19°

Arte-Cultura

Per lei il Tasso si sciolse... in versi

Per lei il Tasso si sciolse... in versi
Ricevi gratis le news
0

Anna Cerugi Burgio
Ricorre quest’anno il 450° della nascita di Eleonora (o Anna Leonora) Sanvitale Thiene, parmigiana illustre del
XVI secolo, che deve la sua fama (peraltro circoscritta alle ricerche degli eruditi) più ai versi scritti in suo onore e per suo amore da Torquato Tasso, che alle sue stesse rime, che pure compose con grazia.
Nata, secondo lo Janelli e il Pezzana, nel 1560 da Giberto Sanvitale IV, conte di Sala, e dalla sua prima moglie Livia da Barbiano, figlia del conte di Belgioioso, fu educata alle lettere, seguendo una tradizione di famiglia, dato che nella casa paterna convenivano artisti e letterati, secondo il mecenatismo signorile rinascimentale. La piccola Eleonora era intelligente e precoce, tanto che a soli quattordici anni aveva già composto orazioni e versi latini, come ci testimonia una lettera dello studioso suo contemporaneo Girolamo Catena, indirizzatale nel 1574.
Apprendiamo da questa missiva, ampollosa e roboante, ma senz'altro contenente un fondo di verità, che la fanciulla eccelleva nella lingua latina ed "etrusca", cioè italiana (toscana), che sapeva tradurre le orazioni di Cicerone e aveva imparato la dottrina filosofica aristotelica, che sapeva a memoria la storia del Vecchio e Nuovo Testamento, e che aveva già composto, con stile elegante, orazioni, epistole, carmi vari. Si applicava inoltre a studiare l’opera di Euclide, a misurare il corso degli astri nonché a conoscere la sfera celeste, cioè all’astrologia e astronomia (che allora erano due scienze collegate fra loro): un bagaglio eccezionale per una giovane donna, formato da nozioni letterarie e da conoscenze scientifiche.
 Il Catena ci assicura che l’aspetto di Eleonora non era di minore fascino del suo intelletto: era esempio di verecondia virginale; la bellezza del corpo corrispondeva a quella dell’anima, la quale poteva definirsi non tanto femminea, quanto virile per la sua forza e dignità. Tutte le parti della sua figura e della sua personalità erano unite da un misto di grazia e piacevolezza collegate con una grande dignità, cosicché non si poteva trovare un aspetto più completo, essendo formato dalla bellezza di entrambe le componenti, fisica e spirituale.
Questo fiore di sapienza e virtù fu presto un partito appetibile per matrimoni altolocati: a sedici anni, nel 1576, sposò Giulio da Thiene, conte di Scandiano, che aveva conosciuto a Roma tre anni prima. Le nozze furono fastose, secondo il costume dell’epoca: la sposa fu condotta a Ferrara, in quanto il marito faceva parte della corte di Alfonso d’Este; tale città era uno dei centri più eleganti e colti del settentrione. Le fece da "chaperon" nel suo ingresso in società la matrigna Barbara Sanseverino (aveva sposato in seconde nozze Giberto Sanvitale), donna conosciuta in tutta Italia per la sua avvenenza e per la sua spregiudicatezza.
L’ingresso a corte delle due belle donne suscitò una ridda di pettegolezzi e commenti; tutti furono incantati dal fascino della matrigna, che sfoggiò una nuova ammirata pettinatura, e dalla freschezza della figliastra. Presso la corte ferrarese si trova anche Torquato Tasso: il poeta dell’amore eccelso e tormentato, della passione irrealizzabile, quale la vediamo esemplificata nel Tancredi della «Gerusalemme Liberata», probabilmente fin dal primo sguardo si innamorò della novella sposa; un colpo di fulmine, un amore impossibile come quelli che aveva descritto nel suo poema, un rapporto proibito ma non infrequente nei riti cortigiani di allora. Le dedicò in quell'occasione due sonetti: «Quel labbro, che le rose han colorito...» e «Bell'angioletta, or quale è bella imago...», nonché in seguito altre poesie.
La contessa di Scandiano (nostra concittadina di origine) fu infatti un punto di riferimento costante nella sua vicenda sentimentale e poetica; in effetti numerosi sono nel corpus di rime tassiane i componimenti a lei ispirati o indirizzati, ancorché gli studiosi molto abbiano discusso se si trattasse di reale legame amoroso o di pura finzione letteraria. Diversi sono i pareri: il Pezzana afferma che certi sonetti e canzoni gli sembrano "fattura di caldissimo amatore", dato che quella "meravigliosa donna" ben meritava tale omaggio, ma conclude che non ci sono prove concrete del rapporto tra i due.
Il Tasso era divenuto per i signori che lo ospitavano un personaggio scomodo; fu perciò rinchiuso nell’ospedale di Sant'Anna, come frenetico, rimanendovi per sette anni. Nella prigionia alternò momenti di prostrazione ad altri di lucidità nei quali compose lettere e poesie: non mancò di scrivere a Eleonora Sanvitale anche dal carcere, inviandole alcune rime, dettate, come egli afferma, sotto l’impulso dell’Amore e di Apollo, dio delle Muse, e invitandola a intercedere per lui presso coloro che aveva offeso.
Eleonora, che col marito risiedeva nel bellissimo palazzo Schifanoja, morì a soli ventidue anni dando alla luce una bambina e fu sepolta nella Cattedrale di Scandiano nel sepolcro della famiglia Thiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro