17°

30°

Arte-Cultura

L'infinito, le illusioni, il nulla

L'infinito, le illusioni, il nulla
0

Giuseppe Martini

Era più o meno in questo periodo. Sì, era più o meno fra ottobre e novembre, all’ultimo anno del liceo, quando si affrontavano uno dopo l’altro Foscolo e Leopardi, e i loro problemi con «le illusioni». C'era Foscolo, ci dicevano, che nelle illusioni si rifugiava, e Leopardi che ne faceva strage. Però non era una strage completa, perché in fondo quelle illusioni finivano per mancargli, la vita diventava enormemente vuota senza, e quindi vi si aggrappava, in qualche modo. Tanto che quando si arrivava alla Ginestra, la cruciale ginestra, quasi entrava uno spicchio di sole in quella tragedia. Pareva che in fondo qualcosa di buono in tutte le sue tribolazioni lo avesse trovato, Leopardi, anche se poi mannaggia arrivava il colera a strozzarglielo in gola. Poi all’Università si è fatto i conti con Luporini, con Binni, con Contini, con Timpanaro. Siamo passati attraverso il Leopardi progressista, materialista, razionalista, nichilista, ascetico, combinatorio, ma soprattutto il Leopardi terribilmente complesso, il Leopardi dello Zibaldone che è un’enciclopedia di stimoli intellettuali e, perché no, di attualità preconizzate, il Leopardi modernissimo ma contro il feticismo della modernità, il Leopardi finalmente pensatore anche se non filosofo. Come diceva Sergio Solmi, Leopardi «è, e non è, un filosofo»: così come a scuola ci dicevano che Leopardi distruggeva ma non distruggeva le illusioni. E intanto passava il bicentenario del 1998, la gara per appendere ex voti all’altare di Recanati, gragnuole di saggi, di parole, di concetti. Alla periferia di questo diluvio c'erano gli studi di Mario Andrea Rigoni, che dagli anni Settanta avevano progressivamente scoperto quanto male incollate a Leopardi fossero le etichette di progressismo e razionalismo. Con il risultato di essere emarginato dai custodi della fiaccola progressista leopardiana (anche dopo che la fiaccola venne spenta dagli stessi che l’avevano accesa), se non quando una vistosa polemica sul «Corriere della Sera» rivelò quanto il terreno della critica leopardiana fosse ingombro di macerie. Ora che quegli scritti di Rigoni hanno assunto una posizione meritatamente centrale nella discussione sul pensiero leopardiano non meraviglia che il campo sia stato ripulito, i caduti onorati e il dibattito riordinato e maturato non già banalmente grazie al presunto crollo delle ideologie, ma agli stessi strumenti di verifica testuale e comparata sui quali si era esercitato il lavoro pluridecennale di Rigoni. Può aver giovato a Rigoni, docente di Letteratura Italiana all’Università di Padova, la feconda convinzione della felicità impossibile, del nulla ammantato di bellezza, della possibilità di decifrare l’indecifrabile avvertendone la potenza tremenda, modi che qualche anno fa definimmo platonici, e che lo ricongiungono a Leopardi con la benedizione dell’amico Cioran. Questa consonanza con un modo della filosofia  leopardiana  trova adesso nel bellissimo  «Il pensiero di Leopardi» edito da Aragno quasi una fisionomia di compattezza tentacolare: definire uno spazio, addentrarsi nei meandri del mondo leopardiano e apparentarne le differenze. Nel libro, che conta la ripubblicazione dei saggi leopardiani di Rigoni usciti nel 1982, 1985 e 1997 rispettivamente presso Cleup, Liguori e Bompiani, si aggiungono infatti - prefati da Cioran e postfati da Raoul Bruni - altri studî apparsi su riviste o convegni fra 1991 e 2007, che confermano i contraddittorî e sfumati rapporti di Leopardi con i termini storici dei Lumi, del Romanticismo e della classicità, e quindi tanto l’impossibilità stessa di chiudere la sua figura in formule quanto l’inutilità della discussione su un Leopardi filosofo o non filosofo - in un Paese peraltro che con i proprî filosofi ha dimostrato di avere problemi di relazione quasi sempre emarginandoli, quando non incarcerandoli o bruciandoli. I nuovi interventi rigoniani  dimostrano con le parole di Leopardi la sua modernità indefinibile e la necessità di rinnovarne il vocabolario critico. Quando parla per esempio di Romanticismo leopardiano si riferisce a una sua sorprendente corrispondenza con il romanticismo tedesco, quello di Schelling letto attraverso la De Staël, che lo fece approdare all’immagine della natura non come estensione di parti meccaniche ma come organismo vivo, «bella e terribile» insieme, quindi comprensibile «sentendola», e non analizzandola. Ma in quegli anni in Italia Leopardi era l’unico a pensarla così, ed è evidente che rifiutare l’analisi non significava rifiutare la ragione, ma un modo di usare la ragione. Da qui i parallelismi individuati da Rigoni con Pierre Bayle, da qui il rifiuto leopardiano del «vero» romantico, da qui l’ideale dell’antichità irriproducibile ma intuibile a barlumi come gli permetteva l’arte di Canova, l’ideale di letteratura come unica fonte per la rinascita del senso di patria italiano, persino l’immagine positiva di Achille come unico eroe omerico amabile in quanto non freddo né razionale ma puro eroe della natura. La realtà è che non si sentirà mai il pensiero di Leopardi finché non sarà liberato dalla prigione degli «-ismi». Nella scrittura elegante e limpida di Rigoni quelle catene cominciano per lo meno a sciogliersi offrendo nuovi significati a parole consunte, anche se semplificare le contraddizioni e le complessità del pensiero di Leopardi resterà comunque (e non potrebbe essere altrimenti) una  illusione.
Il pensiero di Leopardi - Aragno,  300 pag.,  15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

LA VISITA

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

COMO

False abilitazioni per autotrasportatori: un impiegato Parmalat fra i 12 arrestati

Coinvolti anche 73 autisti legati alla multinazionale. La Parmalat: "Sono collaboratori esterni, siamo parte lesa"

IL FATTO DEL GIORNO

I terroristi sono criminali paranoici ma noi siamo troppo deboli e divisi Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

2commenti

Tg Parma

Cerca di rubare una bici: fermato in via Cavour da un agente fuori servizio Video

Inchiesta sanità

Interrogato De Luca, manager del colosso Angelini: "Ogni risposta è stata documentata" Video

Il manager è difeso da Giulia Bongiorno

CALCIO

Parma-Piacenza, contrattura per Lucarelli. Venduti più di 6mila biglietti

Problemi tecnici: posticipata la chiusura della prevendita per il settore Ospiti

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

38commenti

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

Medesano

Incidente e incendio in zona Carnevala: code per un'ora verso Ramiola

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

6commenti

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia». La replica: "Bufala colossale"

1commento

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Napoli

Accoltella un compagno in classe per "provare la lama"

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

3commenti

SPORT

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare