Arte-Cultura

Solzenicyn, parole ricolme di verità

Solzenicyn, parole ricolme di verità
0

Sergio Caroli

Per tre anni sono andata a trovarlo e lui registrava le risposte alle mie domande; mi ha detto che non voleva si pubblicassero sue biografie lui vivente (...), ma poi mi ha scelto come la persona più indicata per scrivere un libro del genere. A quel punto mi ha letteralmente aperto il suo archivio personale, fornendomi documenti di ogni tipo: i suoi scritti giovanili e del tempo di guerra, i diari, le prime opere, le lettere, le memorie; tutto è entrato nel mio libro». Così, in un’intervista, Ljudmila Saraskina, insigne studiosa di Dostoevskij e autrice di «Solzenicyn» (San Paolo, pagine 1441, euro 84), opera monumentale che si legge come un romanzo e probabilmente destinata a vincere il tempo come «Arcipelago Gulag». Fluidità e leggerezza ne contrassegnano lo stile, nel quale si raccolgono meditazioni senza numero intorno a un itinerario umano e artistico senza pari, che si fa specchio della storia della cultura del XX secolo. Ne parlo con Adriano Dell’Asta, professore di Lingua e letteratura russa all’Università Cattolica di Milano, curatore del volume, oltre che di una densa prefazione.
Professore, una lettera «sovversiva»  a un compagno di scuola consegna Solzenicyn, eroico ufficiale di artiglieria sul fronte tedesco, al Gulag. La terribile esperienza gli detta una concezione della letteratura cui rimarrà fedele sino alla morte. Come caratterizzarla?
Una definizione rapida potrebbe essere data dal «Vivere senza menzogna», restituire all’uomo russo e a tutta l’umanità il senso di una verità e di una realtà che non sono frutto dell’ideologia ma vanno riconosciute, fanno appello alla responsabilità e alla libertà di ciascun uomo. Nella biografia della Saraskina si narra un episodio in apparenza di poco conto, e che è invece estremamente significativo di quale sia stato e di quale sia oggi il valore di Solzenicyn: siamo a metà novembre del 1962 nel giorno dell’uscita della rivista «Novyj Mir» con la prima edizione di «Una giornata di Ivan Denisovic»: ad un chiosco dove si vendono riviste si presenta un uomo un po' strampalato, che non riesce a dire il nome della «Novyj Mir» e chiede alla giornalaia: «Ma sì, ma sì, quella dove c'è scritta tutta la verità!». E lei capisce di che cosa sta parlando. Questo è il miracolo realizzato da Solzenicyn: dopo decenni in cui le parole non dicevano più la verità, le parole tornavano a significare la realtà, tornavano a dire la verità.
Per il giovane Solzenicyn la matematica era «il pezzo di pane sicuro, mentre la letteratura era la sua vocazione», ma il misterioso fascino della personalità e dell’opera sua non scaturiscono proprio dall’osmosi fra quei due mondi?
La matematica ha lasciato un segno nell’opera di Solzenicyn, lo dice lui stesso quando ricorda che proprio la matematica gli suggerì il metodo della scrittura per «nodi», cioè quel particolare accorgimento con il quale ha organizzato la «Ruota rossa», il suo enorme romanzo in più volumi sulla Rivoluzione: siccome non si poteva sognare o pretendere di scrivere un’opera che ricostruisse tutti gli avvenimenti della Rivoluzione (perché quest’impresa andava al di là delle possibilità di un uomo solo, giacché molti documenti e testimonianze erano irraggiungibili, e perché la tentazione della totalità, la pretesa di dominare tutto aveva già mostrato quali tremendi esiti potesse generare), bisognava escogitare qualche altra modalità per cercare di restituire il senso di quello che era avvenuto. Questo strumento, suggerito dalla matematica, sono appunto i «nodi» della «Ruota rossa»: alcuni punti cruciali (Agosto 1914, Ottobre 1916, Marzo 1917, Aprile 1917) attorno ai quali si concentra la narrazione, per tentare di rendere l’insieme; come quando per descrivere una curva, non se ne danno tutti i punti ma solo alcuni. Questo metodo, nutrito dall’intuizione artistica e dall’esperienza spirituale, può portare a risultati del tutto inattesi, specie se si pensa che per due punti passa un solo piano, mentre per un solo punto non passa né un solo piano, né la totalità dei piani (tentazione pericolosa, come si è detto), ma l’infinito dei piani.
«Grazie a Marx eravamo esentati dal dover leggere tutta la filosofia mondiale precedente, venticinque secoli di pensiero; avevamo tutte le verità a portata di mano! Ah, è davvero un veleno terribile, quando ti dicono che la verità è già stata trovata». Così ricorda gli anni universitari Solzenicyn, l’incarnazione monumentale della lotta metafisica dell’individuo contro lo Stato. Quando e come si consumò la sua rottura col marxismo?
Si consuma attraverso un lungo percorso esistenziale: la guerra, il campo di concentramento e il cancro, che pongono lo scrittore di fronte alla realtà, liberandolo dalle costruzioni di ogni ideologia. A fondamento dell’umanesimo di Solzenicyn sta l’educazione cristiana, che lo aveva segnato pur attraverso il tentativo di distruzione messo in atto dall’indottrinamento sovietico.
Lev Danilkin, «columnist» della rivista russa «Afisha», ha accusato la biografia della Saraskina di non mettere in luce gli aspetti negativi dell’uomo Solzenicyn. Cosa risponde?
La stessa Saraskina aveva anticipato queste critiche nella sua introduzione e lo ricorda poi lungo tutto il testo: tutto il negativo che si poteva dire su Solzenicyn era già stato detto. Certe accuse (di essere antisemita, teocratico, zarista, nemico della libertà eccetera) lasciano davvero interdetti, totalmente prive come sono d’ogni fondamento. La Saraskina ricorda che lo stesso Solzenicyn aveva detto su se stesso delle cose terribili, che nella biografia non vengono comunque nascoste.
Solzenicyn - San Paolo, pag. 1441, 84,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)