22°

Arte-Cultura

Giorgione, enigmi e seduzioni

Giorgione, enigmi e seduzioni
0

Riesce difficile staccare lo sguardo dalla «Tempesta» di Giorgione, un capolavoro che calamita da secoli per il fascino magico che emana con la sua atmosfera naturalistica semplice e nel contempo straniante con quei due personaggi (la donna che allatta e il giovane col lungo bastone) forse protagonisti, forse comparse. Il quadro, infatti, sovverte la concezione che in quel periodo si aveva dello spazio pittorico dove i personaggi erano sempre posti in primo piano mentre il paesaggio era usato come sfondo. Qui, invece, la gerarchia tra le figure viene eliminata ed è il paesaggio a dominare la scena, ma non quello limpido, tranquillo nella perennità delle sue certezze (come in Bellini e in Cima), bensì un paesaggio colto in movimento, nell’attimo in cui un lampo lo scuote minaccioso folgorandolo di un accecante bagliore. La scena resta come sospesa in questo attimo, irripetibile e sconcertante, destinato a cambiare e nel quale le figure umane appaiono elementi casuali rispetto al fenomeno celeste. «El paesetto in tela con la tempesta con la cingana e soldato, fu de man de Zorzi di Castelfranco» annotava nel 1530 Marcantonio Michiel; la cingana (zingara) restava tale nell’inventario del 1565 mentre il soldato diventava «un pastor». Nell’Ottocento i tre personaggi venivano identificati in Giorgione, sua moglie e suo figlio e prendeva come titolo «La famiglia di Giorgione»; a fine secolo diventava definitivamente «La tempesta» in quanto si scopriva che Giorgione non era sposato e soprattutto si iniziava ad indagare a fondo il significato dell’opera; nessun altro dipinto nella storia dell’arte ha avuto tante e così disparate interpretazioni nessuna delle quali pienamente convincente. Alcuni filoni interpretativi lo indicano come l’illustrazione di un mito o di una leggenda o di un episodio biblico, altri come raffigurazione allegorica storico-poitica, altri ancora come espressione delle teorie fisico-filosofiche veneziane e padovane o di fonti letterarie, altri infine ritengono il soggetto destinato ad essere compreso solo da pochi iniziati. Anche il luogo è stato oggetto di svariate ipotesi veneto-lombarde tra cui Padova per la presenza sulla torre, porta d’accesso al ponte, del carro dei Carrara, composto da quattro ruote ordinate intorno a un asse centrale, stemma dei Carraresi, signori della città. Questo particolare ha alimentato nuovi studi sul capolavoro giorgionesco, che si richiamano ad una serie di opere che vengono presentate nella mostra allestita a Padova ai Musei Civici degli Eremitani (fino al 16 gennaio) intitolata «Giorgione a Padova. L’enigma del carro» a cura di Davide Banzato, Franca Pellegrini, Ugo Soragni (catalogo Skira). La tesi che si vuol dimostrare è che Giorgione nel paesaggio abbia voluto rappresentare la città di Padova ma soprattutto il suo stretto rapporto con la città riscontrabile nel fatto che - come scrive Ugo Soragni - «in alcuni capolavori giovanili e della maturità sono ritratti svariati protagonisti della cultura letteraria, scientifica, artistica padovana, gli emblemi della dinastia Carrarese  e, filtrati attraverso la consueta capacità di sintesi del dato architettonico e paesaggistico, alcuni tra i monumenti cittadini più importanti». Altra circostanza la collaborazione del giovane ed erudito Giulio Campagnola (1480-1515) con Giorgione (1477 - 1510) almeno fino al 1505. E Giulio apre il percorso con una serie di incisioni che nell’uso del chiaroscuro riprendono modi giorgioneschi ma che denunciano anche echi mantegneschi e nordici. Desta curiosità la tavola di Jacopo Parisati (1443 - 1499) con la Madonna della Misericordia che ha davanti un bimbo in piedi nudo con una sottile fascia al collo: è Simone, ucciso a due anni e mezzo, martire. L’influenza di Giorgione è documentata nel museo padovano da vari dipinti preceduti da due tavolette - «Leda e il cigno» e «Idillio campestre» - che la critica assegna al maestro e con le quali si confrontano due tavolette di Tiziano dal più accentuato dinamismo. Nicolò dè Barbari nella «Cattura di Cristo» ammorbidisce le immagini con toni sfumati che richiamano le novità giorgionesche così come il paesaggio della bella «Madonna col Bambino e donatore» di Andrea Previtali. Anche Boccaccio Boccino, giunto a Venezia all’inizio del '500, non resta indifferente alle nuove idee che circolano (vedi la «Madonna col Bambino e le sante Lucia e Caterina»). E l’onda lunga arriva fino a Pietro della Vecchia (1603 - 1678) che ha rivisitato l’arte giorgionesca «sulla base del nuovo canone figurativo barocco». Chiudono la mostra due sommi capolavori del Giorgione, eseguiti tra il 1504 e il 1506, «Mosè alla prova del fuoco» e la «Tempesta» che, secondo Soragni, «vanno considerati complementari sia dal punto di vista formale che contenutistico». Il «Mosè» rappresenterebbe lo scontro tra Padova e Venezia con la perdita della libertà per Padova, nella «Tempesta» sarebbero rappresentati i monumenti più significativi di Padova e vi sarebbero pure svariate allusioni alla sua storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

7commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon