20°

31°

Arte-Cultura

Vita, una luce dal Sol Levante

Vita, una luce dal Sol Levante
0

Il nome del professor Shinya Yamanaka è una bandiera dell’odierno Giappone nel mondo. A lui, quest’anno già insignito della massima onorificenza scientifica del suo Paese, è stato di recente conferito il Premio Balzan (che al Nobel ha assai poco da invidiare), «per la sua scoperta di un metodo che permette di trasformare le cellule adulte già differenziate in cellule che presentano caratteristiche delle staminali embrionali». Queste cellule, chiamate staminali pluripotenti indotte o iPS («induced Pluripotent Stem cell»), sono state inizialmente generate tramite l’introduzione di quattro geni nelle cellule fibroblastiche (tipiche del tessuto connettivo, in grado di produrre le componenti della matrice extracellulare) di cavie da laboratorio con l’aiuto di vettori retro-virali. Shinya Yamanaka, che dirige il Centro per la ricerca e l’applicazione delle cellule iPS all’Università di Kyoto e il Gladstone Institute per le malattie cardiovascolari a San Francisco, ha dimostrato che tali geni sono in grado di riprogrammare il genoma di queste cellule e di farle così ritornare a uno stadio embrionale che le rende capaci di generare tutti i tipi cellulari presenti all’interno di un organismo. Egli e la sua équipe hanno poi dimostrato che si possono anche ottenere cellule iPS partendo da fibroblasti umani. Incontro lo scienziato a Roma, a Palazzo Corsini, sede dell’Accademia Nazionale dei Lincei, al forum interdisciplinare dei vincitori del Premio Balzan 2010. Ha da poco concluso una «lectio magistralis» dal titolo «Human Ips Cells - Nuova Frontiera nella Ricerca Medica» nel corso della quale ha mostrato la foto del nutrito gruppo dei suoi collaboratori. Sorprende l’età: sono tutti giovanissimi. E’ un quarantottenne che dimostra a dir poco quindici anni di meno per il sorriso gentile di ragazzo e la spiritualità del volto, accentuata da occhiali cerchiati in oro.
Professor Yamanaka come siete riusciti a ottenere le prime cellule «riprogrammate» umane?
Abbiamo identificato - mi risponde - i quattro geni utili alla tecnica, effettuando esperimenti sui topi. Ignoravamo quanti fossero gli elementi necessari per riprogrammare una cellula: il loro numero avrebbe potuto variare enormemente. Mi colpì il fatto che quattro fossero sufficienti. Trovare la loro giusta combinazione è stato un colpo di fortuna. Abbiamo poi iniziato a sperimentare sulle cellule umane la procedura applicata sui topi. Dopo quasi un anno di lavoro eravamo però al punto di partenza. Abbiamo allora messo in atto nuove condizioni di coltura delle cellule, monitorandole più a lungo. All’origine del successo c'è quel cambiamento.
Quali risultati avete conseguito?
Da cellule adulte di un infinitesimale lembo di pelle abbiamo ottenuto le prime cellule staminali riprogrammate e pluripotenti, con caratteristiche del tutto simili a quelle embrionali. In altre parole siamo ora in condizione di produrre cellule staminali potenzialmente in grado di trasformarsi in ogni tessuto umano senza ricorrere agli embrioni.
Lei ha parlato al forum di una banca delle cellule staminali. Cosa intende?
La banca delle cellule staminali pluripotenti indotte può essere paragonata a una banca del sangue cui si ricorre quando non è possibile usare il sangue del paziente. Allo stesso modo, le iPS verranno mantenute in un archivio e utilizzate quando e se necessario.
Quale soluzione è preferibile per la produzione delle cellule staminali?
Utilizzare le cellule del paziente comporta un processo assai lungo e dai costi elevati. Perciò è senz'altro preferibile avere cellule staminali già pronte e a disposizione in una banca.
Quali sono le sfide di questo progetto?
Come esistono vari gruppi sanguigni compatibili con i vari pazienti, allo stesso modo anche in questo campo si dovrà condurre una ricerca sulla compatibilità. La sfida è ambiziosa, perché mentre i gruppi sanguigni sono quattro, le combinazioni di cellule sono più di diecimila, per cui il traguardo primario è quello di trovare una sorta di gruppo 0 che possa creare le condizioni di massima compatibilità col maggior numero di pazienti.
Professor Yamanaka, quali prospettive aprono alla ricerca e all’umanità le vostre scoperte?
La tecnologia delle cellule iPS è ancora giovanissima. La sue potenzialità di uso e applicazione in campo medico è enorme, ma esistono ancora aspetti difficili che devono essere superati perché essa possa essere applicata con successo nella scoperta di nuovi farmaci e nella medicina rigenerativa. In tempi lunghi si potrà utilizzarle nella cura dei pazienti senza il rischio di un rigetto e ciò perché le cellule adulte prelevate e riprogrammate sono quelle del paziente. E soprattutto perché, in tempi brevi, potremo usarle nello studio delle malattie e nella sperimentazione di farmaci: attraverso la riprogrammazione delle cellule malate potremo tenere sotto controllo lo sviluppo delle patologie e gli effetti dei rimedi.
Cosa potrà accadere nei prossimi cinque anni?
E' difficile dirlo. I miei colleghi e io continueremo a operare e offrire il meglio per dare impulso all’applicazione farmaceutica della tecnologia delle cellule iPS. E’ doveroso però sottolineare che la generazione di cellule iPS si basa sulle scoperte di numerosi scienziati della riprogrammazione nucleare nonché del lavoro di innumerevoli ricercatori di molti altri campi correlati. Dal nostro primo rapporto sulle cellule iPS, molti scienziati hanno incessantemente lavorato per permettere a questa tecnologia di fare nuovi passi avanti e ora la stanno facendo progredire a incredibile velocità.
Il nome del professor Shinya Yamanaka è una bandiera dell’odierno Giappone nel mondo. A lui, quest’anno già insignito della massima onorificenza scientifica del suo Paese, è stato di recente conferito il Premio Balzan (che al Nobel ha assai poco da invidiare), «per la sua scoperta di un metodo che permette di trasformare le cellule adulte già differenziate in cellule che presentano caratteristiche delle staminali embrionali». Queste cellule, chiamate staminali pluripotenti indotte o iPS («induced Pluripotent Stem cell»), sono state inizialmente generate tramite l’introduzione di quattro geni nelle cellule fibroblastiche (tipiche del tessuto connettivo, in grado di produrre le componenti della matrice extracellulare) di cavie da laboratorio con l’aiuto di vettori retro-virali. Shinya Yamanaka, che dirige il Centro per la ricerca e l’applicazione delle cellule iPS all’Università di Kyoto e il Gladstone Institute per le malattie cardiovascolari a San Francisco, ha dimostrato che tali geni sono in grado di riprogrammare il genoma di queste cellule e di farle così ritornare a uno stadio embrionale che le rende capaci di generare tutti i tipi cellulari presenti all’interno di un organismo. Egli e la sua équipe hanno poi dimostrato che si possono anche ottenere cellule iPS partendo da fibroblasti umani. Incontro lo scienziato a Roma, a Palazzo Corsini, sede dell’Accademia Nazionale dei Lincei, al forum interdisciplinare dei vincitori del Premio Balzan 2010. Ha da poco concluso una «lectio magistralis» dal titolo «Human Ips Cells - Nuova Frontiera nella Ricerca Medica» nel corso della quale ha mostrato la foto del nutrito gruppo dei suoi collaboratori. Sorprende l’età: sono tutti giovanissimi. E’ un quarantottenne che dimostra a dir poco quindici anni di meno per il sorriso gentile di ragazzo e la spiritualità del volto, accentuata da occhiali cerchiati in oro.
Professor Yamanaka come siete riusciti a ottenere le prime cellule «riprogrammate» umane?
Abbiamo identificato - mi risponde - i quattro geni utili alla tecnica, effettuando esperimenti sui topi. Ignoravamo quanti fossero gli elementi necessari per riprogrammare una cellula: il loro numero avrebbe potuto variare enormemente. Mi colpì il fatto che quattro fossero sufficienti. Trovare la loro giusta combinazione è stato un colpo di fortuna. Abbiamo poi iniziato a sperimentare sulle cellule umane la procedura applicata sui topi. Dopo quasi un anno di lavoro eravamo però al punto di partenza. Abbiamo allora messo in atto nuove condizioni di coltura delle cellule, monitorandole più a lungo. All’origine del successo c'è quel cambiamento.
Quali risultati avete conseguito?
Da cellule adulte di un infinitesimale lembo di pelle abbiamo ottenuto le prime cellule staminali riprogrammate e pluripotenti, con caratteristiche del tutto simili a quelle embrionali. In altre parole siamo ora in condizione di produrre cellule staminali potenzialmente in grado di trasformarsi in ogni tessuto umano senza ricorrere agli embrioni.
Lei ha parlato al forum di una banca delle cellule staminali. Cosa intende?
La banca delle cellule staminali pluripotenti indotte può essere paragonata a una banca del sangue cui si ricorre quando non è possibile usare il sangue del paziente. Allo stesso modo, le iPS verranno mantenute in un archivio e utilizzate quando e se necessario.
Quale soluzione è preferibile per la produzione delle cellule staminali?
Utilizzare le cellule del paziente comporta un processo assai lungo e dai costi elevati. Perciò è senz'altro preferibile avere cellule staminali già pronte e a disposizione in una banca.
Quali sono le sfide di questo progetto?
Come esistono vari gruppi sanguigni compatibili con i vari pazienti, allo stesso modo anche in questo campo si dovrà condurre una ricerca sulla compatibilità. La sfida è ambiziosa, perché mentre i gruppi sanguigni sono quattro, le combinazioni di cellule sono più di diecimila, per cui il traguardo primario è quello di trovare una sorta di gruppo 0 che possa creare le condizioni di massima compatibilità col maggior numero di pazienti.
Professor Yamanaka, quali prospettive aprono alla ricerca e all’umanità le vostre scoperte?
La tecnologia delle cellule iPS è ancora giovanissima. La sue potenzialità di uso e applicazione in campo medico è enorme, ma esistono ancora aspetti difficili che devono essere superati perché essa possa essere applicata con successo nella scoperta di nuovi farmaci e nella medicina rigenerativa. In tempi lunghi si potrà utilizzarle nella cura dei pazienti senza il rischio di un rigetto e ciò perché le cellule adulte prelevate e riprogrammate sono quelle del paziente. E soprattutto perché, in tempi brevi, potremo usarle nello studio delle malattie e nella sperimentazione di farmaci: attraverso la riprogrammazione delle cellule malate potremo tenere sotto controllo lo sviluppo delle patologie e gli effetti dei rimedi.
Cosa potrà accadere nei prossimi cinque anni?
E' difficile dirlo. I miei colleghi e io continueremo a operare e offrire il meglio per dare impulso all’applicazione farmaceutica della tecnologia delle cellule iPS. E’ doveroso però sottolineare che la generazione di cellule iPS si basa sulle scoperte di numerosi scienziati della riprogrammazione nucleare nonché del lavoro di innumerevoli ricercatori di molti altri campi correlati. Dal nostro primo rapporto sulle cellule iPS, molti scienziati hanno incessantemente lavorato per permettere a questa tecnologia di fare nuovi passi avanti e ora la stanno facendo progredire a incredibile velocità.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

11commenti

Crisi pd?

Bonaccini: "Parma poteva essere laboratorio nazionale". Franceschini: "Nati per unire, non dividere"

4commenti

autostrada

Pomeriggio di code e traffico intenso tra Fiorenzuola e Parma in A1

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

30commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

19commenti

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

1commento

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

12commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

1commento

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

4commenti

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

2commenti

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

6commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

3commenti

ITALIA/MONDO

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

lutto

E' morto Paolo Limiti: conduttore e paroliere. Scrisse per Mina - Gallery - Video

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse