Arte-Cultura

Solzenicyn, parole ricolme di verità

Solzenicyn, parole ricolme di verità
Ricevi gratis le news
0

Sergio Caroli

Per tre anni sono andata a trovarlo e lui registrava le risposte alle mie domande; mi ha detto che non voleva si pubblicassero sue biografie lui vivente (...), ma poi mi ha scelto come la persona più indicata per scrivere un libro del genere. A quel punto mi ha letteralmente aperto il suo archivio personale, fornendomi documenti di ogni tipo: i suoi scritti giovanili e del tempo di guerra, i diari, le prime opere, le lettere, le memorie; tutto è entrato nel mio libro». Così, in un’intervista, Ljudmila Saraskina, insigne studiosa di Dostoevskij e autrice di «Solzenicyn» (San Paolo, pagine 1441, euro 84), opera monumentale che si legge come un romanzo e probabilmente destinata a vincere il tempo come «Arcipelago Gulag». Fluidità e leggerezza ne contrassegnano lo stile, nel quale si raccolgono meditazioni senza numero intorno a un itinerario umano e artistico senza pari, che si fa specchio della storia della cultura del XX secolo. Ne parlo con Adriano Dell’Asta, professore di Lingua e letteratura russa all’Università Cattolica di Milano, curatore del volume, oltre che di una densa prefazione.
Professore, una lettera «sovversiva»  a un compagno di scuola consegna Solzenicyn, eroico ufficiale di artiglieria sul fronte tedesco, al Gulag. La terribile esperienza gli detta una concezione della letteratura cui rimarrà fedele sino alla morte. Come caratterizzarla?
Una definizione rapida potrebbe essere data dal «Vivere senza menzogna», restituire all’uomo russo e a tutta l’umanità il senso di una verità e di una realtà che non sono frutto dell’ideologia ma vanno riconosciute, fanno appello alla responsabilità e alla libertà di ciascun uomo. Nella biografia della Saraskina si narra un episodio in apparenza di poco conto, e che è invece estremamente significativo di quale sia stato e di quale sia oggi il valore di Solzenicyn: siamo a metà novembre del 1962 nel giorno dell’uscita della rivista «Novyj Mir» con la prima edizione di «Una giornata di Ivan Denisovic»: ad un chiosco dove si vendono riviste si presenta un uomo un po' strampalato, che non riesce a dire il nome della «Novyj Mir» e chiede alla giornalaia: «Ma sì, ma sì, quella dove c'è scritta tutta la verità!». E lei capisce di che cosa sta parlando. Questo è il miracolo realizzato da Solzenicyn: dopo decenni in cui le parole non dicevano più la verità, le parole tornavano a significare la realtà, tornavano a dire la verità.
Per il giovane Solzenicyn la matematica era «il pezzo di pane sicuro, mentre la letteratura era la sua vocazione», ma il misterioso fascino della personalità e dell’opera sua non scaturiscono proprio dall’osmosi fra quei due mondi?
La matematica ha lasciato un segno nell’opera di Solzenicyn, lo dice lui stesso quando ricorda che proprio la matematica gli suggerì il metodo della scrittura per «nodi», cioè quel particolare accorgimento con il quale ha organizzato la «Ruota rossa», il suo enorme romanzo in più volumi sulla Rivoluzione: siccome non si poteva sognare o pretendere di scrivere un’opera che ricostruisse tutti gli avvenimenti della Rivoluzione (perché quest’impresa andava al di là delle possibilità di un uomo solo, giacché molti documenti e testimonianze erano irraggiungibili, e perché la tentazione della totalità, la pretesa di dominare tutto aveva già mostrato quali tremendi esiti potesse generare), bisognava escogitare qualche altra modalità per cercare di restituire il senso di quello che era avvenuto. Questo strumento, suggerito dalla matematica, sono appunto i «nodi» della «Ruota rossa»: alcuni punti cruciali (Agosto 1914, Ottobre 1916, Marzo 1917, Aprile 1917) attorno ai quali si concentra la narrazione, per tentare di rendere l’insieme; come quando per descrivere una curva, non se ne danno tutti i punti ma solo alcuni. Questo metodo, nutrito dall’intuizione artistica e dall’esperienza spirituale, può portare a risultati del tutto inattesi, specie se si pensa che per due punti passa un solo piano, mentre per un solo punto non passa né un solo piano, né la totalità dei piani (tentazione pericolosa, come si è detto), ma l’infinito dei piani.
«Grazie a Marx eravamo esentati dal dover leggere tutta la filosofia mondiale precedente, venticinque secoli di pensiero; avevamo tutte le verità a portata di mano! Ah, è davvero un veleno terribile, quando ti dicono che la verità è già stata trovata». Così ricorda gli anni universitari Solzenicyn, l’incarnazione monumentale della lotta metafisica dell’individuo contro lo Stato. Quando e come si consumò la sua rottura col marxismo?
Si consuma attraverso un lungo percorso esistenziale: la guerra, il campo di concentramento e il cancro, che pongono lo scrittore di fronte alla realtà, liberandolo dalle costruzioni di ogni ideologia. A fondamento dell’umanesimo di Solzenicyn sta l’educazione cristiana, che lo aveva segnato pur attraverso il tentativo di distruzione messo in atto dall’indottrinamento sovietico.
Lev Danilkin, «columnist» della rivista russa «Afisha», ha accusato la biografia della Saraskina di non mettere in luce gli aspetti negativi dell’uomo Solzenicyn. Cosa risponde?
La stessa Saraskina aveva anticipato queste critiche nella sua introduzione e lo ricorda poi lungo tutto il testo: tutto il negativo che si poteva dire su Solzenicyn era già stato detto. Certe accuse (di essere antisemita, teocratico, zarista, nemico della libertà eccetera) lasciano davvero interdetti, totalmente prive come sono d’ogni fondamento. La Saraskina ricorda che lo stesso Solzenicyn aveva detto su se stesso delle cose terribili, che nella biografia non vengono comunque nascoste.
Solzenicyn - San Paolo, pag. 1441, 84,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

allarme maltempo

L'Enza e il Taro fanno paura: vertice notturno. Sorbolo, ponte chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

5commenti

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

MALTEMPO

Ghiaccio (le foto) e black-out, Lucchi: "Berceto in ginocchio" Video: il Baganza fa paura

anteprima Gazzetta

Un altro grave incidente sulla Massese

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

Ladri, rifiuti, droga: non c'è pace. Ma qualcuno "resiste". Parlano i commercianti

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

manhattan

Esplosione a New York: "Bombardano il mio Paese (Bangladesh) volevo vendetta" Mappa - Foto - Il momento dell'esplosione

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS