-4°

Arte-Cultura

Malinconicamente sferragliando

Malinconicamente sferragliando
0

Stefania Provinciali

Sergio Andreoli, artista bresciano si presenta al pubblico di Parma con una mostra dichiaratamente a tema. Dipinti realizzati ad acrilico su tela e datati dalla fine degli anni ottanta ad oggi, composti in un inusitato racconto, fra vecchie locomotive e nuovi treni che sbucano da orizzonti lontani per proseguire all’infinito la loro corsa.
 L'operazione artistica di Sergio Andreoli non si ferma però alla suggestione dell’immagine,  composta secondo i rigorosi canoni di un realismo che a tratti pare travalicare nell’immaginario, che forte della stesura materica e del colore intenso entra nella «pelle» del soggetto, cogliendone la bellezza ma anche le «escoriazioni» del tempo e, dunque, la vita trascorsa.  I grandi «mostri» del passato e del presente non fanno paura pur nella loro possanza, paiono più come oggetti del desiderio, che vengono incontro, quasi ad uscire dal quadro, in un paesaggio essenziale, protagonisti unici di una corsa destinata a non concludersi. Ecco allora trasparire tra le pieghe della rappresentazione alcuni elementi di solida  realtà che fanno del quadro un’opera reale ed ideale insieme. Sono l’idea di una prospettiva, del movimento perenne, di quello sferragliare immaginario che nasce dalla minuziosa rappresentazione della tecnologia, l’idea di una oggettualità concreta che va oltre la dimensione propria, per perdersi dentro i rigurgiti del pensiero.
Non a caso Floriano De Santi ha dato alla mostra proposta dalla Galleria Centro Steccata fino al 31 dicembre, un titolo quanto mai allusivo: «Le perturbazioni dell’anima», perché Andreoli dipinge sì treni ma per parlare di sé, non tralascia alcun particolare visivo ma lo allinea ai propri pensieri, alle proprie esperienze di vita. Ecco allora mutare il tempo e il luogo della rappresentazione ed immaginare quelle vecchie locomotive uscire dai depositi, correre indietro nel tempo, alla ricerca di sentimenti, sensazioni, motivazioni di un uomo, e quindi alla ricerca del vissuto. Si fa strada l’idea del viaggio, comune a tutti gli uomini, affrontato dall’uomo cosciente che nel viaggio è insita la propria storia. Tornando agli aspetti formali, Sergio Andreoli si qualifica oltre che profondo conoscitore del tema anche attento interprete di una forma che pare spaziare tra il reale ed il suo estremo, secondo il punto focale prescelto dall’autore. Alcune paiono poi assommare varietà di particolari in uno stesso soggetto, lasciando nel contempo spazio ai significati dell’ agire umano, del correre verso nuove mete fino a delineare un’idea di infinito. Davanti ai frammenti di una locomotiva o di una carrozza passeggeri, ai binari che si intersecano, ai congegni che si muovono almeno idealmente, davanti ad una oggettualità e freddezza ottica che il colore può a tratti trasmettere, si fa strada così, con forza, l’uomo o meglio gli uomini che hanno «abitato» quella dimensione, viaggiatori che coi loro pensieri diventano espressione di una somma di vite. Bisogna guardar dentro, dietro i vetri oscurati della locomotiva, dentro le stazioni deserte od abitate per cogliere quella suggestione; non ci sono volti ad accogliere lo spettatore ma solo pensieri che si possono immaginare, che quel treno o quella serie di treni fanno immaginare. A monte stanno «le perturbazioni dell’anima», dell’artista ma anche dello spettatore che inevitabilmente si fa coinvolgere dall’immagine, poiché il primo ha trascinato il secondo nel suo viaggio, iniziato realmente su di un treno e su di un treno destinato a proseguire. Si approda, così, alla ricerca proustiana del tempo perduto tra un viaggio e l’altro, una carrozza e l’altra, tra un segnale notturno, la grata di una finestra, la vetrata di una stazione o la natura morta all’interno di un treno, dipinto emblematico di uno sguardo sulla vita e sulle cose. Il tema delle stazioni ferroviarie e dei treni si configura nell’ opera di Sergio Andreoli già dalla fine degli anni Settanta, annuncio di quella poetica in cui si afferma l’identità di macchina e paesaggio quale metafora prorompente di un’idea dell’arte come coinvolgimento, come essere nelle cose. Non manca nella sua lunga attività un interesse forte per la natura morta e per la figura in particolare per frammenti del nudo femminile che riecheggiano l’amore dell’artista per il cinema di Michelangelo Antonioni e di Luchino Visconti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

3commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

2commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta