14°

28°

Arte-Cultura

"Una storia da riscrivere"

"Una storia da riscrivere"
Ricevi gratis le news
0

Dal 25 luglio all’8 settembre 1943. Dalla caduta di Mussolini alla firma dell’armistizio: i 45 giorni. Giorni d’attesa: nei quali s’aspetta la direzione che l’Italia prenderà. S’intitola proprio «La “fiduciosa attesa''» (titolo tratto da un articolo della «Gazzetta di Parma» del 1° agosto 1943) il volume che Fiorenzo Sicuri dedica ai 45 giorni a Parma: un saggio («I quarantacinque giorni a Parma: 25 luglio-8 settembre 1943»,  il sottotitolo) che incrociando un buon numero di fonti (innanzitutto d’epoca) prova a «delineare il più minuziosamente possibile il periodo considerato» colmando di fatto una lacuna su un passaggio poco «coperto» dalla storiografia locale. Quattro capitoli («Luglio», «Le forze politiche», «Agosto», «Settembre») e un mare di note dettagliate, alcune delle quali davvero molto interessanti, per un volumetto agile (un’ottantina di pagine escluse le note) che nelle intenzioni dell’autore dovrebbe fare quasi da «apripista». 
Il libro (pubblicato da Uni.Nova) sarà presentato oggi, alle 17,30 alla Biblioteca internazionale (vicolo delle Asse, Sala ragazzi). Con l’autore interverranno il direttore dell’Istituzione Biblioteche del Comune Giovanni Galli, Margherita Becchetti del Centro studi per la stagione dei movimenti e Giuseppe Massari dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea.
«Questa è la prima ricostruzione dei 45 giorni che viene fatta a Parma. L’ho fatta – spiega Sicuri - seguendo in tutto un metodo analitico: la mia visione della storia di Parma cerca di essere il più possibile oggettiva, senza menzogne e senza omissioni. Su scala nazionale da questo punto di vista sono già stati compiuti passi significativi, mentre a livello locale c’è un’impostazione che risale agli anni Settanta e che, credo, dev’essere superata: io penso che la storia, locale come nazionale, debba essere trattata seriamente, e che non si possano tacere o sottacere alcuni fatti, come ho già mostrato nel libro che ho dedicato a Guido Picelli».
Dopo Picelli, dunque, ecco ora i 45 giorni. «Cosa mi ha colpito? Il carattere liberatorio del 25 luglio: liberatorio per molti – dice l’autore -. Le reazioni dei giovani e delle donne, che connotarono la maggior parte delle manifestazioni di giubilo. I gesti di chi, magari avendo la tessera in tasca, partecipò alla distruzione dei simboli del fascismo: qualcuno passò dall’altra parte per opportunismo, certo, ma molti davvero non ne potevano più, e anche per loro la caduta del regime fu una liberazione. Poi mi ha colpito l’atteggiamento dei fascisti: fermi, quasi attoniti di fronte a quanto stava accadendo. E ancora: il fatto che in quel periodo gli antifascisti fossero deboli, ancora “in formazione”. Gli unici con un minimo di struttura erano i comunisti, i soli che si muovevano sulla via della lotta armata».
Il rapporto tra Parma e altre realtà ci vede più cauti: «In molte province del nord – continua Sicuri - scattarono le manifestazioni operaie, qui invece il fronte sindacale era molto più tranquillo. Si distrussero sì i simboli del regime nell’immediato, ma dopo, concretamente, non ci fu un grande movimento di massa. Ed è curioso notare che mentre la partecipazione della popolazione fu appunto abbastanza limitata, cioè molti “stavano a vedere”, qui i comunisti pensarono subito alle armi. Qui si andò subito verso la lotta armata».
Il volume sui 45 giorni vuole essere un primo passo: quasi un apripista, si diceva, per qualcosa di più ampio. «È un primo mattoncino. La premessa a ragionare su ciò che succede dopo: credo infatti che si debba arrivare a una ricostruzione del periodo 1943-45 che sia analitica e ricca di fonti, e che cerchi di superare le querelle su cui per tanto tempo ci si è incagliati. Non bisogna fermarsi lì, si deve avere una visione più larga. Ad oggi – conclude Fiorenzo Sicuri - non esiste una storia generale del periodo 1943-1945 della provincia di Parma; ci sono storie della resistenza armata, saggi più circoscritti, ma una storia generale non c’è. Bisognerebbe arrivarci». 
La «fiduciosa attesa» -  Uni.Nova, pag. 128, 10,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti