10°

Arte-Cultura

Impressionisti e struggenti

Impressionisti e struggenti
0

di Pier Paolo Mendogni

Gli impressionisti sono oggi i pittori più famosi e di maggior richiamo nel mondo ma sono occorsi molti anni per fare accettare la loro arte innovativa che scardinava una tradizione secolare basata sulla bellezza del disegno, lo sfolgorio delle figure, l’armoniosa perfezione dell’insieme che rifletteva il gusto di una società borghese consolidata e rassicurante. L’avere messo in discussione tutto questo ha provocato un duro scontro con il mondo accademico nel quale vi erano artisti di notevole valore che producevano opere assai piacevoli sul piano formale.  Questo aspro confronto o incontro dialettico fra tradizionalisti e innovatori ha avuto come teatro a Parigi nelle seconda metà dell’Ottocento le esposizioni «ufficiali» che annualmente si tenevano al «Salon» dove per diverso tempo i cosiddetti pittori «en plein air» venivano rifiutati. Ma la società in quegli anni stava subendo delle forti trasformazioni per l’affermarsi dell’industrializzazione e così anche le nuove idee sul ruolo della pittura si facevano strada e si giungeva alla prima mostra impressionista tenuta nello studio del fotografo  Nadar nel 1874. Nel frattempo il Salon apriva piano piano le porte agli innovatori mettendo a confronto i tradizionalisti legati alla ricerca del bello ideale, assoluto e rassicurante, e quei giovani pittori che volevano cogliere la realtà in un suo momento particolare e transeunte di movimento e di luce. Oggi questo stimolante confronto  viene raccontato e riproposto in una mostra, composta da un centinaio di opere, ricca di interesse e di immortali protagonisti, organizzata da Marco Goldin a Rimini nelle storiche sale di Castel Sismondo (fino al 27 marzo) dal titolo denso di affascinanti suggestioni «Parigi. Gli anni meravigliosi. Impressionismo contro Salon» (catalogo Linea d’ombra). L'impatto è forte con gli scultorei nudi femminili e maschili che campeggiano in tele di grandi dimensioni. Il «Torso maschile» (1800) di Ingres è un capolavoro di bellezza classica in cui la forza virile, sapientemente evidenziata attraverso il gioco delle luci e delle ombre, è anche indice di solidità interiore, di forza morale. La purezza di una intatta fisicità fa della «Bagnante» di Bouguereau uno spettacolo di levigata plasticità acuito dal contrasto con lo smagliante mantello rosso e dal rigoglioso verdeggiare della fitta vegetazione lacustre. Al perfezionismo congelato di Bouguereau Edouard Manet contrappone nelle sue «Bagnanti sulla Senna» (1864) la carnale vitalità di corpi intrisi di una luce che ne esalta la sensualità calda come quella della natura circostante. Una sensualità che ritroviamo ne «La toilette» (1869) di Bazille con la giovane nuda che accarezza una morbida coperta di folto pelo. Nella ritrattistica la tradizione è magistralmente interpretata dall’Autoritratto (1864) di Ingres con le onorificenze in bellavista e da Bonnat il pittore più richiesto dalla borghesia (Mademoiselle Franchetti); Courbet rompe già gli schemi con il realismo denso della «Filatrice addormentata» ma lo stacco avviene con Fantin Latour (Autoritratto), Degas (Il padre), Cézanne (Victor Choquet), Renoir (Madame Henriot) che concentrano l’attenzione sulla psicologia del personaggio e il suo stretto rapporto cromatico con l’ambiente circostante. La diversità del concetto di ambiente è palese nel confronto tra Millet e Lahermitte con Renoir e Berthe Morisot: i primi due cercano una fusione tonale tra i contadini e la terra su cui lavorano ma la separazione dei due mondi (uomo e campagna) è netta; nei giardini di Renoir e della Morisot, invece, persone, fiori, piante, erbe sono strettamente avvolti nella stessa atmosfera, fanno parte di un unico mondo unito nel calore della luce, nei profumi, nell’intensità vitale.
Un trionfale «Vaso di fiori» dipinto con precisione lenticolare da Jean Banner (1866) coi garofani e papaveri dai colori smaltati campeggia tra altre opere floreali di minori dimensioni che Renoir, Pissarro, Fantin Latour hanno costruito con pennellate libere, impastate di una luminosità che rende la materia di una corposa effervescenza. Il «cesto d’uva» di Monet (1883) è un crogiuolo incandescente di fusione tra luce e colore. La ricchissima (di opere e di artisti) sezione dedicata al paesaggio chiude lo straordinario percorso espositivo. Già Corot (Sentiero che curva) aveva superato il paesaggio storico abbellito con quello naturalistico in cui la campagna viene rappresentata in modo diretto e Courbet («Il giardino dell’abbazia») ne aveva sottolineato con passione la fisica concretezza ma sono gli impressionisti, iniziando da Monet, che dipingono la natura dando al colore e alla luce un ruolo unificante mentre i piccoli vibranti tocchi di pennello creano una situazione in continuo mutamento. Saranno poi Cézanne, Gauguin, Van Gogh - come si può notare nelle loro significative opere esposte - a superare l’impressionismo prendendo strade diverse.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Duc, si lavora per riaprirlo

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

CALCIO

Parma, i conti tornano

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Troppo sport fa male al desiderio

1commento

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia