15°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Una bellissima creatura

0

Marta Silvi Bergamaschi
-A quindici anni scrivevo: ti amo, sul tronco di un albero, custode e giudice immobile di casa. Sussurravo: non voglio farti male. Ti amo è un impeto del cuore, astrazione pura. Amo anche te, generoso paralume verde che emani vita.-
- Ora, mia cara, non è più tempo di scrivere: ora te ne vai in montagna. Te lo ordino come medico e come marito.- -Mi spieghi perché dovrei ubbidire ai tuoi ordini?- -Sei pallida, stanca, dimagrita: da brava, fai le valigie: io ti conduco e poi torno. A fine settimana ti raggiungo e ci fermiamo a Canazei dieci giorni. Questa volta sono io che decido. E’ iniziato un nuovo anno.- Intanto la guardava con occhi acuti, dolci e risoluti: gli occhi mobili e sempre diversi che l’avevano fatta innamorare. I “lettori dell’anima” li aveva definiti. Poi gli disse: non credi potrebbe essere pericoloso leggere l’anima? Lui rise, ma non rispose. O disse, bisbigliando: le solite evasioni fantasiose. Fu così che si trovò in montagna. Era, il giorno, una matassa di luce che l’avvolgeva, un sole lustro s’adagiava sui monti, sulle case, sulla neve che brillava come bianca lava. Bellissimo, anche se a lei i monti così fermi, immensi incutevano soggezione. Il mare era vita, la vita nasce nell’acqua: i monti le suggerivano l’aspetto severissimo della vita. Implacabile e immoto. E che cos’è la vita se non l’attesa dell’ultima chiave che aprirà la porta misteriosa? E’ proprio soltanto questo Elisa? Non ti sbagli? L’Hotel Bernard non era affatto cambiato: ogni cosa al proprio posto come due anni prima quando con Vincenzo ci aveva trascorso venti giorni. In sala da pranzo i posti occupati erano pochi. Dalle ampie finestre si scorgevano rari sciatori, piste intatte o macchiate di puntolini neri che sparivano e ricomparivano. La crisi, pensò Elisa. E quasi si sentì in colpa. Non le piaceva sciare. Le piaceva nuotare. Provò un paio di sci, anni addietro, e subito cadde. Il cielo le fu addosso azzurro e leggero come un velo: si mise ferma, sorridendo a quel tetto infinito camminato da soffici nuvole fino a quando Vincenzo arrivò a rimetterla in piedi.
–Ci rinuncio- affermò. Non imparò mai a sciare. Un signore l’osservava dal tavolo vicino: era ora di pranzo. Era solo. Un signore elegante, capelli brizzolati, viso abbronzato, occhi sottili e curiosi: due fessure intriganti. Elisa sapeva che tra poco le avrebbe rivolto la parola. Infatti:- La signora è sola?- Prevale sempre la banalità, pensò Elisa. –Per ora- rispose. –Ah, fece il signore. Lo immaginavo. E’ pericoloso lasciare sola una bella signora.- -Sono coraggiosa- rispose Elisa. – E lui?- -Lui è a casa con una bellissima creatura. Fulva, occhi enormi, dolcissimi, è docile e affettuosa. Sono tranquilla. E’ in buone mani.- -Voi giovani sapete instaurare rapporti interessanti, appunto perché trasgressivi. Avete, secondo me, innocuo professore di filosofia, assorbito dalla cultura orientale…- -No…no, signore. La cultura orientale la possiamo escludere, nel caso nostro: anche se l’accettiamo con tutto rispetto.- -E allora?- -Allora io non ho nulla da confessare. Il pranzo sta arrivando. Vorrei gustare le buone cose che ci stanno portando. Mi scusi.- Trascorsero due giorni strani. Elisa inevitabilmente incontrava il professore: durante le passeggiate, in paese, nei negozi. La seguiva, austero e deciso. La fissava: dagli occhi sottili uscivano sguardi taglienti come bisturi. Un mattino la invitò:- Lo accetta un caffè?- Non osò dire di no. La prese un tremore strano: e se fosse pazzo? Suvvia Elisa, non essere ridicola. Ognuno di noi porta in sé un pizzico di follia. Lo sai perfettamente. E stasera arriva Vincenzo. Sorbirono il caffè in un iniziale imbarazzante silenzio. Il professore sbottò:- E se le chiedessi di raccontarmi la sua storia?- -E’ una storia normale. Sta per caso scrivendo un libro? La vedo scrivere nel sole con una penna nera (non usa il computer, bravo). Scrive nel giardino dell’albergo. La normalità non serve. I libri corrono su altre rotaie.- Lui tacque. Misteriosamente assorto. In una sosta lunga e noiosa. Si alzarono e raggiunsero l’hotel. Giunse sera. Arrivò Vincenzo. Al guinzaglio era con lui Billie, la loro cara, splendida boxer. Fulva, superba, uno sguardo disarmante. Il professore li guardava. Elisa gli disse: -Permette? Le presento Billie, la creatura bellissima e fedele di cui le ho parlato. Le presento Vincenzo, mio marito. Era o non era in ottima compagnia?- Il professore sorrise amaro. Vincenzo fissò sua moglie con uno dei suoi sguardi imprevedibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa