandole alcune rime, dettate, come egli afferma, sotto l’impulso dell’Amore e di Apollo, dio delle Muse, e invitandola a intercedere per lui presso coloro che aveva offeso.
Eleonora, che col marito risiedeva nel bellissimo palazzo Schifanoja, morì a soli ventidue anni dando alla luce una bambina e fu sepolta nella Cattedrale di Scandiano nel sepolcro della famiglia Thiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

7commenti

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Terremoto

Nuova scossa in Appennino: magnitudo 2.2

Epicentro vicino a Solignano e Terenzo

Anteprima Gazzetta

Massimo Barbuti è il nuovo allenatore del Fidenza Video

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Unità di crisi

Legionella: la causa del contagio forse individuata entro fine dicembre

A gennaio la relazione finale sull'epidemia. Nuovi controlli sui malati

1commento

ANALISI

Le incognite del Pd parmigiano: referendum e resa dei conti

10commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Matricole

Università, aumentano gli iscritti a Parma: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

5commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

36commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

9commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

ROBOTICA

Con il "guanto" hi-tech i quadriplegici mangiano da soli

SOCIETA'

lettere

Cane ucciso da un cacciatore: "Terribile e inaccettabile"

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Formula Uno

Zanardi: "Il ritiro di Rosberg mi ha stupito moltissimo"

Formula uno

Fernando Alonso non andrà alla Mercedes

ECONOMIA

istat

Un italiano su 4 a rischio povertà: ecco a cosa si rinuncia

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà