15°

Arte-Cultura

Officina parmigiana 2000 - Incontro con la poesia di Pier Luigi Bacchini

Officina parmigiana 2000 - Incontro con la poesia di Pier Luigi Bacchini
1

Officina Parmigiana è il termine che indica il gruppo di intellettuali di Parma negli anni '50-'60, così felicemente battezzato da Pasolini, che riconobbe in loro uno dei più vivaci movimenti poetici del secolo scorso. E da oggi gazzettadiparma.it inizia il suo viaggio nella "Officina parmigiana" del terzo millennio, ovvero nella produzione letteraria contemporanea che nasce a Parma. Un altro tassello, insieme alle recensioni che potete mandare a Yes we book  e ad altre iniziative che seguiranno, per costruire un nostro virtuale "Scaffale Parma", perchè il web - il nostro web - non vuole essere solo qualcosa di rapido e superficiale, ma ha l'ambizione di essere anche un mezzo per promuovere la cultura, e a maggior ragione quella che si lega alle nostre radici.

1)  PIER LUIGI BACCHINI

"Dietro i rami di un cedro spio la mia vita"

Incontro con il "poeta-scienziato" - di Cristina Pedretti

<C’è una minuziosa perizia nello scrivere, un’esperienza / d’acuta tecnica, non tutto è verità, / ma serve a rivelarla. È una cosa lecita?>: così s’interroga Pier Luigi Bacchini in una pagina di quel “Visi e foglie” che gli è valso il Premio Viareggio per la poesia nel 1993. E risalendo le colline verso la casa del poeta, in un pomeriggio d’autunno che ancora trattiene vaghi ricordi d’estate, ci si aspetta forse di poter afferrare almeno un poco di quel ‘tutto’ che non è verità, ‘ma serve a rivelarla’. Certo, con misura: si vedrà cosa potrà stare in una piccola telecamera, e quanto l’intervistatore potrà carpire del vastissimo patrimonio culturale, intellettuale, spirituale ed umano del poeta Bacchini.

Prima di questo incontro faccia a faccia, c’è stato l’incontro “sentimentale”(sebbene unilaterale) con le poesie di Bacchini, versi che fanno innamorare lentamente della loro musicalità spiazzante, della bellezza tagliente con cui disegnano realtà, sogno e ricordo, dell’abilità con cui legano l’infinitamente piccolo all’infinitamente grande rendendoli entrambi a misura d’uomo (intendendo l’uomo come un essere finito che anela inevitabilmente all’infinito).

Bacchini (classe 1927) è un artista che canta la vita (e alla vita) raccontandola con cuore e mente aperti, con dolcezza e durezza, con semplicità grandiosa. Un percorso vissuto stando in disparte, una voce fuori dal coro: per scelte dettate dalla famiglia, prima, e dai propri sogni, poi, Pier Luigi si è formato (e quindi affermato) come “poeta-scienziato”; nelle sue liriche si respira e quasi si tocca la materia, e la parola scientifica (declinata nei termini della medicina, dell’anatomia, dell’astronomia, della botanica,..) diviene parola poetica. Tutto questo accade a partire dallo studio della natura, di quella “rigorosa natura”, precisa e matematica nei suoi millenari meccanismi, che viene data all’uomo “in ascolto”( sono i versi finali di ‘In ascolto di foglie che cadono’, in “Visi e foglie”). 

La videointervista scaturita dall’incontro con Pier Luigi Bacchini raccoglie alcuni ricordi dell’infanzia del poeta e della sua lotta coraggiosa per perseguire l’istinto a raccontarsi, a trasmettere il proprio sentire. Dagli studi di medicina alle lezioni “clandestine” di letteratura a Bologna, dall’amicizia profonda con Attilio Bertolucci alla conoscenza di Quasimodo. E sempre Parma, e le colline tanto amate dal poeta, a far da sfondo e ispirazione (GUARDA video: prima parte)

Si parla quindi del libro ‘Cerchi d’acqua – Haiku’ edito da Garzanti nel 2003, un come lo ha definito l’autore stesso, che ha attinto alla tradizione giapponese della poesia “haiku” per creare brevissimi e folgoranti componimenti, densi di bellezza e saggezza quotidiane e universali. C’è poi una riflessione sul rapporto tra la fede e la scienza, le due polarità che attraggono l’uomo e lo guidano (o lo fanno smarrire, spesso e volentieri) nell’esistenza. (GUARDA video: seconda parte)

Infine, un consiglio ai giovani scrittori e ai nuovi poeti: non essere mai banali, non rifugiarsi nelle futilità che fanno ‘audience’ ma non trasmettono alcuna verità. Perché l’essere umano non è fatto per la banalità: la stessa conformazione fisica degli esseri viventi e dell’intero universo induce a cercare una verità, che resterà certamente velata (sostiene il poeta) ma che si potrà almeno sfiorare, percepire, raccontare. Citando il finale di ‘Lungo una strada’ (in ‘Canti familiari’ del 1968): <[…] se avrò trovato qualche cosa lo dirò agli uomini, per toglierli dalla solitudine>.
A conclusione dell’incontro, Pier Luigi Bacchini manda un saluto, in forma di poesia, a tutti coloro che l’hanno ascoltato. (GUARDA video: terza parte)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanni Martinelli

    22 Novembre @ 20.02

    Ascoltando Pier Luigi con la sua profonda e pacata voce, nella trasparenza del controluce della finestra ri-conosciuta, mi accorgo di essere, ancora una volta, meno solo, e grazie anche al web, in grado di CONDIVIDERE con altri, quella cosa definita &quot;poesia&quot;che per fortuna &quot;non si può mangiare&quot;. grazie PIER LUIGI

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa