-3°

Arte-Cultura

Tolstoj, epopea dell'umanità in cerca di Dio

Tolstoj, epopea dell'umanità in cerca di Dio
0

Giuseppe Marchetti

E'l'alba del 7 novembre 1910. Il conte Lev Tolstoj è appena spirato. Il bollettino del XIX distretto medico registra: «Cognome: Tolstoj. Nome: Lev Nikolaevic. Età: 82 anni. Impiego: Conte. Passeggero: Forestiero. Stazione: Astapovo». Una nota buffa: quel Conte in risposta alla richiesta di impiego. Avrebbe amaramente anche sorriso l'interessato davanti ad una tale definizione. La notizia si sparge per il mondo, mai una morte, così attesa dolorosamente e ansiosamente, dilagò attraverso i mezzi d'informazione. Ce l'assicura uno dei libri più interessanti e documentati che siano usciti in questi ultimi tempi in Italia: «Tolstoj è morto» di Vladimir Pozner (Adelphi editore): un libro che racconta fatti, ne sottolinea le versioni e le contraddizioni, e attraverso articoli, cronache, lettere, dispacci di polizia e bollettini medici, profila l'immensa storia privata e pubblica di quest'uomo che morendo tiene sospeso il mondo; quel mondo che aveva cercato di conoscere, raccontare, smentire o esaltare, maledire o celebrare attraverso un corpus di romanzi, saggi e diari tra i più notevoli dell'umanità. Nella stazioncina di Astapovo dove forzatamente bloccato da da un malore Tolstoj muore, si compie il cammino di uno di quei rari testimoni che in sé assommano il nodo insolubile della creaturalità. Così lo sostiene lo storico della letteratura russa Vittorio Strada in un suo saggio dove scrive: «La vita di Tolstoj fu così geniale, la sua epoca fu così complessa, la sua opera è così immensa che si prova una certa peritanza a sottoporre questo straordinario insieme di grandezze agli strumenti freddi della misurazione e della segmentazione critica». La realtà è proprio questa: Tolstoj ancora oggi a cento anni dalla morte è una pietra d'inciampo, è una testa d'angolo. Anche l'ultima fuga resta un mistero. Perché fuggire? E dove fuggire? Domande che non ebbero allora e che non hanno oggi risposta. Il grande vecchio avvertiva davvero dentro sé stesso la pace e la guerra in continuo e straziante contrasto, eppure tali domande sono utili, necessarie e insostituibili, le sole per mezzo delle quali la vita diventa davvero tale e merita d'essere vissuta. Anche fuggendo e fuggendosi. Italo Mancini parlò addirittura di «una teologia tolstoiana» che avrebbe portato lo scrittore «a contrastare sino ad abbattere l'istituzione ecclesiastica» da una parte; e dall'altra, «a concepire la Chiesa come un tessuto di menzogna, di crudeltà, di inganni». In realtà, poi, l'avventura letteraria, i romanzi, i racconti, gli infiniti appunti di lettura e riflessione sul quotidiano e le lettere, ci testimoniano di quell'altro Tolstoj, di quel maestro che ci parla, attraverso i suoi personaggi, della storia, dei sentimenti e delle emozioni che formano il groviglio esistenziale. E se Dostoevskij aveva definito con immagini irridente Tolstoj «una carriola», l'autore di «Resurrezione» non aveva esitato a definire «Memoria della casa dei morti» uno dei migliori libri di tutta la letteratura moderna «Puskin compreso». Si dirà: lotte  tra giganti. In effetti ci troviamo davanti non solo due modi di pensare spesso diametralmente opposti, ma anche gli esiti concreti di un mondo russo che vede nell'Occidente, al quale ancora non appartiene, il centro motore della crisi che proprio pochi anni dopo la morte di Tolstoj scoppierà nell'orrore, nella devastazione e nella rivoluzione. Non è un caso che sia in «Guerra e pace», sia in «1805», la prima redazione del capolavoro, sia tanto spesso usata nei dialoghi la lingua francese, estrema e non trascurabile traccia di un europeismo convinto e aristocratico che i rivoluzionari degli anni Venti cercarono in tutti i modi di nascondere sino alla famosa definizione di Lenin: «Tolstoj è lo specchio della Rivoluzione russa». In buona sostanza il classico Tolstoj è come Eschilo o Euripide, un mito, mentre «Guerra e pace», «Anna Karenina» col suo dramma d'amore e il suo senso di colpa, e «Morte di Ivan Il'ic» raccontano, oltre le vicende subite o provocate dei singoli, la realtà dei personaggi immersi in sé stessi e in un faticoso processo di mutamento e rinnovamento, di avvicinamento al divino e di continuo timore del peccato per il quale la completa redenzione è molto difficile. In un passo del «Diario» del 1890, lo scrittore appunta: «Vivo è l'uomo che avanza verso il luogo rischiarato da un lume che si muove innanzi a lui, e che non giunge mai alla fine di questo spazio illuminato che, anzi, procede innanzi a lui. L'uomo non è un lago ma un fiume, e per di più un fiume che, a tratti, è prosciugato come nella steppa. Come un fiume ora è largo, ora stretto, ora profondo, ora piatto, ora è solo fango, ora è torbido, ora limpido, ed è tuttavia sempre lo stesso. Così anche l'uomo ora è vicino a Cristo, ora è un porco. E questo dev'essere saputo». Nella piccola stazione di Astapovo cent'anni fa quell'uomo che fuggiva, andando a rintanarsi chissà dove dopo aver abbandonato tutto - e addirittura scomunicato dalla Chiesa - rappresentava non il senso della fuga per sottrarsi al giudizio, bensì la volontà d'incontrare davvero il re del giudizio, il più grande e pietoso Padre.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

1commento

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

LEGA PRO

Il Parma di D'Aversa debutta a Bolzano con il Sudtirol Diretta dalle 14,30

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22 di ieri 

parma

Luminarie: spesi 125mila euro

1commento

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

9commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute 

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

14commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

MONTECCHIO EMILIA

Vende Audi A4 a 1.800 euro ma è una truffa: denunciato bergamasco

1commento

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento