-0°

16°

Arte-Cultura

Giorgione, enigmi e seduzioni

Giorgione, enigmi e seduzioni
Ricevi gratis le news
0

Riesce difficile staccare lo sguardo dalla «Tempesta» di Giorgione, un capolavoro che calamita da secoli per il fascino magico che emana con la sua atmosfera naturalistica semplice e nel contempo straniante con quei due personaggi (la donna che allatta e il giovane col lungo bastone) forse protagonisti, forse comparse. Il quadro, infatti, sovverte la concezione che in quel periodo si aveva dello spazio pittorico dove i personaggi erano sempre posti in primo piano mentre il paesaggio era usato come sfondo. Qui, invece, la gerarchia tra le figure viene eliminata ed è il paesaggio a dominare la scena, ma non quello limpido, tranquillo nella perennità delle sue certezze (come in Bellini e in Cima), bensì un paesaggio colto in movimento, nell’attimo in cui un lampo lo scuote minaccioso folgorandolo di un accecante bagliore. La scena resta come sospesa in questo attimo, irripetibile e sconcertante, destinato a cambiare e nel quale le figure umane appaiono elementi casuali rispetto al fenomeno celeste. «El paesetto in tela con la tempesta con la cingana e soldato, fu de man de Zorzi di Castelfranco» annotava nel 1530 Marcantonio Michiel; la cingana (zingara) restava tale nell’inventario del 1565 mentre il soldato diventava «un pastor». Nell’Ottocento i tre personaggi venivano identificati in Giorgione, sua moglie e suo figlio e prendeva come titolo «La famiglia di Giorgione»; a fine secolo diventava definitivamente «La tempesta» in quanto si scopriva che Giorgione non era sposato e soprattutto si iniziava ad indagare a fondo il significato dell’opera; nessun altro dipinto nella storia dell’arte ha avuto tante e così disparate interpretazioni nessuna delle quali pienamente convincente. Alcuni filoni interpretativi lo indicano come l’illustrazione di un mito o di una leggenda o di un episodio biblico, altri come raffigurazione allegorica storico-poitica, altri ancora come espressione delle teorie fisico-filosofiche veneziane e padovane o di fonti letterarie, altri infine ritengono il soggetto destinato ad essere compreso solo da pochi iniziati. Anche il luogo è stato oggetto di svariate ipotesi veneto-lombarde tra cui Padova per la presenza sulla torre, porta d’accesso al ponte, del carro dei Carrara, composto da quattro ruote ordinate intorno a un asse centrale, stemma dei Carraresi, signori della città. Questo particolare ha alimentato nuovi studi sul capolavoro giorgionesco, che si richiamano ad una serie di opere che vengono presentate nella mostra allestita a Padova ai Musei Civici degli Eremitani (fino al 16 gennaio) intitolata «Giorgione a Padova. L’enigma del carro» a cura di Davide Banzato, Franca Pellegrini, Ugo Soragni (catalogo Skira). La tesi che si vuol dimostrare è che Giorgione nel paesaggio abbia voluto rappresentare la città di Padova ma soprattutto il suo stretto rapporto con la città riscontrabile nel fatto che - come scrive Ugo Soragni - «in alcuni capolavori giovanili e della maturità sono ritratti svariati protagonisti della cultura letteraria, scientifica, artistica padovana, gli emblemi della dinastia Carrarese  e, filtrati attraverso la consueta capacità di sintesi del dato architettonico e paesaggistico, alcuni tra i monumenti cittadini più importanti». Altra circostanza la collaborazione del giovane ed erudito Giulio Campagnola (1480-1515) con Giorgione (1477 - 1510) almeno fino al 1505. E Giulio apre il percorso con una serie di incisioni che nell’uso del chiaroscuro riprendono modi giorgioneschi ma che denunciano anche echi mantegneschi e nordici. Desta curiosità la tavola di Jacopo Parisati (1443 - 1499) con la Madonna della Misericordia che ha davanti un bimbo in piedi nudo con una sottile fascia al collo: è Simone, ucciso a due anni e mezzo, martire. L’influenza di Giorgione è documentata nel museo padovano da vari dipinti preceduti da due tavolette - «Leda e il cigno» e «Idillio campestre» - che la critica assegna al maestro e con le quali si confrontano due tavolette di Tiziano dal più accentuato dinamismo. Nicolò dè Barbari nella «Cattura di Cristo» ammorbidisce le immagini con toni sfumati che richiamano le novità giorgionesche così come il paesaggio della bella «Madonna col Bambino e donatore» di Andrea Previtali. Anche Boccaccio Boccino, giunto a Venezia all’inizio del '500, non resta indifferente alle nuove idee che circolano (vedi la «Madonna col Bambino e le sante Lucia e Caterina»). E l’onda lunga arriva fino a Pietro della Vecchia (1603 - 1678) che ha rivisitato l’arte giorgionesca «sulla base del nuovo canone figurativo barocco». Chiudono la mostra due sommi capolavori del Giorgione, eseguiti tra il 1504 e il 1506, «Mosè alla prova del fuoco» e la «Tempesta» che, secondo Soragni, «vanno considerati complementari sia dal punto di vista formale che contenutistico». Il «Mosè» rappresenterebbe lo scontro tra Padova e Venezia con la perdita della libertà per Padova, nella «Tempesta» sarebbero rappresentati i monumenti più significativi di Padova e vi sarebbero pure svariate allusioni alla sua storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

incidente in curva

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SOCIETA'

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

BLOG

Il "Bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 3

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti