11°

26°

Arte-Cultura

Due civiltà, una sola voce

Due civiltà, una sola voce
0

E’ il più europeo degli autori sudamericani: latinidad rinvigorita d’attuale, suggestioni e magie più vicine a una realtà pronta a farsi poesia. Del resto è in questo dilemma la forza di Mario Vargas Llosa. Scrittore sospeso tra due mondi (il suo Perù e la scelta di vivere a Madrid, a Parigi… ora a Londra) e mille parole (giornalista, scrittore, drammaturgo), alla cui opera è stato riconosciuto proprio quest’anno il Nobel per la Letteratura.  Un premio a una voce forte anche per l’essere fuori dal coro, per l’essere pronta a narrare «la rivolta e la sconfitta dell’individuo» (come recita la motivazione). Che sia di un uomo e di un giorno, come di un villaggio, di un popolo, o di una società.  Straordinaria e affascinante, allora, la riproposta fresca di stampa per i tipi di Einaudi, di questo suo «Il narratore ambulante» (224 pag., 11,50 euro). Romanzo intenso, originale e disarmante, che di Vargas Llosa raccoglie intatti i molti umori, i tanti sguardi. Il gioco, innanzitutto, si apre a rimbalzo subito tra i due continenti, con un protagonista in fuga artistica tra le bellezze di Firenze (quasi) immediatamente riportato ai ricordi abbandonati…:  «Ero andato a Firenze per dimenticare un poco il Perù e i peruviani ed ecco che lo sciagurato paese mi ha sbarrato il passo questa mattina nel modo più inatteso – si legge proprio nell’incipit – Furono tre o quattro fotografie da una vetrina a restituirmi, d’improvviso, il sapore della foresta peruviana».  Un sapore caldo e potente. Un’immagine netta e lacerante, che lo porta e ci porta ad attraversare questa storia, tortuosa e antica, primitiva e simbolica come il Rio delle Amazzoni.  Con l’intensità dello scrittore e la schiettezza del giornalista, l’autore sdoppia il racconto procedendo a ritroso proprio da quella foto, e ci regala due voci che si alterneranno un capitolo dopo l’altro nell’incedere del libro. La prima voce è la sua, ed è quella del ricordo: di un amico di università rapito dal fascino della foresta selvaggia – Saul Zuratas detto il Mascarita per la voglia viola scuro stampata su metà faccia – e delle tante vicende, tra Amazzonia ed Europa, sfiorate da quella amicizia. La seconda voce è quella del Tempo, degli Indios, dell’Amazzonia. E’ quella del parlatore: un narratore ambulante che ascolta, insegna, incanta e raccoglie le tribù della foresta, trasformandosi così nella loro identità, nella loro storia, nell’ultima più intima essenza.  Come un aedo (come Omero), come i seanchaì irlandesi – ricordati qui dallo stesso autore – il parlatore ci racconta la vita e il mondo: di un cammino necessario affinchè non cada il sole, di un’ira da sconfiggere «per non turbare le linee parallele dell’universo». Di una realtà (una realtà) intrisa di quella natura misteriosa e selvaggia della quale si nutre; della quale un popolo – nudo, primitivo, sospeso – ha imparato il segreto linguaggio, il necessario rispetto.  «E ricordatevene. Il giorno in cui smetterete di camminare , ve ne andrete per sempre. Portando giù con voi il sole (…) – racconta il parlatore - Si tennero l’indispensabile e cominciarono a camminare. Fu un castigo la marcia attraverso la foresta? Semmai una festa, come andare a pesca o a caccia nella stagione secca».  Un castigo o una «festa» è la vita che queste tribù hanno scelto, aggredita dalla nostra modernità, assai più che dalla crudeltà dei propri luoghi. Per questo anche l’altra voce – quella del protagonista, di Vargas Llosa, del giornalista e autore – intraprende un cammino dentro, un cammino accanto a quella storia. Ricorda le parole dell’amico Mascarita (da sempre strenuo difensore della loro naturalità) e ne insegue le tracce, si chiede se e come sia possibile (e giusto) il modo di vivere di quella gente. Se proteggerne o condannarne la quotidianità (ai nostri occhi così dura e primitiva) sia rispetto o abbandono.  A due passi dalla casa di Dante, tra gli incanti dei capolavori del Rinascimento, quell’immagine, quella foto è lì a chiedergli tutto questo. A stampargli nella mente e nel ricordo una tribù di uomini seminudi, seduti in ascolto di un parlatore. Colui che è la voce e l’anima di una cultura. Che come uno sciamano, uno scrittore o un poeta (un nostro scrittore, un nostro poeta) sa dare un linguaggio all’invisibile. Qualcuno che, in quella stampa rubata, un poco sfuocata e sbiadita, ha la voglia sul viso di un amico perduto. Un uomo che, a ritroso (?), chissà, ha ritrovato se stesso.

Il narratore ambulante
Einaudi, pag. 224, euro 11,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

2commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

3commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium