Arte-Cultura

Nei misteri dell'essere

Nei misteri dell'essere
Ricevi gratis le news
0

 di Giuseppe Marchetti

In «Uscite dal mondo» (Adelphi '82) Elémire Zolla  scriveva: «Ho annotato in questo libro fenditure  e varchi via via aperti verso i possibili, non ho  fatto caso alle limitatezze ecclesiali o politiche  che ancora pesino su chi li ha saputi come che sia  aprire o spianare, sono stato ai risultati di fatto  ottenuti». Tra queste fenditure e questi varchi, si  aggira da alcuni anni Roberto Calasso alla scoperta di  quelle saggezze antiche - quasi confinanti col mito, o  miti addirittura - che in lui scrittore e pensatore  moderno, e lettore principe di tutte le letterature, dai  testi Veda a Baudelaire, diventano certezze e  insegnamenti d'eternità. Ecco, dunque, adesso in «L'ardore» contemplato il  mistero dell'essere come già in «La rovina di Kash»  ('83), in «Le nozze di Cadmo e Armonia» ('88) e in  «Ka» del '90, tutti editi, come il nuovo libro, da  Adelphi, secondo una idea di ricerca che parte dal  fascino dell'India vedica per giungere ad un  confronto con il presente dentro e attorno al  groviglio religioso che presuppone sempre «il  sacrificio» come atto di conoscenza e di rivelazione  divina. Roberto Calasso è un affascinante  raccontatore: non vuole accedere al rito del romanzo,  non si ferma al canto del poema, scarta la preghiera  e il testo sacro in sé come decalogo della Legge, ma  riesce tuttavia a farsi strada tra gli infiniti pre-testi  della Mente e della Parola che portano la creatura ad  essere veggente, a crederci e a porsi l'esistenza di un  «prima» che è «manas» e di un «dopo» che è la storia,  la nostra storia fissata nella parola, recitata in essa e  divenuta infine libro e memoria. Nulla di tutto ciò  nella mentalità indiana e orientale, anche se Calasso  introduce la figura del Lògos consacrata all'inizio  del Vangelo di Giovanni. Tuttavia, aggiunge lo  scrittore citando il testo del Chandogya Upanisad:  «La mente invero è più che la parola», osservando poi  che «Lo spartiacque fra Oriente e Occidente, a cui  tanta pensosità è stata dedicata, viene  tracciato in  questo punto. Tutto il resto consegue da quella  divergenza radicale a cui l'India non avrebbe mai  rinunciato, dal Veda al Vedanta». Su tutto il campo -  immenso e pieno di luminose contraddizioni come  avviene per ogni testo sacro e per i suoi profeti -  domina il pensiero dell'immortalità. Ma, scrive  Calasso: «I veggenti vedici erano maestri nell'alzare  sempre la posta, sino a renderla irraggiungibile. Qui  il “rsi” intendeva dimostrare come la conoscenza  esoterica culmina nella piena incertezza». E ci si  trova, quindi, da capo. Solo il sacrificio, cioè l'atto di  devota offerta umana agli dei, può salvare l'uomo  dalla propria «non-verità» che egli impersona in una  iniziale condizione di opacità e informità. Il vasto e  non facile testo de «L'ardore» ci accompagna lungo il  cammino di una tale sconfinata meditazione che non è  praticamente riassumibile. Ma i simboli che Calasso  (e il Veda) usa giungono sino ad una premente  identità moderna: dal Divino a il Tutto, dall'opera  sacra di Prajapati al Soma, dalle regole per  richiamare gli dei, a Siva che incenerisce il  desiderio. Ci troviamo di fronte così il confine che divide la vita  dalla morte, o, meglio, il pensiero della vita da quello  della morte: pensiero che Calasso orienta verso il  modo greco ed egizio inferiori a suo giudizio per l'uso  della Parola e per le immagini che essa suscita. Nel capitolo finale del libro «Antecedenti   conseguenti», Calasso profila il numero e l'intensità  delle esigenze che l'hanno determinato e rivela il  tanto di spirito religioso che anima queste  cinquecento e passa pagine le quali arrivano a  comprendere anche il mistero della «fractio panis» di  Gesù nell'ultima cena. «L'ardore» però non si chiude  qui, è un testo mirabilmente aperto come le leggi nel  Veda. «La tremenda vivezza di quei testi - conclude  Calasso - che pure nulla suffraga dell'esperienza  comune, potrebbe indicare che sussiste qualcosa in  ciò che è dove tutto continua  ad apparire come lo  videro i veggenti vedici. O almeno a nulla somiglia  così tanto come a ciò che i rsi ci hanno tramandato. Ancora una volta «l'ardore» avvampa sotto l'albero  della vita e Agni, il Fuoco, congiunge ancora la terra  e il cielo, il luogo degli uomini e il luogo degli dei.  Ogni tentativo di sintesi - la sintesi cara al pensiero  occidentale - è frustrato, sorpassato e abbandonato,  mentre la lontananza s'avvicina a noi e ci sorpassa  con i suoi simboli, le sue storie e l'infinita  suggestione delle proprie orme segrete. 
L'ardore
 Adelphi, pag. 529,  35,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

8commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

FESTE PGN

Open Bar al castello di Felino Foto

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova