18°

Arte-Cultura

Riscoperta la ceramica parmense

Riscoperta la ceramica parmense
0

Federica Dall'Asta
La porcellana europea visse il proprio periodo aureo nel XVIII secolo. Specchio del gusto e della moda del tempo, era un manufatto prezioso riservato ad una ristretta élite. Dopo la sua scoperta a Meissen nel 1710, la bella maiolica italiana riuscì a contrastare l’incalzante rivale, rinnovandosi ed evolvendosi. Caratterizzata da una materia sempre più filtrata e leggera, ampliò la gamma cromatica dagli ossidi del "gran fuoco" alle molteplici varianti del "piccolo fuoco" nell’intento di emulare la porcellana e riuscendovi non di rado.
Anche a Parma i duchi Borbone diedero l’avvio a una manifattura specializzata, che fregiarono dell’appellativo di Real Fabbrica della Maiolica. Cristina Campanella ha dedicato sette anni di infaticabile ricerca alla ricostruzione di questa attività artistica ed è riuscita a individuare oltre settanta pezzi inediti fra maioliche e terrecotte di manifattura parmense.
Il frutto di questa ricerca si è ora concretizzato in uno splendido e corposo volume (320 pagine) dal titolo «La Real fabbrica della Maiolica e Vetri e la ceramica nel '700 a Parma».
 Il metodo seguito dalla studiosa milanese, tra le maggiori esperte nel settore, è dichiarato nella Premessa: "L'argomento è stato sviluppato in maniera sistematica per colmare tanto le lacune documentali, quanto l’esiguità del corpus ceramico finora noto".
 Infatti prima delle sue esplorazioni si aveva certezza soltanto di un esemplare con emblema borbonico conservato presso il Museo Civico di Torino, marcato "Fabricha Reale di Parma 1783". Numerose sono le fonti consultate allo scopo di comporre questo difficile puzzle: i fondi archivistici dell’Archivio di Stato di Parma sono ben ventidue; altre sei istituzioni della nostra città, fra biblioteche, archivi e musei, hanno fornito informazioni e materiali; ulteriori undici istituzioni e collezioni private sorgono al di fuori della nostra provincia, lungo la pianura padana da Torino a Rimini. Tutte le fonti, in gran parte inedite e risalenti agli anni dal 1703 al 1811, sono riportate nell’appendice finale del volume, o inframmezzate nel testo e talvolta accompagnate dalla loro riproduzione fotografica.
 La Real Fabbrica operò sotto la protezione ducale in regime di monopolio per circa cinquant'anni in un edificio situato nei pressi della Rocchetta, a fianco del "Ponte Verde", dove più tardi si installò la ditta dei vetrai Bormioli. Avviata nel 1753, dal 1759 agisce con diritto di privativa per gli Stati di Parma, Piacenza e Guastalla: ad ottenere l’appalto è il francese Pierre Cartier, al quale si sostituisce già l’anno successivo Nicola Piacentini, detentore dal 1752 della privativa per la fabbricazione di vetri e che condurrà attività congiunta fino all’ottobre del 1781. A tale data lo Stato decide di gestire in proprio la manifattura di maioliche e vetri, affidandone la direzione a Vincenzo Piacentini, secondogenito di Nicola.
 L’introduzione di un sistema di gestione finanziaria statale affidato alla cosiddetta Ferma Mista nel 1785 genera rivendicazioni economiche che causano l’allontanamento di Vincenzo a favore di una nuova conduzione diretta. Dal 1788 l’appalto viene concesso per un novennio a tali Nicola e figli Piazza, ma allo scadere del contratto Vincenzo Piacentini riprenderà la guida della fabbrica fino alla sua morte nel 1807. L’abolizione dei privilegi imposta in tale anno da Napoleone non impedirà ai suoi eredi di proseguirne l’opera, che si concluderà soltanto con la vendita degli stabili a favore dei privati voluta dall’amministrazione francese nel 1811. La famiglia Serventi ne acquisirà la proprietà, che gli eredi cederanno a quella dei Bormioli nel 1854. Verso la fine del secolo la produzione ceramica verrà abbandonata, privilegiando quella vetraria, che troverà una nuova sede alle porte della città, mentre l’antica fabbrica verrà abbattuta e sostituita da edifici residenziali nel 1903.
L'autrice ha voluto ripercorrere l’iter professionale degli artisti e lavoranti attivi presso la manifattura ducale e le altre fornaci cittadine, tra cui la Reale Vaseria e Boccaleria, fornendone un quadro aggiornato e corretto. E così, attraverso l’operosità di questa "stretta cerchia di personaggi", è arrivata all’individuazione di "caratteristiche artistiche di rilievo" nella realizzazione vascolare parmigiana, che "fino ad oggi rivestiva un ruolo marginale nel panorama ceramico italiano". La tenace studiosa ha inoltre scoperto la produzione a Parma di "una notevole produzione di terraglia all’inglese e, a sorpresa, la conferma di un genere prestigioso quale la porcellana", documentati dalla riproduzione integrale di un inedito incartamento che annota minuziosamente l’inventario della Real Fabbrica della Maiolica e Vetri al dicembre 1784. Tutti gli oggetti rintracciati sono descritti nelle loro diversificate tecniche (dalla maiolica decorata a "piccolo fuoco" e "gran fuoco" alla terracotta ingobbiata, dipinta e invetriata) e riprodotti con ottime fotografie nel catalogo che occupa le pagine 135-254, a sua volta preceduto da un’introduzione storica, una rassegna critica delle indagini passate condotte sull'argomento, da saggi che si addentrano su manifatture, protagonisti, artefici, ma anche sui repertori formali e decorativi esibiti dai manufatti.
 Il Settecento è un secolo di grande fervore intellettuale ed accademico, di ricerca pragmatica e di indagine scientifica ed è anche l’epoca in cui esplode un vero e proprio culto per la botanica, tale da superare la pura speculazione scientifica e permeare i costumi e la vita sociale, modificandoli. Esperti del calibro di Ugo Gobbi ed Elisabetta Alpi approfondiscono in un contributo di una decina di pagine il tema dell’illustrazione botanica. Il fiore è, infatti, uno dei motivi decorativi più utilizzati nel '700, che viene definito il Secolo dei Fiori, oltre che Secolo dei Lumi.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Al funerale di Cino Tortorella canterà ai il Piccolo Coro dell'Antoniano

Cino Tortorella

MILANO

Domani il funerale di Cino Tortorella: canterà il Piccolo Coro dell'Antoniano

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Il Parma torna alla vittoria: 4-1 a Gubbio. E' al secondo posto in classifica

LEGA PRO

Il Parma vince 4-1 a Gubbio e sale al secondo posto Foto

Gol di Calaiò e Nocciolini; autorete dei padroni di casa e infine gol di Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino

1commento

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

20commenti

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Gubbio-Parma

D'Aversa: "Abbiamo saputo sfruttare le occasioni" Video

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017