-1°

Arte-Cultura

Stranieri? No, fratelli

Stranieri? No, fratelli
0

Umberto Squarcia

Ho fatto per alcuni anni esperienza  di vita da forestiero in terra straniera. In condizioni per tanti versi vantaggiose rispetto ad altri, ma pur sempre in un paese di lingua straniera, con difficoltà  di comunicazione, con notevole divario di conoscenze scientifiche e professionali. Posso dire di aver sperimentato e in qualche modo di conoscere le difficoltà, le paure, i sogni e le speranze delle moltitudini di persone che lasciano le loro terre, le loro abitudini, gli orizzonti conosciuti ed amati in cerca di un futuro migliore. Per sé, per i propri  figli e in molti casi per il proprio paese. «L’altro siamo noi» di Enzo Bianchi (Einaudi,  pag. 8210) affronta il tema dell’essere straniero, come parte fondamentale dell’esperienza umana. Esperienza del vivere da forestiero in terra straniera ed anche esperienza del vivere nella propria terra a contatto con le persone straniere che giungono dove esiste maggiore benessere e dove esiste anche una richiesta pressante di collaborazione. Per i lavori più umili , ma non solo per questi. L’essere umano è un essere relazionale: non c’è  un uomo senza altri uomini e ogni persona fa parte dell’umanità, fa parte di una realtà  in cui ci sono gli altri.  «E l’essere umano ha tre modi di relazione: la relazione di ognuno con se stesso, con il proprio intimo, cioè la vita interiore; la relazione di ognuno con gli altri, con l’alterità, cioè la relazione sociale; infine per i credenti la relazione con Dio, alterità delle alterità». La relazione con gli altri implica necessariamente di riconoscere l’altro nella sua singolarità specifica, la sua dignità di uomo, il valore unico e irripetibile della sua esistenza, la sua libertà. «Ma proprio perché la differenza mette paura e poiché esiste in noi una attitudine che ripudia tutto ciò che è lontano da noi per cultura, morale, religione, costumi quando si guarda all’altro solo attraverso il prisma della propria cultura allora si è facilmente soggetti all’incomprensione e all’intolleranza». E’ normale quindi che molte volte la presenza dello straniero generi paura. E la paura faccia crescere una richiesta di sicurezza diffusa in larga parte della nostra società. Ma per vincere la paura servono sì misure di sicurezza che possano scoraggiare le intenzioni e i propositi disonesti, ma serve anche un atteggiamento mentale di accettare il confronto e la possibilità di imparare anche dagli altri. Un ascolto non come momento passivo della comunicazione, ma come atteggiamento di apertura all’altro. «Da un ascolto animato di empatia giungiamo al dialogo, ad un intreccio di linguaggi, di sensi, di culture, di etiche. Dialogare non è annullare le differenze e accettare le convergenze, ma è far vivere le differenze allo stesso titolo delle convergenze. Il dialogo non ha come fine il consenso, ma un reciproco progresso, un avanzare insieme». Continuando questo percorso che va dal confronto all’ascolto, all’empatia, al dialogo arriviamo con Levinas al senso della responsabilità personale. Scrive Emmanuel  Levinas: «Io sono nella misura in cui sono responsabile dell’altro».  Ed ancora:  «Ciò che lo straniero può fare nei miei confronti riguarda lui, ma la responsabilità verso di lui impegna me, in una sorta di relazione asimmetrica in cui la reciprocità non è richiesta, trattandosi di relazione disinteressata e gratuita». Infine Ryszard Kapushinsky portando avanti la logica della identità  personale nel rapporto dinamico con le persone vicine («Lo straniero ti permette di essere te stesso facendo di te uno straniero.  La distanza che ti separa dallo straniero è  quella stessa che ci separa da noi») è giunto ad affermare che  «L’altro siamo noi». La definizione che Enzo Bianchi ha mutuato ed ha posto a titolo delle sue riflessioni sull’argomento. L’attenzione, la cura e il rispetto per lo straniero si basa su una memoria storica.   «Amate il forestiero perché  anche voi foste forestieri in terra d’Egitto» (Deuteronomio 10,19). «Ero straniero e mi avete ospitato» dice Gesù nel suo racconto sul Giudizio. Sul nostro comportamento verso gli stranieri, come verso le altre situazioni di emarginazione e sofferenza, i malati, i carcerati, gli affamati  e assetati saremo giudicati nel giorno del giudizio finale.  «In verità  vi dico: tutto quello che avete fatto a uno dei più  piccoli di questi miei fratelli l’avete fatto a me» (Matteo 31-46). Anche la scienza con i risultati delle sue ultime ricerche nel campo delle neuroscienze sembra confermare   il concetto filosofico-teologico sviluppato da Enzo Bianchi nel suo «L’altro siamo noi». Nel loro   volume «So quel che fai» (Raffaello Cortina Editore, luglio 2009, pag. 216,22 ) gli autori G. Rizzolatti e C. Sinigallia espongono con ricchezza di dati sperimentali la teoria dei neuroni a specchio secondo la quale queste cellule nervose sono dotate di una sorprendente proprietà: si attivano sia quando compiamo una data azione in prima persona sia quando vediamo che altri la fanno. Il cervello simula il comportamento che vede negli altri, ne comprende le intenzioni, ne condivide le emozioni e così  entra in sintonia con loro. Il meccanismo empatico è  alla base della vita sociale.   «Abbiamo bisogno degli altri per esprimere noi stessi - dice Rizzolatti -. Senza gli altri siamo poca cosa e per di piu’ infelici. Alla base della coscienza dell’individuo non sta l’io, ma  la relazione con gli altri». La scienza affronta in forma sperimentale e positivista il tema dei rapporti tra le persone e conferma il concetto «Io e tu: un binomio inscindibile». La mia esperienza di forestiero in terra straniera mi ha permesso di divenire pienamente me stesso. E di sentirmi vicino alle persone forestiere sulla nostra terra che sognano un futuro migliore.

L'altro siamo noi
Einaudi, pag.  82, €10,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti