20°

33°

Arte-Cultura

Due civiltà, una sola voce

Due civiltà, una sola voce
Ricevi gratis le news
0

E’ il più europeo degli autori sudamericani: latinidad rinvigorita d’attuale, suggestioni e magie più vicine a una realtà pronta a farsi poesia. Del resto è in questo dilemma la forza di Mario Vargas Llosa. Scrittore sospeso tra due mondi (il suo Perù e la scelta di vivere a Madrid, a Parigi… ora a Londra) e mille parole (giornalista, scrittore, drammaturgo), alla cui opera è stato riconosciuto proprio quest’anno il Nobel per la Letteratura.  Un premio a una voce forte anche per l’essere fuori dal coro, per l’essere pronta a narrare «la rivolta e la sconfitta dell’individuo» (come recita la motivazione). Che sia di un uomo e di un giorno, come di un villaggio, di un popolo, o di una società.  Straordinaria e affascinante, allora, la riproposta fresca di stampa per i tipi di Einaudi, di questo suo «Il narratore ambulante» (224 pag., 11,50 euro). Romanzo intenso, originale e disarmante, che di Vargas Llosa raccoglie intatti i molti umori, i tanti sguardi. Il gioco, innanzitutto, si apre a rimbalzo subito tra i due continenti, con un protagonista in fuga artistica tra le bellezze di Firenze (quasi) immediatamente riportato ai ricordi abbandonati…:  «Ero andato a Firenze per dimenticare un poco il Perù e i peruviani ed ecco che lo sciagurato paese mi ha sbarrato il passo questa mattina nel modo più inatteso – si legge proprio nell’incipit – Furono tre o quattro fotografie da una vetrina a restituirmi, d’improvviso, il sapore della foresta peruviana».  Un sapore caldo e potente. Un’immagine netta e lacerante, che lo porta e ci porta ad attraversare questa storia, tortuosa e antica, primitiva e simbolica come il Rio delle Amazzoni.  Con l’intensità dello scrittore e la schiettezza del giornalista, l’autore sdoppia il racconto procedendo a ritroso proprio da quella foto, e ci regala due voci che si alterneranno un capitolo dopo l’altro nell’incedere del libro. La prima voce è la sua, ed è quella del ricordo: di un amico di università rapito dal fascino della foresta selvaggia – Saul Zuratas detto il Mascarita per la voglia viola scuro stampata su metà faccia – e delle tante vicende, tra Amazzonia ed Europa, sfiorate da quella amicizia. La seconda voce è quella del Tempo, degli Indios, dell’Amazzonia. E’ quella del parlatore: un narratore ambulante che ascolta, insegna, incanta e raccoglie le tribù della foresta, trasformandosi così nella loro identità, nella loro storia, nell’ultima più intima essenza.  Come un aedo (come Omero), come i seanchaì irlandesi – ricordati qui dallo stesso autore – il parlatore ci racconta la vita e il mondo: di un cammino necessario affinchè non cada il sole, di un’ira da sconfiggere «per non turbare le linee parallele dell’universo». Di una realtà (una realtà) intrisa di quella natura misteriosa e selvaggia della quale si nutre; della quale un popolo – nudo, primitivo, sospeso – ha imparato il segreto linguaggio, il necessario rispetto.  «E ricordatevene. Il giorno in cui smetterete di camminare , ve ne andrete per sempre. Portando giù con voi il sole (…) – racconta il parlatore - Si tennero l’indispensabile e cominciarono a camminare. Fu un castigo la marcia attraverso la foresta? Semmai una festa, come andare a pesca o a caccia nella stagione secca».  Un castigo o una «festa» è la vita che queste tribù hanno scelto, aggredita dalla nostra modernità, assai più che dalla crudeltà dei propri luoghi. Per questo anche l’altra voce – quella del protagonista, di Vargas Llosa, del giornalista e autore – intraprende un cammino dentro, un cammino accanto a quella storia. Ricorda le parole dell’amico Mascarita (da sempre strenuo difensore della loro naturalità) e ne insegue le tracce, si chiede se e come sia possibile (e giusto) il modo di vivere di quella gente. Se proteggerne o condannarne la quotidianità (ai nostri occhi così dura e primitiva) sia rispetto o abbandono.  A due passi dalla casa di Dante, tra gli incanti dei capolavori del Rinascimento, quell’immagine, quella foto è lì a chiedergli tutto questo. A stampargli nella mente e nel ricordo una tribù di uomini seminudi, seduti in ascolto di un parlatore. Colui che è la voce e l’anima di una cultura. Che come uno sciamano, uno scrittore o un poeta (un nostro scrittore, un nostro poeta) sa dare un linguaggio all’invisibile. Qualcuno che, in quella stampa rubata, un poco sfuocata e sbiadita, ha la voglia sul viso di un amico perduto. Un uomo che, a ritroso (?), chissà, ha ritrovato se stesso.

Il narratore ambulante
Einaudi, pag. 224, euro 11,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

1commento

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'azeglio: arrestato

2commenti

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15: rallentamenti

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

1commento

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

via milano

Lite al parco: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

3commenti

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

7commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

il caso

E il Comune di Sesto riceve la fattura per la salma di Amri: 2.160 euro

2commenti

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.6 fra Veneto e Lombardia

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel