-4°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - La cappelliera di velluto rosa

0

di Marta Silvi Bergamaschi

Arrivò nella piccola città di provincia alle dieci. Il figlio, come sempre, disse: - Eccoci, mamma.- E le aprì la portiera dell’auto. L’albergo a «quattro stelle» era stato ridipinto; immerso nell’intensa luce azzurra dell’ultima giornata di un mite ottobre, l’accolse con la consueta austera allegria. Subito incontrò Luisa, la cameriera preferita: -Ecco la nostra signora Lisetta: benvenuta!- -Grazie, carissima. Sono tornata, come sempre, a salutare i miei morti…ma essi non mi rispondono.- Masticava la solita «accorata» frase da circa otto anni. Era una gentile signora borghese: piccola, grassoccia, capelli nerissimi, occhi mobili, palpitanti e curiosi: bruni come castagne, pareva volessero inghiottire le cose. Portava con sé la solita cappelliera di velluto rosa. Sempre identica a se stessa, la signora Lisetta, pensò Luisa, la cameriera, non l’ho mai vista con un cappello. La cappelliera sì: sono anni che oltrepassa la soglia dell’albergo. –E’ pronta, vero, la mia deliziosa suite, chiese la signora, quest’anno mi fermerò qualche giorno in più: novembre, in questa deliziosa città non è triste. A Torino, sì. Proprio non capisco perché il mio povero marito non sia voluto tornare nella «piccola capitale». Affari, mia cara, i soliti affari…che poi si lasciano sulla terra.- Abbracciò frettolosamente il figlio e cominciò a muoversi nell’albergo con disinvoltura. Salutò il direttore, sua moglie, il maître, i camerieri, i cuochi. Non dimenticò neppure il cane labrador sonnecchiante in un angolo del parco che circondava l’albergo. Luisa era abituata ai soliti convenevoli. Sorrideva. Era lei che l’avrebbe condotta nella suite, era lei che l’avrebbe seguita. La signora, stringendo la cappelliera, continuava a parlare, a parlare: le parole diventavano tenere, infantili e sinuose. La signora Lisetta, pensò Luisa, non crescerà mai. Quando furono in camera, dopo avere appoggiato sul basso, lungo armadio la bella cappelliera, la signora Lisetta disse:- Al cimitero è già tutto a posto: cappella, lapidi, fiori: basta un’autorevole telefonata…e qualche euro…Andrò subito domani (primo novembre, vero?) a salutarli. Poi godrò la mia elegante città natale: gli spettacoli, la piazza, l’ultimo pallido sole seduta nel solito bar. La quiete. La cultura. Che bello!- Improvvisamente scese dai suoi inventati paradisi e chiese, pensosa, a Luisa: - E il posto? Sei laureata e fai la cameriera. Possibile?- -Possibile, rispose Luisa, colpa del precariato, della diminuzione di posti. Della crisi. E’ così, signora.- - Ma la crisi non è ormai superata? Non è, più che altro, un fatto psicologico?- - Io che sono laureata in psicologia, non me ne sono accorta. E’ una crisi vera, preoccupante. E c’è chi la paga duramente.- -Sarà, rispose sorridendo la signora, suvvia, siamo ottimisti.- Il mattino dopo Luisa entrò a riordinare la suite. Guardò la cappelliera. Perché, si chiese, la signora non mette mai il cappello? E’ un mistero che m’incuriosisce. Alzò un braccio. Spostò la cappelliera. Era chiusa. Una piccola serratura occultava un segreto? Luisa non aveva certo tempo di pensarci. Comunque rimaneva in lei una ridicola curiosità. I giorni trascorrevano lieti per la signora Lisetta. Un mattino s’affacciò alla finestra e vide un sole di latte appeso al cielo come un ciondolo prezioso: emanava una luce bianca che s’adagiava sulla città dando alle case, alle persone, agli alberi, ai fiori rimasti, una pennellata vasta e mobile di liquidità trasparente e vaga. Un qualcosa di magico invitava a uscire. La signora Lisetta frettolosamente uscì. Entrò nella suite Luisa e vide subito la cappelliera scomposta. La osservò attentamente. Era aperta. Conteneva un bellissimo vaso da notte, un pezzo d’antiquariato. Le ricordò un celebre film di Visconti: un film e una sequenza di splendidi vasi da notte. Accanto al vaso un pannetto di microfibra, umido. Ma allora…Una risata scosse Luisa, una risata terribilmente lunga e rumorosa. La signora viveva o riviveva la lontana fase anale. Le era rimasto appiccicato qualcosa dei suoi tre, quattro anni? Doveva assolutamente osservare e ammirare la sua cacca, la signora Lisetta, era una parte di se stessa, una parte del proprio corpo. Forse da questo derivava l’eterno benessere che manifestava, lo squilibrato ottimismo? O dalla vita agiata, eterna inconsapevole commedia, costellata di pensieri variopinti come farfalle? Il mondo, pensò la precaria Luisa, è davvero un palcoscenico e noi i burattini manovrati da astute mani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

musica

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Terremoto, slavina travolge hotel, nuove richieste ai soccorsi da Parma

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

11commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta incerta 

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

1commento

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

FRANCIA

Bimba di 14 mesi sbranata dal rottweiler della sua famiglia

SOCIETA'

PGN

Tutti i concerti del 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta