Arte-Cultura

"Una storia da riscrivere"

"Una storia da riscrivere"
Ricevi gratis le news
0

Dal 25 luglio all’8 settembre 1943. Dalla caduta di Mussolini alla firma dell’armistizio: i 45 giorni. Giorni d’attesa: nei quali s’aspetta la direzione che l’Italia prenderà. S’intitola proprio «La “fiduciosa attesa''» (titolo tratto da un articolo della «Gazzetta di Parma» del 1° agosto 1943) il volume che Fiorenzo Sicuri dedica ai 45 giorni a Parma: un saggio («I quarantacinque giorni a Parma: 25 luglio-8 settembre 1943»,  il sottotitolo) che incrociando un buon numero di fonti (innanzitutto d’epoca) prova a «delineare il più minuziosamente possibile il periodo considerato» colmando di fatto una lacuna su un passaggio poco «coperto» dalla storiografia locale. Quattro capitoli («Luglio», «Le forze politiche», «Agosto», «Settembre») e un mare di note dettagliate, alcune delle quali davvero molto interessanti, per un volumetto agile (un’ottantina di pagine escluse le note) che nelle intenzioni dell’autore dovrebbe fare quasi da «apripista». 
Il libro (pubblicato da Uni.Nova) sarà presentato oggi, alle 17,30 alla Biblioteca internazionale (vicolo delle Asse, Sala ragazzi). Con l’autore interverranno il direttore dell’Istituzione Biblioteche del Comune Giovanni Galli, Margherita Becchetti del Centro studi per la stagione dei movimenti e Giuseppe Massari dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea.
«Questa è la prima ricostruzione dei 45 giorni che viene fatta a Parma. L’ho fatta – spiega Sicuri - seguendo in tutto un metodo analitico: la mia visione della storia di Parma cerca di essere il più possibile oggettiva, senza menzogne e senza omissioni. Su scala nazionale da questo punto di vista sono già stati compiuti passi significativi, mentre a livello locale c’è un’impostazione che risale agli anni Settanta e che, credo, dev’essere superata: io penso che la storia, locale come nazionale, debba essere trattata seriamente, e che non si possano tacere o sottacere alcuni fatti, come ho già mostrato nel libro che ho dedicato a Guido Picelli».
Dopo Picelli, dunque, ecco ora i 45 giorni. «Cosa mi ha colpito? Il carattere liberatorio del 25 luglio: liberatorio per molti – dice l’autore -. Le reazioni dei giovani e delle donne, che connotarono la maggior parte delle manifestazioni di giubilo. I gesti di chi, magari avendo la tessera in tasca, partecipò alla distruzione dei simboli del fascismo: qualcuno passò dall’altra parte per opportunismo, certo, ma molti davvero non ne potevano più, e anche per loro la caduta del regime fu una liberazione. Poi mi ha colpito l’atteggiamento dei fascisti: fermi, quasi attoniti di fronte a quanto stava accadendo. E ancora: il fatto che in quel periodo gli antifascisti fossero deboli, ancora “in formazione”. Gli unici con un minimo di struttura erano i comunisti, i soli che si muovevano sulla via della lotta armata».
Il rapporto tra Parma e altre realtà ci vede più cauti: «In molte province del nord – continua Sicuri - scattarono le manifestazioni operaie, qui invece il fronte sindacale era molto più tranquillo. Si distrussero sì i simboli del regime nell’immediato, ma dopo, concretamente, non ci fu un grande movimento di massa. Ed è curioso notare che mentre la partecipazione della popolazione fu appunto abbastanza limitata, cioè molti “stavano a vedere”, qui i comunisti pensarono subito alle armi. Qui si andò subito verso la lotta armata».
Il volume sui 45 giorni vuole essere un primo passo: quasi un apripista, si diceva, per qualcosa di più ampio. «È un primo mattoncino. La premessa a ragionare su ciò che succede dopo: credo infatti che si debba arrivare a una ricostruzione del periodo 1943-45 che sia analitica e ricca di fonti, e che cerchi di superare le querelle su cui per tanto tempo ci si è incagliati. Non bisogna fermarsi lì, si deve avere una visione più larga. Ad oggi – conclude Fiorenzo Sicuri - non esiste una storia generale del periodo 1943-1945 della provincia di Parma; ci sono storie della resistenza armata, saggi più circoscritti, ma una storia generale non c’è. Bisognerebbe arrivarci». 
La «fiduciosa attesa» -  Uni.Nova, pag. 128, 10,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Congregazione delle Domenicane per Scuole Luigine

SCUOLA

Porta, c'è l'accordo con la Proges: si va avanti

meteo

Parma, allerta a livello giallo

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

3commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

TRAFFICO

Tamponamento risolto sulla tangenziale nord. Il traffico scorre

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

15commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

ITALIA/MONDO

Giustizia

Gli stupratori di Rimini "come iene sulla preda"

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

SPORT

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

3commenti

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

Spettacolo

Gibson, la storia del rock è sommersa dai debiti Video

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day