15°

Arte-Cultura

"Una storia da riscrivere"

"Una storia da riscrivere"
0

Dal 25 luglio all’8 settembre 1943. Dalla caduta di Mussolini alla firma dell’armistizio: i 45 giorni. Giorni d’attesa: nei quali s’aspetta la direzione che l’Italia prenderà. S’intitola proprio «La “fiduciosa attesa''» (titolo tratto da un articolo della «Gazzetta di Parma» del 1° agosto 1943) il volume che Fiorenzo Sicuri dedica ai 45 giorni a Parma: un saggio («I quarantacinque giorni a Parma: 25 luglio-8 settembre 1943»,  il sottotitolo) che incrociando un buon numero di fonti (innanzitutto d’epoca) prova a «delineare il più minuziosamente possibile il periodo considerato» colmando di fatto una lacuna su un passaggio poco «coperto» dalla storiografia locale. Quattro capitoli («Luglio», «Le forze politiche», «Agosto», «Settembre») e un mare di note dettagliate, alcune delle quali davvero molto interessanti, per un volumetto agile (un’ottantina di pagine escluse le note) che nelle intenzioni dell’autore dovrebbe fare quasi da «apripista». 
Il libro (pubblicato da Uni.Nova) sarà presentato oggi, alle 17,30 alla Biblioteca internazionale (vicolo delle Asse, Sala ragazzi). Con l’autore interverranno il direttore dell’Istituzione Biblioteche del Comune Giovanni Galli, Margherita Becchetti del Centro studi per la stagione dei movimenti e Giuseppe Massari dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea.
«Questa è la prima ricostruzione dei 45 giorni che viene fatta a Parma. L’ho fatta – spiega Sicuri - seguendo in tutto un metodo analitico: la mia visione della storia di Parma cerca di essere il più possibile oggettiva, senza menzogne e senza omissioni. Su scala nazionale da questo punto di vista sono già stati compiuti passi significativi, mentre a livello locale c’è un’impostazione che risale agli anni Settanta e che, credo, dev’essere superata: io penso che la storia, locale come nazionale, debba essere trattata seriamente, e che non si possano tacere o sottacere alcuni fatti, come ho già mostrato nel libro che ho dedicato a Guido Picelli».
Dopo Picelli, dunque, ecco ora i 45 giorni. «Cosa mi ha colpito? Il carattere liberatorio del 25 luglio: liberatorio per molti – dice l’autore -. Le reazioni dei giovani e delle donne, che connotarono la maggior parte delle manifestazioni di giubilo. I gesti di chi, magari avendo la tessera in tasca, partecipò alla distruzione dei simboli del fascismo: qualcuno passò dall’altra parte per opportunismo, certo, ma molti davvero non ne potevano più, e anche per loro la caduta del regime fu una liberazione. Poi mi ha colpito l’atteggiamento dei fascisti: fermi, quasi attoniti di fronte a quanto stava accadendo. E ancora: il fatto che in quel periodo gli antifascisti fossero deboli, ancora “in formazione”. Gli unici con un minimo di struttura erano i comunisti, i soli che si muovevano sulla via della lotta armata».
Il rapporto tra Parma e altre realtà ci vede più cauti: «In molte province del nord – continua Sicuri - scattarono le manifestazioni operaie, qui invece il fronte sindacale era molto più tranquillo. Si distrussero sì i simboli del regime nell’immediato, ma dopo, concretamente, non ci fu un grande movimento di massa. Ed è curioso notare che mentre la partecipazione della popolazione fu appunto abbastanza limitata, cioè molti “stavano a vedere”, qui i comunisti pensarono subito alle armi. Qui si andò subito verso la lotta armata».
Il volume sui 45 giorni vuole essere un primo passo: quasi un apripista, si diceva, per qualcosa di più ampio. «È un primo mattoncino. La premessa a ragionare su ciò che succede dopo: credo infatti che si debba arrivare a una ricostruzione del periodo 1943-45 che sia analitica e ricca di fonti, e che cerchi di superare le querelle su cui per tanto tempo ci si è incagliati. Non bisogna fermarsi lì, si deve avere una visione più larga. Ad oggi – conclude Fiorenzo Sicuri - non esiste una storia generale del periodo 1943-1945 della provincia di Parma; ci sono storie della resistenza armata, saggi più circoscritti, ma una storia generale non c’è. Bisognerebbe arrivarci». 
La «fiduciosa attesa» -  Uni.Nova, pag. 128, 10,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv