-2°

LIBRI

Tutta un'altra storia, Ken Follett racconta l'Inghilterra del XVI secolo

«La colonna di fuoco»: misteri, amorie complotti

Ken Follett

Ken Follett

Ricevi gratis le news
0

Non è fra gli autori preferiti da critici e intellettuali che, anzi, di solito, davanti al suo nome storcono il naso. Ma di certo ogni libro di Ken Follett è un evento editoriale a livello mondiale. E non fa eccezione l'ultimo arrivato, «La Colonna di fuoco», pubblicato da Mondadori. E' uscito in libreria in contemporanea in tutto il mondo la scorsa settimana ed è già nelle prime posizioni delle classifiche dei best seller.
Follett, che è riuscito a vendere oltre 150 milioni di copie con i suoi trenta libri precedenti, è uno degli scrittori più amati e più letti per i suoi gialli e per i suoi thriller, alcuni magistrali come la Cruna dell'ago.
Ma è famoso soprattutto per le sue saghe storiche. «La Colonna di fuoco» è il terzo capitolo della trilogia di Kingsbridge, aperta ormai quasi trent'anni fa da «I pilastri della terra». E continuata con il «Mondo senza fine» e ambientata nell'Inghilterra medioevale.
Una formula ben collaudata, quella scelta dallo scrittore di origine gallese, che consiste nel raccontare la storia attraverso le vicende di decine di personaggi condendo il tutto con una buona dose di intrighi, misteri, complotti e amori. Ne escono delle grandi rievocazioni storiche malviste dagli storici di professione ma graditissime dai lettori.
Con «I pilastri della terra» Follett era riuscito a far appassionare il pubblico alle vicende di monaci, mercanti, nobili e artigiani che ruotavano intorno alla costruzione di una cattedrale gotica nell’Inghilterra medievale del XII secolo, epoca caratterizzata da guerre civili, carestie, conflitti religiosi e lotte per la successione al trono.

Circa duecento anni dopo si svolgono invece le vicende de «Il mondo senza fine», ambientato sempre nella città immaginaria di Kingsbridge, mentre tutt'intorno si svolgono i principali fatti della storia inglese del XIV secolo dalla deposizione del re Edoardo II per mano della moglie Isabella fino alla peste nera e alla guerra dei cent’anni.

Parte da Kingsbridge anche questo terzo capitolo della trilogia, che, è giusto dirlo chiaramente - come gli altri due - vive senza problemi di vita autonoma ed è leggibile anche da chi non avesse affrontato le oltre duemila pagine dei primi due volumi.

La trama è ambientata in un'altra epoca cruciale e turbolenta della storia inglese ed europea: siamo nella seconda metà del XVI secolo. Sullo sfondo c’è sempre la cattedrale dove tutto scorre come sempre ma solo in apparenza. In realtà, il mondo sta cambiando: la città è lacerata dal conflitto religioso che vede contrapposti i protestanti anglicani ai cattolici.
Una contrapposizione aspra e violenta, talvolta crudele, dove vengono calpestati i valori tradizionali di amore, lealtà e amicizia. Il libro si apre con il ritorno a casa sotto la neve di Ned Willard, figlio di un ricco mercante protestante. Il giovane vorrebbe sposarsi con Margery, figlia del sindaco cattolico della città, ma non c'è nulla da fare contro le barriere degli opposti schieramenti religiosi che insanguinano l’Inghilterra.
Costretto a lasciare Kingsbridge, Ned viene ingaggiato da Sir William Cecil, consigliere di Elisabetta Tudor, futura regina di Inghilterra. Dopo la sua incoronazione, la giovane Elisabetta I vede tutta l’Europa cattolica rivoltarsi contro di lei, prima tra tutti Maria Stuarda, regina di Scozia. Decide così di creare una rete di spionaggio per proteggersi dai numerosi nemici decisi a eliminarla e per contrastare i tentativi di ribellione e invasione del suo regno.
Il giovane Ned diventa uno degli uomini chiave del primo servizio segreto britannico della storia. E anche qui la trama romanzesca messa in piedi da Follett si muove sulla base di fatti storici visto che il primo servizio segreto inglese venne in effetti ideato da William Cecil e da uno dei suoi principali collaboratori, Francis Walsingham, che viene considerato uno dei padri del moderno spionaggio e, di certo, fu colui che raccolse le prove decisive per portare al patibolo Maria Stuarda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260