20°

33°

Arte-Cultura

Malinconicamente sferragliando

Malinconicamente sferragliando
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali

Sergio Andreoli, artista bresciano si presenta al pubblico di Parma con una mostra dichiaratamente a tema. Dipinti realizzati ad acrilico su tela e datati dalla fine degli anni ottanta ad oggi, composti in un inusitato racconto, fra vecchie locomotive e nuovi treni che sbucano da orizzonti lontani per proseguire all’infinito la loro corsa.
 L'operazione artistica di Sergio Andreoli non si ferma però alla suggestione dell’immagine,  composta secondo i rigorosi canoni di un realismo che a tratti pare travalicare nell’immaginario, che forte della stesura materica e del colore intenso entra nella «pelle» del soggetto, cogliendone la bellezza ma anche le «escoriazioni» del tempo e, dunque, la vita trascorsa.  I grandi «mostri» del passato e del presente non fanno paura pur nella loro possanza, paiono più come oggetti del desiderio, che vengono incontro, quasi ad uscire dal quadro, in un paesaggio essenziale, protagonisti unici di una corsa destinata a non concludersi. Ecco allora trasparire tra le pieghe della rappresentazione alcuni elementi di solida  realtà che fanno del quadro un’opera reale ed ideale insieme. Sono l’idea di una prospettiva, del movimento perenne, di quello sferragliare immaginario che nasce dalla minuziosa rappresentazione della tecnologia, l’idea di una oggettualità concreta che va oltre la dimensione propria, per perdersi dentro i rigurgiti del pensiero.
Non a caso Floriano De Santi ha dato alla mostra proposta dalla Galleria Centro Steccata fino al 31 dicembre, un titolo quanto mai allusivo: «Le perturbazioni dell’anima», perché Andreoli dipinge sì treni ma per parlare di sé, non tralascia alcun particolare visivo ma lo allinea ai propri pensieri, alle proprie esperienze di vita. Ecco allora mutare il tempo e il luogo della rappresentazione ed immaginare quelle vecchie locomotive uscire dai depositi, correre indietro nel tempo, alla ricerca di sentimenti, sensazioni, motivazioni di un uomo, e quindi alla ricerca del vissuto. Si fa strada l’idea del viaggio, comune a tutti gli uomini, affrontato dall’uomo cosciente che nel viaggio è insita la propria storia. Tornando agli aspetti formali, Sergio Andreoli si qualifica oltre che profondo conoscitore del tema anche attento interprete di una forma che pare spaziare tra il reale ed il suo estremo, secondo il punto focale prescelto dall’autore. Alcune paiono poi assommare varietà di particolari in uno stesso soggetto, lasciando nel contempo spazio ai significati dell’ agire umano, del correre verso nuove mete fino a delineare un’idea di infinito. Davanti ai frammenti di una locomotiva o di una carrozza passeggeri, ai binari che si intersecano, ai congegni che si muovono almeno idealmente, davanti ad una oggettualità e freddezza ottica che il colore può a tratti trasmettere, si fa strada così, con forza, l’uomo o meglio gli uomini che hanno «abitato» quella dimensione, viaggiatori che coi loro pensieri diventano espressione di una somma di vite. Bisogna guardar dentro, dietro i vetri oscurati della locomotiva, dentro le stazioni deserte od abitate per cogliere quella suggestione; non ci sono volti ad accogliere lo spettatore ma solo pensieri che si possono immaginare, che quel treno o quella serie di treni fanno immaginare. A monte stanno «le perturbazioni dell’anima», dell’artista ma anche dello spettatore che inevitabilmente si fa coinvolgere dall’immagine, poiché il primo ha trascinato il secondo nel suo viaggio, iniziato realmente su di un treno e su di un treno destinato a proseguire. Si approda, così, alla ricerca proustiana del tempo perduto tra un viaggio e l’altro, una carrozza e l’altra, tra un segnale notturno, la grata di una finestra, la vetrata di una stazione o la natura morta all’interno di un treno, dipinto emblematico di uno sguardo sulla vita e sulle cose. Il tema delle stazioni ferroviarie e dei treni si configura nell’ opera di Sergio Andreoli già dalla fine degli anni Settanta, annuncio di quella poetica in cui si afferma l’identità di macchina e paesaggio quale metafora prorompente di un’idea dell’arte come coinvolgimento, come essere nelle cose. Non manca nella sua lunga attività un interesse forte per la natura morta e per la figura in particolare per frammenti del nudo femminile che riecheggiano l’amore dell’artista per il cinema di Michelangelo Antonioni e di Luchino Visconti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

Inchiesta sulle bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

PARMA

Lite al parco di via Milano: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Bollette anomale e strani anticipi da pagare: le storie sulla Gazzetta di Parma

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

3commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

TORINO

Figlio muore sul Cervino, la madre discute la  tesi Video

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel