12°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Una bellissima creatura

0

Marta Silvi Bergamaschi
-A quindici anni scrivevo: ti amo, sul tronco di un albero, custode e giudice immobile di casa. Sussurravo: non voglio farti male. Ti amo è un impeto del cuore, astrazione pura. Amo anche te, generoso paralume verde che emani vita.-
- Ora, mia cara, non è più tempo di scrivere: ora te ne vai in montagna. Te lo ordino come medico e come marito.- -Mi spieghi perché dovrei ubbidire ai tuoi ordini?- -Sei pallida, stanca, dimagrita: da brava, fai le valigie: io ti conduco e poi torno. A fine settimana ti raggiungo e ci fermiamo a Canazei dieci giorni. Questa volta sono io che decido. E’ iniziato un nuovo anno.- Intanto la guardava con occhi acuti, dolci e risoluti: gli occhi mobili e sempre diversi che l’avevano fatta innamorare. I “lettori dell’anima” li aveva definiti. Poi gli disse: non credi potrebbe essere pericoloso leggere l’anima? Lui rise, ma non rispose. O disse, bisbigliando: le solite evasioni fantasiose. Fu così che si trovò in montagna. Era, il giorno, una matassa di luce che l’avvolgeva, un sole lustro s’adagiava sui monti, sulle case, sulla neve che brillava come bianca lava. Bellissimo, anche se a lei i monti così fermi, immensi incutevano soggezione. Il mare era vita, la vita nasce nell’acqua: i monti le suggerivano l’aspetto severissimo della vita. Implacabile e immoto. E che cos’è la vita se non l’attesa dell’ultima chiave che aprirà la porta misteriosa? E’ proprio soltanto questo Elisa? Non ti sbagli? L’Hotel Bernard non era affatto cambiato: ogni cosa al proprio posto come due anni prima quando con Vincenzo ci aveva trascorso venti giorni. In sala da pranzo i posti occupati erano pochi. Dalle ampie finestre si scorgevano rari sciatori, piste intatte o macchiate di puntolini neri che sparivano e ricomparivano. La crisi, pensò Elisa. E quasi si sentì in colpa. Non le piaceva sciare. Le piaceva nuotare. Provò un paio di sci, anni addietro, e subito cadde. Il cielo le fu addosso azzurro e leggero come un velo: si mise ferma, sorridendo a quel tetto infinito camminato da soffici nuvole fino a quando Vincenzo arrivò a rimetterla in piedi.
–Ci rinuncio- affermò. Non imparò mai a sciare. Un signore l’osservava dal tavolo vicino: era ora di pranzo. Era solo. Un signore elegante, capelli brizzolati, viso abbronzato, occhi sottili e curiosi: due fessure intriganti. Elisa sapeva che tra poco le avrebbe rivolto la parola. Infatti:- La signora è sola?- Prevale sempre la banalità, pensò Elisa. –Per ora- rispose. –Ah, fece il signore. Lo immaginavo. E’ pericoloso lasciare sola una bella signora.- -Sono coraggiosa- rispose Elisa. – E lui?- -Lui è a casa con una bellissima creatura. Fulva, occhi enormi, dolcissimi, è docile e affettuosa. Sono tranquilla. E’ in buone mani.- -Voi giovani sapete instaurare rapporti interessanti, appunto perché trasgressivi. Avete, secondo me, innocuo professore di filosofia, assorbito dalla cultura orientale…- -No…no, signore. La cultura orientale la possiamo escludere, nel caso nostro: anche se l’accettiamo con tutto rispetto.- -E allora?- -Allora io non ho nulla da confessare. Il pranzo sta arrivando. Vorrei gustare le buone cose che ci stanno portando. Mi scusi.- Trascorsero due giorni strani. Elisa inevitabilmente incontrava il professore: durante le passeggiate, in paese, nei negozi. La seguiva, austero e deciso. La fissava: dagli occhi sottili uscivano sguardi taglienti come bisturi. Un mattino la invitò:- Lo accetta un caffè?- Non osò dire di no. La prese un tremore strano: e se fosse pazzo? Suvvia Elisa, non essere ridicola. Ognuno di noi porta in sé un pizzico di follia. Lo sai perfettamente. E stasera arriva Vincenzo. Sorbirono il caffè in un iniziale imbarazzante silenzio. Il professore sbottò:- E se le chiedessi di raccontarmi la sua storia?- -E’ una storia normale. Sta per caso scrivendo un libro? La vedo scrivere nel sole con una penna nera (non usa il computer, bravo). Scrive nel giardino dell’albergo. La normalità non serve. I libri corrono su altre rotaie.- Lui tacque. Misteriosamente assorto. In una sosta lunga e noiosa. Si alzarono e raggiunsero l’hotel. Giunse sera. Arrivò Vincenzo. Al guinzaglio era con lui Billie, la loro cara, splendida boxer. Fulva, superba, uno sguardo disarmante. Il professore li guardava. Elisa gli disse: -Permette? Le presento Billie, la creatura bellissima e fedele di cui le ho parlato. Le presento Vincenzo, mio marito. Era o non era in ottima compagnia?- Il professore sorrise amaro. Vincenzo fissò sua moglie con uno dei suoi sguardi imprevedibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia