Arte-Cultura

Intimità di terre e acque

Intimità di terre e acque
0

Tiziano Marcheselli

Vedere una nuova mostra o una nuova monografia di Goliardo Padova è sempre una festa. Una festa di colori (anche se qualche dipinto - tipo i terrazzieri del Po - risulta annerito dalla fatica e dal ricordo lontano), una festa di sensibilità (il lato positivo dell’arte e il lato negativo della guerra, dei campi di concentramento), una festa, ancora e soprattutto, della natura, del grande fiume, delle lanche, degli animaletti che si confondono col fango, dei nidi felici dalle giovani vite pulsanti, delle contadine chine sulla terra grassa, quella terra che Ligabue riusciva perfino a mangiare. Ma Padova, pur nei suoi soggetti semplici e padani, era sempre rimasto il depositario di una cultura antica, elegante negli accostamenti cromatici, chiaro nella scelta dei protagonisti, efficace nella narrazione personalissima di piccole storie quotidiane, che, attraverso la classe dell’artista, diventavano vicende importanti e universali. Quest’anno i vertici di Banca Monte Parma, che in passato hanno già offerto omaggi importanti a pittori come Amedeo Bocchi, Atanasio Soldati e Renato Vernizzi, hanno deciso di dedicare la loro strenna annuale a Goliardo Padova, che non è solo il «pittore del Po» (come qualcuno ha voluto definirlo), ma un artista di statura internazionale, che viene rivalutato in questi ultimi anni attraverso il confronto con altri pittori del suo tempo (dal chiarismo al naturalismo), che magari vantano maggior nome ma minore qualità. La strenna di Banca Monte si intitola «Un antico mistero (l'universo pittorico di Goliardo Padova)» e verrà presentata stamani alle 10,30 nel salone delle feste di Palazzo Sanvitale, nel piazzale omonimo; è a cura di Carla Dini, con testi di Gianni Cavazzini e Roberto Tassi, ed è edita da MUP, Monte Università Parma, che proprio in questi giorni sta varando il terzo, corposo volume della «Storia di Parma», realizzata da un pool di studiosi. Il volume si apre con il saluto di Carlo Salvatori, nuovo presidente di Banca Monte, che cita la capacità di Padova di realizzare grandi cicli di soggetti, le lanche del Po, gli uccelli, i nidi, proposti ripetutamente ma mai ripetitivamente, utilizzando svariate tecniche e differenti colori. Segue il testo di Cavazzini, che si sofferma sulla «grande pianura» dell’artista, precisando che «nelle carte e nelle tele qui riprodotte si specchia tutto il percorso di una vita d’artista sempre contesa fra le ragioni chiare e concrete dell’esistere e le aspirazioni di quel miraggio inesausto che solo la pittura può dare a chi la scelga come valore primario del vivere. Goliardo Padova e la grande pianura che, dall’una all’altra sponda, accompagna il corso sinuoso del Po: è questo il motivo che si dirama dalla visione di un artista che ha saputo guardare alla realtà con la sua sensibilità a punta di sismografo, attento a coglierne le sottese inquietudini e i fondi oscuri che si celano al di là della scorza rugosa del visibile». Dopo un ricordo del nipote Leonardo, figlio del «Dudo» (come chiamava Florenzio la madre), ecco il corposo saggio di Roberto Tassi, scritto per il catalogo della mostra alla Permanente di Milano e pubblicato da Guanda nel 1994: «Dobbiamo riconoscere che Padova è dotato di una vista esterna e di una vista interna: vede tutto, fuori di sé, nella realtà, con acutezza e con precisione, gli spini di un cardo, i colori lontani delle case, le luci riflesse dall’acqua tra le piante, le erbe, i rami, le donne che lavorano nei campi, gli operai del gas, il corrompimento della frutta, le ali degli uccelli i voli degli storni, i becchi dei corvi, le nebbie sui monti, un pissolo cimitero di campagna circondato da papaveri, i grossi insetti, i nidi vuoti; trasfigura tutto dentro di sé, come se quelle cose vere fossero parto della fantasia, come se un dio le sognasse, e modifica così la realgtà quel tanto che la trasforma in altro, mentre rimane se stessa. Non è né realista né onirico.
E' un poeta con visioni». Un profilo che rende chiaramente la personalità e lo stile di Goliardo Padova, che in un dattiloscritto degli anni Cinquanta ha lasciato: «Dipingere per me è un atto di vita, un trovare una ragione ai miei giorni». Poi, tutta la serie delle opere, da quelle lontane chiariste alle ultime, caratterizzate dall’eterno amore per la natura e i suoi abitanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": ecco come sarà via Mazzini Foto

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

2commenti

via toscana

Scontra due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

1commento

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

Lega Pro

Parma, sfida delicata contro il Bassano. Diretta dalle 14.30

E alle 21.30 la partita in differita su Tv Parma

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

14commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery