14°

Arte-Cultura

Parmiggiani, vertigine di emozioni

Parmiggiani, vertigine di emozioni
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

A Parma c'erano una chiesa dimenticata e un palazzo abbandonato. La prima era piena di polvere, il secondo pieno di vuoto. Luoghi che attendevano qualcuno per cui polvere e vuoto valgono più dell’oro. Ed è entrato Parmiggiani.... in ogni stanza ha appostato delle sentinelle grevi e melanconiche. E poi ha aperto le porte. Il visitatore che varca la soglia si avventura in un mondo dove il silenzio urla, dove la pietra brucia». Così inizia il saggio di Sylvain Amic che apre lo splendido catalogo che accompagna e integra la straordinaria, irripetibile mostra «Claudio Parmiggiani naufragio con spettatore» in corso nel Palazzo del Governatore e nella chiesa di San Marcellino (fino al 16 gennaio). Il volume di oltre trecento pagine, pubblicato dalla Silvana Editoriale, contiene i penetranti saggi in tre lingue di Sylvain Amic, Eric de Chassey, Andrea Cortellessa e Pietro Citati, un’esaustiva bibliografia - cui va aggiunta la vittoria a Parma nel 1966 del Premio Camattini con uno strascico di polemiche per lo sconcerto suscitato dalla sua opera innovativa: uno stilizzato uccellino - ed è ricco di stupende immagini fotografiche che documentano il lungo itinerario dell’artista dagli anni Sessanta ad oggi e riproducono nella rigorosa e nuda essenzialità i lavori esposti. In ogni opera l’artista, elevata voce solitaria della cultura contemporanea, materializza un’esperienza personale - segnata dal dolore, dalla fatica o dal sogno - traducendola in oggetto concreto, in motivo di riflessione per chi lo guarda. I materiali usati sono i più vari: legno, ferro, vetro, fuliggine, cenere: materiali pesanti, materiali leggeri impalpabili come è il nostro mondo fatto di materia e di spirito, di ombre e di luci. L'opera che apre il percorso («Croce di sangue» 1970 - 2010) è una verticale fusione in bronzo a croce greca - come la pianta delle vicina chiesa della Steccata che si scorge dalla finestra - con alla sommità un liquido rosso, il sangue, che evoca atrocità belliche (Claudio Parmiggiani è nato a Luzzara nel 1943), le fatiche del lavoro dei campi e anche dell’artista. Il cappello da uomo rovesciato rivolto verso l’alto da cui escono variopinte, leggerissime farfalle è un inno alla creatività, al pensiero che si sprigiona dal nostro cervello. La durezza dell’esistenza quotidiana viene espressa con due cumuli di pani: ognuna delle 365 forme, fuse in ferro, pesa venti chili. Dalla fisicità greve del ferro alla lucida eleganza di un pianoforte a coda con sopra un libro («Così è la tradizione» di Zolla) e il calco in bronzo di un orecchio trafitto dalla affilata lama di un grosso coltello: è la nostra incapacità a recepire le armoniche voci del passato, della cultura; è una ferita sanguinante, filo rosso che segna profondamente la nostra esistenza: come viene evidenziato sulla parete di fronte. In una vasta luminosa stanza bianca, laboratorio asettico, si confrontano materia e spirito: un ceppo di legno di forma quadrata con sopra un incudine di ferro mentre sul muro si allunga l’ombra impalpabile della fuliggine. La razionalità della conoscenza si scontra (o incontra) con l’irrazionalità dei sentimenti nel libro aperto su cui è posato un cuore umano fuso in ferro. La farfalla (creazione intellettuale) si posa sul pube (creazione fisica) del calco della Venere di Milo e nella custodia vuota del contrabbasso. Un cerchio di grandi dimensioni composto da variopinte piume è il «cerchio di fuoco», della vitalità, simbolo del cosmo. Ma il tempo consuma le cose di cui resta traccia nella cenere raccolta in novanta urne metalliche, visibili dall’alto come uno straniante paesaggio. La campana rovesciata, appesa per il batacchio, è la drammatica testimonianza della nostra voce strozzata, costretta al silenzio e che ci conduce a uno stato di melanconia dureriana rappresentato da una lastra obliqua di vetro annerito  su cui è impressa una leggerissima ragnatela, misterioso labirinto. In un disegno del '53 (a dieci anni) compaiono già la barca del viaggio, la spiaggia e un faro: tutti elementi che continueranno a svilupparsi negli anni. E una barca a vele spiegate è posata sulla bianca testa di Marcellino (c'è un lontano richiamo a Magritte) sognante su una pila di libri. Una mano col palmo bruciato è la denuncia degli orrori delle ustioni (anche morali) mentre l'enorme ancora di ferro, dalla catena spezzata, arpionata nel muro, è l’immagine sconvolgente dell’uomo che cerca disperatamente di aggrapparsi nel dramma di un immane naufragio. La lampada della conoscenza non riesce a illuminare l’ambiguità della persona effigiata nel busto nero in gesso dai molteplici profili e anche l’universo, riprodotto in una stampa laser, è uno spazio infinito e insondabile che vanamente si cerca di penetrare anche con una rossa combustione. La vita oscilla fra la realtà e il sogno, fra il presente e il passato la cui ombra resta tra noi come la impalpabile «Biblioteca d’ombra», realizzata appositamente in una stanza del palazzo con fuoco, fuliggine e fumo, poetica e inquietante presenza di un’assenza che continua a vivere di vita propria. Il percorso si conclude nello spoglio spazio rinascimentale di San Marcellino con la spettacolare installazione della grande barca, lunga 14 metri,  con le vele cadenti naufragata su centomila libri. Una mostra densa di suggestioni, di riflessioni, ma non facile per cui risultano utilissime le visite guidate gratuite organizzate dal Comune al mercoledì e al venerdì pomeriggio: vi ho trovato una guida bravissima e preparata che ha saputo coinvolgere e stimolare i visitatori, usciti arricchiti da questa esperienza unica e imperdibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

GAZZAREPORTER

"Tramonti infuocati": le foto del lettore Matteo

TG PARMA

Nuovi agenti di polizia municipale e telecamere a Parma Video

Festeggiato San Sebastiano, patrono della Municipale

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

4commenti

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

IL CASO

Tim Cook: "Non voglio che mio nipote sia sui social"

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"