23°

Arte-Cultura

Le due volte di Guttuso

Le due volte di Guttuso
0

Per gentile concessione pubblichiamo un estratto dal testo di Alberto Mattia Martini, intitolato «La mostra di Renato Guttuso a Parma nel 1963-64», comparso nel catalogo: «Guttuso. Passione e Realtà» (ed. Mazzotta) in occasione della mostra in corso, fino all'8 dicembre alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano.
Terminata la Seconda guerra mondiale, in nessun paese come in Italia il dibattito politico-ideologico è così acceso a causa delle contrapposizioni tra il pensiero comunista proveniente dall’Est e quello così detto liberale di matrice nord occidentale. Togliatti seguendo le direttive dell’Unione Sovietica, condanna apertamente le opere informali sulle pagine della rivista Rinascita, definendole «scarabocchi» e quindi schierandosi chiaramente a favore del realismo sociale, che ha il suo maggiore interprete in Renato Guttuso. Dibattiti e contrasti, talora molto accessi sono protagonisti anche a Parma, quando nel 1963 si decide di realizzare l’importante antologica di Renato Guttuso. Polemiche e voci si rincorrono e scontrano nei mesi precedenti alla mostra, coinvolgendo l’intera città; se ne parla e si discute animosamente sia tra la popolazione, sui giornali locali, che nelle sedi preposte alla inderogabile decisione. La discussione sulla mostra proseguirà per diversi mesi, fino ad essere definitivamente approvata, grazie anche alla partecipazione e all’impegno di una parte rilevante della città. Parma proviene da anni, quelli ’30-’40 e in parte i ’50 culturalmente molto floridi, che vedono fiorire iniziative importanti nella letteratura, nella musica, nel teatro, nel cinema e nell’arte. Grazie all’Officina parmigiana - come la definì Pier Paolo Pasolini per indicare quell’intensa attività culturale che circolava intorno ad Attilio Bertolucci - la città ducale si apre al respiro della cultura internazionale, pur senza mai tradire le proprie radici. Poi durante gli anni ’50 avvengono cambiamenti nella vita quotidiana e culturale, mutamenti economici, produttivi e comunicativi per cui la provincia si trova ad essere luogo marginale. «Mi lascerete solo», afferma Mario Colombi Guidotti. La «diaspora parmense», che vede numerosi intellettuali lasciare Parma, è ricca e attiva d’ingegni che conferiscono lustro al nome della città e che mai la dimenticheranno: Cecropino Barilli, Attilio Bertolucci, Alberto Bevilacqua e Renato Marino Mazzacurati si stabilirono a Roma, Atanasio Soldati, Giorgio Cusatelli, Pietro Bianchi e Aldo Borlenghi a Milano, Pier Maria Paoletti a Bologna, Giulio Bollati a Torino. La «diaspora parmense» produce certamente alcuni vuoti intellettuali, che in parte si ripercuoteranno sull’ambiente culturale cittadino e che ne limitarono quello che avrebbe dovuto essere un fisiologico percorso di indagine e sperimentazione. «La mostra di Guttuso è intervenuta, con molto peso, in una situazione culturale di calma persino preoccupante, nella quale ognuno giocava la sua parte con stretta osservanza». Con queste parole Emanuele Pirella descrive il contesto cittadino nel quale è nata la mostra di Guttuso. La realizzazione della rassegna è resa possibile grazie ad un vero è proprio lavoro di squadra, del quale fanno parte tutte le figure che costituiscono il mondo dell’arte: naturalmente l’artista, le istituzioni, il collezionista, il mecenate, il critico, il pubblicitario, l’architetto. Tra i principali artefici vanno citati la Soprintendente alle Gallerie Augusta Ghidiglia Quintavalle, Giuseppe Negri, Arturo Carlo Quintavalle, Enzo Bioli, Franco Russoli, Roberto Tassi, Giovanni Testori, Giovanni Timossi e Antonello Trombadori. Tra i collezionisti che permettono il reperimento e il prestito delle opere vanno certamente ricordati Fiorello Donelli e in particolare Mario Bocchi. Come riporta l’innovativo catalogo della mostra, il ruolo di addetto alla stampa e alla pubblicità è affidato ad Emanuele Pirella, negli anni poi affermatosi come tra i più importanti pubblicitari italiani. All'architetto Guido Canali è assegnato l’allestimento e il recupero degli spazi espositivi. La mostra presieduta da Roberto Longhi comprende centottanta tele e duecentosettanta disegni, che ripercorrono più di trent’anni di attività dell’artista siciliano. Non va dimenticato che sempre durante il 1963, Guttuso realizza anche i bozzetti per le scene e i costumi del Macbeth di Giuseppe Verdi, tenutosi presso il Teatro Regio in onore dello stesso compositore nel centocinquantesimo anniversario della nascita. L’occasione della mostra di Guttuso crea anche l’opportunità di recuperare e restaurare il Salone delle Scuderie in Pilotta e quindi dotare la città di un importante spazio espositivo, ancora oggi utilizzato. Anche se la mostra ebbe un enorme successo sia di critica nazionale ed internazionale, che di pubblico, tanto da essere prorogata di circa un mese e raggiungendo la quota di 23mila visitatori, come abbiamo visto in precedenza, essa non è rimasta esente da critiche. Numerose sono le occasioni di confronto e dibattito, tra cui quella tenutasi al Ridotto del Teatro Regio che vede la partecipazione di Francesco Arcangeli, Luigi Carluccio, Pier Paolo Pasolini e Giovanni Previtali, con Giancarlo Artoni nelle vesti di moderatore. Per la prima volta a Parma con questa mostra si riuscì a coinvolgere una buona porzione delle popolazione. Il successo internazionale della rassegna è pertanto da attribuire sia alla totalità dell’opera di Guttuso, sia al fatto che quell’occasione ha offerto la possibilità di svolgere un’indagine seria e concreta, come scrive Arturo Carlo Quintavalle, sulle pagine della rivista Ametag, motivata da giudizi critici reali, da valutazioni oggettive e non certo dall’approvazione incondizionata e corale di «astute annessioni». Certo non ossessionato dalla ricerca dell’unanime consenso, Renato Guttuso ci lascia in poche parole il vero senso della sua arte: «Io sono fra coloro che cercano la verità: e ciò non può avere fine. Si possono esaurire la vena, l’istinto, abituarsi a concezioni culturali, ma finché si guardano il mondo e gli uomini in un modo nuovo, si può continuare a far conoscere questo mondo e questi uomini. Gli artisti non scoprono nulla: fanno conoscere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

sgarbi dorme in tv

video virale

Sgarbi si addormenta in diretta Tv. Lo sveglia il conduttore

Kate & Amal: eleganza e bellezza (in verde e in rosso) Gallery

Londra

Kate & Amal incantano in verde e in rosso Gallery

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo

parma

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo Gallery

prostituzione

16enni nigeriane sfruttate e picchiate scappano da Parma: salvate a Napoli

La triste storia di due ragazzine (una di loro incinta), tra la Libia e la nostra città 

7commenti

via spezia

Incidente: camion si ribalta a Stradella. Coinvolte due auto: tre feriti Foto

via Baganza

Paura in piazza Fiume: un uomo cade, arriva l'ambulanza

lega nord

Salvini candida la Cavandoli: "Possiamo vincere" Intervista

Via Verdi blindata (guarda) per la visita del leader del Carroccio: "A Parma prima i parmigiani" e "Porte aperte agli alleati e ai civici"

1commento

anteprima gazzetta

La vecchiaia raccontata da Giancarlo Ilari Video

tg parma

Felegara sotto choc per la morte dei coniugi Carpana Video

tra parma e milano

Re delle truffe tradito dalla pizza: preso nascosto nel sofà

ateneo

Elezioni universitarie: Sinistra studentesca pigliatutto

LIRICA

La Fondazione del Regio istituisce l'Accademia Verdiana

Si parte con un corso di perfezionamento per 10 cantanti lirici

Consiglio

La Provincia lascerà la sede di piazza della Pace

7commenti

lega pro

Dallara suona la carica: "Parma, lotteremo fino alla fine" Video

E ieri sera, il Matera ha battuto il Venezia 1-0 (Finale andata di Coppa Italia) - Da ieri, Munari e Frattali sono tornati in gruppo

tg parma

Borgotaro: gli alunni di elementari e medie disertano la scuola Video

Protesta delle mamme contro gli odori della Laminam

5commenti

Polizia

Furti al supermercato: quattro denunciati in poche ore. Tre sono minorenni

17commenti

foto dei lettori

Via Montebello: il parcheggio è "creativo"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato del Rolex nel suo studio

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Recuperiamo (almeno) la speranza

EDITORIALE

L'ambulanza bloccata e la legge «fai da te»

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Parigi, allarme per i kamikaze con virus infettivi

Piacenza

Precipita con il deltaplano a motore e muore

SOCIETA'

MUSICA

E' morto Fausto Mesolella, storico chitarrista degli Avion Travel Live a Parma con la Toscanini

polizia

Una Lamborghini Huracàn per la Polstrada di Bologna

SPORT

LEGAPRO

Il Pordenone strappa un pari sul campo della Reggiana

gossip

Il nuovo amore di Valentino Rossi è una modella palermitana Video

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon